Suggerimenti

Aloe Arborescens: [Coltivazione, Irrigazione, Associazioni, Parassiti e Malattie]

Punti importanti nella semina dell’Aloe arborescens
  • Dove seminare? In piena luce. Non ha bisogno di sole in eccesso.
  • Quando? In primavera e in estate.
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso. Eliminare le erbacce. Con substrato speciale per cactus e piante grasse.
  • Come innaffiamo? Con gocciolamento
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate 1 volta a settimana in abbondanza. Resto dell’anno limitare l’irrigazione a 1 volta ogni 15 giorni.
  • Piaghe e malattie? È resistente ai parassiti e poco incline alle malattie.

L’aloe arborescens è una pianta succulenta originaria della costa sud-orientale dell’Africa. È noto come polpo, aloe candelabro, candelabro o pianta di aloe.

L’etimologia della parola deriva dal greco “Alos” che significa “mare”, e Arborescens: epiteto latino che significa “a forma di albero “.

Si credeva che le spine di aloe spaventassero gli spiriti maligni, quindi venivano poste all’ingresso di case e giardini.

Condivide le proprietà medicinali della sua sorella più famosa “Aloe Vera” ed è stata usata storicamente per trattare ustioni e irritazioni sulla pelle. L’aloe arborescens è stata utilizzata in diversi studi clinici per testare la sua efficacia nel trattamento delle ustioni con risultati promettenti.

Quando seminare Aloe arborescens?

La stagione della semina dell’aloe arborescens inizia con la pioggia, nei mesi da maggio a giugno, ma se ci sono buone condizioni irrigue si può instaurare in qualsiasi periodo dell’anno.

Dove farlo?

L’Aloe arborescens è una pianta con buona tolleranza ai climi caldi e secchi , anche alle basse temperature purché non scendano sotto gli 0 gradi poiché il gelo può danneggiare gravemente la pianta.

Ha bisogno di diverse ore di luce. Si può quindi seminare senza problemi sia al sole diretto che a mezz’ombra. L’Aloe arborescente è ideale per l’ outdoor , con le sue foglie verdi ed i suoi fiori gialli e rossi e può raggiungere i 4 metri di altezza.

Come preparare il terreno?

L’Aloe arborescens ha un’ampiezza di adattamento a climi e terreni diversi, e si trova in crescita su terreni con pendenze del 30%, con scarsa fertilizzazione e terreno poco fertile.

Per preparare il terreno per la semina dell’aloe arborescens, è necessario realizzare una miscela di compensato di terra, materia organica e sabbia per lo sviluppo della specie in sacchi.

Dopo due mesi e quando le piante sono già radicate, vengono portate nel luogo finale, per il quale è necessario preparare i fori per la semina.

Per ottenere il miglior sviluppo delle foglie e la migliore qualità della gelatina in cui si trova l’aloina, si raccomanda che i fori di impianto contengano materia organica; per eliminare ogni traccia di elementi chimici.

Se il terreno è in pendenza, è necessario eseguire opere di conservazione del suolo (solchi trasversali) per evitare che lo strato di terreno si eroda, perdendo la sua fertilità. È inoltre necessario che ci sia la possibilità di rimuovere le foglie di aloe al momento del raccolto. (Strade o sentieri).

Come innaffiamo l’Aloe arborescens?

L’aloe arborescens è una succulenta molto resistente alla siccità, quindi le sue annaffiature dovrebbero essere poco frequenti ma abbondanti. Il substrato deve essere sempre completamente asciutto prima di annaffiare nuovamente.

In inverno l’ irrigazione dovrebbe essere limitata al minimo. Inoltre, è necessario assicurarsi che il substrato o il terreno abbiano un buon drenaggio e cercare di irrigare solo quando è realmente necessario.

Per sapere se il supporto è completamente asciutto, puoi inserire un sottile bastoncino di legno sul fondo, ad esempio: se esce pulito o praticamente pulito quando lo estrai, è segno che è ora di annaffiare.

In ogni caso è importante sapere che in linea di massima per l’aloe arborescens sono sufficienti una o due irrigazioni settimanali durante l’estate e una ogni 10-15 giorni il resto dell’anno. Quando si annaffia, è necessario versare abbondante acqua fino a quando il terreno non è molto umido.

E se è piantato in un vaso, dovrebbe essere posizionato con un piatto sotto, quindi rimuovere l’acqua in eccesso 30 minuti dopo l’irrigazione. L’irrigazione dovrebbe essere abbondante ma poco frequente. La cosa più importante è evitare l’eccesso di umidità, soprattutto in inverno . Altrimenti, la pianta marcirà rapidamente.

Come seminiamo un’Aloe arborescens passo dopo passo?

L’aloe arborescens può essere riprodotta in vari modi, per seme o per talea. La cosa più semplice è la riproduzione per talea e polloni, se effettuata nei frutteti o negli orti domestici.

Per la semina di questa pianta o di una di esse è importante disporre di utensili affilati e appropriati per il giardinaggio.

Semina per talea o polloni

  1. Taglia una talea o uno dei polloni della pianta dalla radice e semina di nuovo nel suo vaso.
  2. Se la decisione è quella di seminare la talea, prima di piantare è consigliabile attendere qualche giorno affinché si asciughi e formi un callo al posto del taglio . In questo modo la pianta non assorbe l’acqua in eccesso e si evita che marcisca.
  3. Pianta la talea o l’alberello in un substrato speciale per cactus e piante grasse e annaffia leggermente, ma non innaffiare di nuovo fino a quando il substrato non è completamente asciutto.
  4. Metti la pianta in piena luce per il suo pieno sviluppo o mettila anche in mezz’ombra mentre si riproduce.

Semina attraverso i semi

  1. Disporre i semi su substrati ben drenati precedentemente innaffiati, interrandoli un po’ in modo che non siano troppo esposti.
  2. Posizionare il semenzaio all’esterno, in mezz’ombra, ma in una zona con molta luce.
  3. Mantenendo il substrato umido (ma non allagato) germoglieranno in circa 15 giorni.
  4. Infine, se l’aloe arborescens viene piantata in vaso, o per seme, per talea o per germogli, è necessario che detto contenitore presenti dei fori sul fondo affinché l’acqua possa defluire bene.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

L’Aloe arborescens è una succulenta e allo stesso tempo ha benefici medicinali, è importante tenere in considerazione tutte queste caratteristiche quando si pensa ad una qualsiasi associazione benefica per la pianta.

Quali parassiti e malattie attaccano l’Aloe arborescens?

In generale, l’aloe arborescens è molto resistente. Devi solo cercare di non esagerare con l’acqua in modo che i funghi non ti danneggino e proteggerlo dalle lumache durante la stagione delle piogge.

Bibliografia e riferimenti

  • Van, U, Alfonso; aprile, M.; Duarte, Corso teorico-pratico sulla coltivazione dell’aloe vera (Aloe Barbadensis Miller) e piantagioni alternative. Brabante biologico. Tolima-Colombia. (PDF).

Banca dati digitale

  • Clubsuculentas.com. Aloe arborescente. Riprodotto da: https://clubsuculentas.com/asphodeloideae/aloe/aloe-arborescens
  • Consultaplantas.com. Prendersi cura dell’Aloe arborescens o pianta di Aloe arborescente . Riprodotto da: http://www.consultaplantas.com/index.php/plantas-por-nombre/plantas-de-la-aa-la-c/64-cuinados-de-la-planta-aloe-arborescens-o -aloe-arborescente
  • Cibercactus.com. Aloe arborescens . Riprodotto da: https://cibercactus.com/aloe-arborescens/

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *