Suggerimenti

Come piantare le more: guida completa [Immagini + passaggi da seguire]

La mora è un’ottima alternativa da seminare nel nostro giardino di casa, dal momento che fornisce molto e richiede molto poco.  Non è una coltura molto esigente e cresce bene nelle zone temperate.

Alcune varietà tollerano condizioni ancora più calde e persino tropicali.

Se decidi di coltivare more,  è molto importante che tu tenga conto di alcune cose  perché tu abbia successo.

In questo articolo ti diciamo qual è il modo più semplice per piantare le more.

Punti importanti durante la semina di Blackberry:
  • Quando?  La semina viene effettuata nella stagione delle piogge o solo se c’è un’abbondante irrigazione.
  • Dove?   Sebbene ami la luce del sole, è sensibile all’eccesso, quindi se la regione è molto calda, è consigliabile posizionare la pianta in un luogo semiombreggiato.
  • Tempo di crescita? Entro un anno o due può dare i primi frutti.
  • Come prepariamo il terreno?  Le more crescono meglio in terreni argillosi con un buon drenaggio in modo che venga trattenuta solo una quantità sufficiente di acqua e l’eccesso venga facilmente drenato.
  • Come innaffiamo?  Si raccomanda che le innaffiature siano frequenti e brevi, soprattutto durante la stagione della fioritura e dell’allegagione, quando l’irrigazione diventa indispensabile.
  • Come seminiamo? Qui passo dopo passo.
  • Come raccogliamo?  Vendemmia a fine estate , quando le more sono diventate viola-nere.
  • Associazioni sfavorevoli?  Solanacee, come la belladonna, il pomodoro , la patata e il peperone .
  • Piaghe e malattie? Predatori, acari , tripidi , marciume grigio, peronospora, fiele coronale.

Di cosa abbiamo bisogno per piantare le more?

Quando dovrebbe essere seminato?

La semina è fatta  nella stagione delle piogge o solo in caso di irrigazione abbondante. 

In quelle regioni con inverni molto freddi , si consiglia di attendere la primavera .

Nelle zone con inverni più miti, possono essere piantati in autunno , quindi hanno la possibilità di stabilirsi prima della loro stagione di crescita.

Quali sono le condizioni di luce e temperatura più favorevoli?

Loro hanno bisogno  un clima relativamente fresco e soleggiato. Anche se gli piace la luce del sole, è sensibile all’eccesso, quindi se la regione è molto caldo , ma è consigliabile per localizzare esso in un posto in semi – ombra.

La sua temperatura ottimale è compresa tra 16ºC e 25°C , con un’umidità relativa compresa tra l’80 e il 90%.

Ogni quanto va annaffiato?

La mora è sensibile alla siccità. Il suo apparato radicale non è molto profondo , quindi si raccomanda che le innaffiature siano frequenti e brevi, soprattutto durante la fioritura e l’ allegagione , cioè quando l’ irrigazione diventa indispensabile.

Per la sua crescita e produzione ottimale necessita di circa 3 cm di acqua a settimana . Se fa molto caldo, la quantità può aumentare fino a 5 cm.

Considera di applicare da 3 a 5 cm di pacciame durante le stagioni più calde per conservare l’umidità e prevenire l’erosione del suolo.

Un buon schema di irrigazione si traduce in una dimensione maggiore del frutto , nonché in un maggior numero e diametro delle canne.

 Il terreno deve rimanere sempre umido al tatto,  ma senza pozzanghere, in quanto può uccidere la pianta.

Si consiglia un sistema di irrigazione a goccia .

Come prepariamo il terreno?

Le more crescono meglio  in terreni argillosi, con buon drenaggio, in modo che venga trattenuta solo una quantità sufficiente di acqua e l’eccesso venga facilmente evacuato.

Deve essere ricco di sostanza organica, fosforo e potassio .

 Il pH ottimale è intorno a 5,2 e 6,7 

Associazioni sfavorevoli di mora

 La mora non dovrebbe essere piantata  vicino Solanacee , come la belladonna, il pomodoro , la patata e i peperoni , in quanto può infettarsi con verticillosi , attraverso il terreno.

Si sconsiglia inoltre di piantare more in prossimità di altre more, soprattutto se si tratta di piante spontanee , in quanto possono contrarre malattie comuni.

Come seminare la mora passo dopo passo

Pulisci il terreno

Rimuovi le erbacce, i vecchi residui di raccolto e ogni tipo di residuo per assicurarti che le tue more ricevano la giusta quantità di nutrienti.

In questo,  il pacciame sarà molto utile, in quanto inibisce la crescita delle erbe infestanti.

Preparare il terreno

Inumidisci il terreno prima della semina.

È necessario arare preventivamente, almeno 30 cm per aerarlo.

Spargi muschio di torba e rigetti di vermi sul terreno o mescola uno strato di letame di 5 cm per compostare il terreno.

Metti le piantine nel terreno

È più facile coltivare la mora dalle piantine . Puoi piantarli direttamente in giardino o in vaso, se preferisci.

Al momento della semina il terreno deve essere completamente preparato e umido ma non allagato.

Disporre le piante in file, lasciando una distanza compresa tra 1,5 e 2 m . tra ogni pianta e da 1,7 a 2,0 m . tra ogni scanalatura.

Innaffia frequentemente

Assicurati che il terreno sia sempre umido , ma senza pozzanghere.

Concimare la terra

Dopo l’inverno, si consiglia di compostare o compostare gli strati attorno alla mora , prima della stagione di crescita.

Ciò consentirà alle tue piante di continuare a dare frutti per 20 anni o più.

Tutor le piante

La pianta di mora, in condizioni naturali, è rachitica con i rami e gli steli intrecciati, quindi se vogliamo coltivarla è fondamentale custodire gli steli per evitare che tocchino il suolo e tutto si impigli in modo impossibile da raccolto.

Per questo vengono utilizzati il traliccio in linea e il box o box traliccio .

Il traliccio in linea è quello di fornire supporto per tutte le piante in un’unica fila ; Questi supporti possono essere realizzati in qualsiasi materiale rigido , come legno , PVC, nylon, filo metallico, tubi, ecc.

Il box o box traliccio consiste nel posizionare singoli supporti per ogni pianta, partendo dalla base verso l’alto. Sono così chiamati perché formano un quadrato attorno alla pianta.

Potare frequentemente

Potare le nuove canne durante il secondo anno della stagione di crescita.

La potatura ti permetterà di controllare la crescita , raccogliere e produrre frutti di migliore qualità . Allo stesso modo, previene le malattie.

Quando la tua pianta è pronta a dare i suoi frutti , taglia i nuovi germogli dalla base della pianta.

Non aver paura di tagliare troppo. I rami sovraccarichi di more non daranno tanto frutto quanto una pianta ben potata.

In termini generali, dovrai eseguire tre potature:
  1. Formazione , quando la pianta è in crescita e prima del primo raccolto, eliminando i rami contorti e spezzati. Si consigliano da sei a dieci rami per pianta.
  2. Fruttificazione , dopo la raccolta. Questa potatura stimola la crescita dei rami laterali e la formazione di nuovi rami produttivi. È necessario potare anche i rami vegetativi o maschili, perché non producono frutti; sono facilmente distinguibili perché la punta è chiusa ea forma di frusta.
  3. Ristrutturazione , che viene effettuata dopo dieci anni di vita della pianta e consiste nel tagliare tutti i fusti a 10 cm da terra.

Come raccogliere le more

La mora è un frutto molto suscettibile alle ammaccature ; pertanto, deve essere raccolto con grande cura.

 Vendemmia a fine estate,  quando le more hanno  ha acquisito un colore nero violaceo. Dovrebbero essere strappati dal gambo della vite senza troppi sforzi.

Assicurati che non sia rimasto colore rosso sulla mora , specialmente nella parte superiore dove incontra il gambo.

Raccogliete le bacche al mattino, prima che il sole le riscaldi, e conservatele in frigorifero per mantenerle fresche.

Malattie e parassiti delle more

Alcuni dei parassiti e delle malattie più comuni che colpiscono le more sono:

predatori

Uccelli, lagomorfi e roditori. Per evitare che le colture di more vengano mangiate , è meglio proteggere la pianta con reti protettive.

ragno rosso

Si raccomanda di evitare substrati con eccesso di azoto e di monitorare le colture durante le prime fasi di sviluppo . In climi abbastanza secchi si consiglia di annaffiare le colture di notte per mantenere l’umidità.

Un’altra raccomandazione è la disinfezione prima di piantare in appezzamenti con una storia di acari rossi per garantire che non rimangano uova.

Per combattere un’infestazione si può applicare un estratto di aglio e peperoncino, anche se se la pianta è molto colpita è bene eliminarla per evitare che si diffonda ad altre piante.

Il controllo biologico può essere effettuato attraverso i suoi nemici naturali. Le principali specie predatorie di ragnetti rossi per uova, larve e adulti sono altre specie di acari come Amblyseius californicus e Phytoseiulus persimilis .

Anche la zanzara Feltiella acarisuga è un predatore abbastanza efficace.

viaggi

Per combatterli si possono utilizzare alternative ecologiche, come il sapone di potassio e l’ estratto di neem.

Un modo di controllo preventivo è impostare trappole o contenitori colorati di blu o giallo sulla superficie adesiva da far aderire.

Il controllo biologico può essere effettuato attraverso i suoi nemici naturali . I tripidi hanno diversi predatori naturali come alcune varietà di acari, in particolare l’Amblyseius barkeri e la cimice Orius.

Verticilliosi

Attacca le radici facendole marcire. L’interno del gambo acquisisce un colore marrone, le foglie hanno un colore giallastro.

Per prevenirlo, si consiglia di utilizzare piantine sane , nonché di evitare terreni in cui sono state piantate le belladonna.

Marciume grigio (Botrytis cinerea)

È un parassita che può causare la morte della pianta.

Le principali fonti di inoculo sono i conidi ei resti vegetali che vengono dispersi dal vento. Si sviluppa tra 17 e 23ºC, con un’umidità relativa del 95%.

Per prevenire la Botrytis è importante controllare i livelli di azoto e calcio nel terreno , rimuovere le piante già colpite dalla malattia e prestare particolare attenzione alla potatura, effettuando tagli netti lungo il fusto e, se possibile, quando l’umidità relativa non è molto alto.

Peronospora (Phytophthora infestans)

La dispersione del fungo viene effettuata da pioggia e vento, irrigazione a pioggia , rugiada e gocce di condensa

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.