Suggerimenti

Pianta Mikado: cura

La pianta del mikado, con il suo aspetto e le sue dimensioni uniche, è una di quelle piante che non lascia indifferenti poiché sono in grado di fornire, da sole, un tocco diverso e suggestivo alla decorazione di qualsiasi spazio.

Se vuoi imparare a coltivare questa piccola pianta sorprendente, continua a leggere questo articolo di EcologíaVerde in cui parleremo della pianta del mikado e della sua cura.

Caratteristiche della pianta del mikado

Il Syngonanthus chrysanthus, che è il nome scientifico della pianta comunemente chiamata mikado o kokedama mikado, è una pianta originaria delle zone tropicali del Brasile. Appartiene al genere Syngonanthus, che conta più di 200 specie, tutte caratterizzate dal loro ambiente acquatico.

Prende il nome dal Mikado, un gioco orientale per bambini costituito da una serie di lunghi e sottili bastoncini di legno, che ricordano fortemente le particolari dimensioni di questa pianta, con i suoi lunghi fusti totalmente dritti privi di foglie o rami.

Presenta una rosetta di fini foglie verdi, da cui spuntano le sue caratteristiche infiorescenze, che sono i lunghi steli sormontati da un bocciolo di fiore bianco o dorato prima dell’apertura.

Gli steli dei fiori raggiungono un’altezza compresa tra 25 e 30 cm, mentre la rosetta ha un diametro di circa 8 cm, essendo una piccola pianta che possiamo posizionare praticamente ovunque.

Se vuoi saperne di più sulle piante acquatiche, ti lasciamo questo altro articolo con più di 50 piante acquatiche: nomi e caratteristiche.

Posizione e clima della pianta del mikado

Come per molte specie, il suo status di pianta tropicale ci dice molto sulle sue esigenze in termini di luce e temperatura. Perciò:

  • Nel suo habitat naturale: ed essendo una piccola pianta si trova in zone molto luminose ma è ricoperta dal resto della vegetazione più alta, quindi necessita di zone molto luminose ma sempre protette dai raggi diretti del sole.
  • All’interno: l’ideale è collocarlo in una stanza con molta luce ma lontano dalle finestre. Se non c’è altra scelta che posizionarlo accanto a una finestra o a una fonte di luce, sarà necessario utilizzare una tenda trasparente che filtri la luce, dandogli la luminosità di cui ha bisogno senza danneggiarla.

Il kokedama mikado può essere coltivato anche all’aperto, ma solo in zone con clima temperato molto simile a quello tropicale, quindi è più comunemente coltivato indoor, in vaso.

La sua temperatura ideale è compresa tra 19ºC e 22ºC, tollerando il freddo fino a 14ºC e riscaldando fino a 30ºC. Possiamo quindi vedere che questo è il suo principale punto debole e uno dei punti più importanti quando si parla di cura del mikado: la temperatura ambiente.

Scopri di più su Eccesso o mancanza di luce nelle piante in questo altro post di EcologíaVerde che ti consigliamo.

Innaffiare la pianta del mikado

Come potrebbe essere altrimenti, questo è l’altro grande pilastro della cura di questa pianta tropicale: l’irrigazione e l’umidità. I climi tropicali sono caratterizzati, oltre che dalla stabilità della temperatura, anche da alti livelli di umidità e la pianta del mikado ha bisogno di queste condizioni.

Va annaffiata spesso per mantenere un livello di umidità costante nel substrato, trattandosi di una specie acquatica delle zone paludose. Questo non significa che dovremmo allagare il substrato, perché sebbene il kokedama mikado sia più resistente a queste condizioni, a lungo andare potrebbero danneggiarlo. Mantienilo sempre umido, sia con un sistema di irrigazione a goccia, sia annaffiando a mano circa 5 volte a settimana, soprattutto nei mesi caldi.

La pianta richiede anche un’elevata umidità ambientale, che può essere emulata sia spruzzando acqua sulla sua rosetta una o due volte al giorno, sia appoggiando il vaso su un piccolo letto di sassi e ciottoli parzialmente immerso nell’acqua. In questo modo, l’umidità aumenterà per evaporazione, intrufolandosi attraverso i fori di drenaggio e avvolgendo la pianta.

Qui puoi scoprire come realizzare un sistema di irrigazione a goccia fatto in casa che potrebbe esserti di aiuto.

Substrato per la pianta del mikado

Per quanto riguarda il substrato, la pianta non è eccessivamente esigente, l’unico punto importante è che il terreno deve essere leggermente acido, con un pH compreso tra 4 e 5 punti. Se l’acqua nella tua zona è molto ricca di calcio, è probabile che finisca per alterare il pH del substrato, quindi se vedi segni che il substrato è diventato troppo alcalino, come foglie o steli gialli, trapiantalo e inizia ad annaffiarlo con acqua distillata o almeno lascia riposare l’acqua del rubinetto per 24 ore prima di annaffiare con essa. In questo modo i sali si depositeranno sul fondo e se annaffiate senza far precipitare tutta l’acqua eviterete di aggiungere questi elementi al terriccio della pianta.

Cosa fare se la tua pianta di mikado si secca

Se la pianta appare secca o mostra segni di ingiallimento è molto probabilmente dovuto a:

  • Mancanza di annaffiature e umidità: in questo caso è sufficiente aumentare gradualmente le annaffiature e le irrorazioni.
  • Il substrato ha perso la sua acidità: è necessario trapiantarlo in un nuovo vaso con un substrato specifico per piante acidofile e interrompere le annaffiature con acqua di rubinetto.

Dai un’occhiata a questo altro articolo sui tipi di substrato che esistono e che potrebbero aiutarti a capire di più sull’argomento.

Se desideri leggere altri articoli simili a Mikado plant: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.