Suggerimenti

Delphinium: [colture, associazioni, parassiti e malattie]

Punti importanti quando si semina Delphinium
  • Dove seminare? In piena luce. Necessita di luce solare e/o mezz’ombra.
  • Quando? In primavera o autunno .
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso, profondo, rimuovendo le erbacce . Con substrato e compost decomposto.
  • Come innaffiamo? Con gocciolamento .
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate, annaffiature profonde ogni settimana. Quando le temperature scendono, sospendere l’irrigazione.
  • Piaghe e malattie? Cocciniglie, afidi, vermi grigi, farfalle notturne. Batteriosi, marciume bianco del collo, avvizzimento batterico.

Il delphinium noto anche come “larkspur” è una pianta originaria dell’Europa e anche dell’Asia. Fu scoperto nel 1753 dal botanico Carlos Linneo.

La cosa più interessante del delphinium sono i suoi fiori che appaiono in spighe e hanno uno sperone sul dorso; Possono essere blu, rosa , rossi , viola e persino gialli.

Quando piantare un Delphinium?

La semina del delphinium può essere effettuata per seme seminato a fine inverno in un letto caldo o per talea in primavera .

Tenendo conto che la semina per seme è una procedura semplice, si consiglia di acquistarli nei negozi di piante o nei garden center. I delphinium fioriscono a giugno. Con la tempestiva rimozione delle infiorescenze sbiadite alla fine dell’estate , la fioritura si ripete.

Con la propagazione dei semi, la fioritura avviene nell’anno della semina alla fine dell’estate. La semina annuale dei semi permette di avere delphinium in fiore quasi tutta l’estate.

Dove farlo?

Per coltivare il delphinium necessita di un luogo soleggiato, ben protetto dal vento. , aiuole, cordoli e margini misti. È anche usato come fiore reciso.

Il delphinium è una pianta da clima temperato-freddo (ideale per giardini di tipo inglese) che necessita di elevata umidità e calore non eccessivo, oltre che di esposizione in pieno sole (nelle zone di montagna) o mezz’ombra (se il caldo è più intenso) .

Non sono piante facili da coltivare e non è consigliabile coltivarle in climi molto caldi e secchi, così come nelle città perché non amano l’inquinamento. È conveniente averli in luoghi di montagna o vicino a laghi e foreste .

I Delphinium godono di spazio, quindi è necessario evitare di sovraffollarli. Potrebbe essere meglio tenere i bambini lontani da queste piante una volta fiorite. Sono tossici se mangiati e sono particolarmente pericolosi per il bestiame.

Come preparare il terreno?

Il delphinium è esigente in termini di qualità del suolo ; deve essere molto profondo, drenato e molto fertile per sostenere il fiore opulento.

Il tipo di terreno di cui ha bisogno il delphinium dovrebbe essere acido con di torba o pacciamatura di foglie. Non ama i pavimenti allagati durante il suo periodo di riposo.

È essenziale che il substrato abbia un efficiente drenaggio dell’acqua e una buona ventilazione. Si consiglia di evitare di crescere su substrati argillosi che trattengono molta umidità e si allagano facilmente.

È necessario rimuovere le erbacce e aggiungere compost terriccio e terriccio ben decomposto. In terreni pesanti, si consiglia di drenare il terreno con sabbia grossolana. Immergere le tazze in un contenitore d’acqua per un quarto d’ora prima dell’installazione.

Se il delphinium viene seminato direttamente, va ricercato un terreno ricco di sostanze nutritive. Se la qualità del suolo è scarsa o pesante, può essere migliorata aggiungendo letame marcio o compost.

Come innaffiamo un Delphinium?

Delphinium richiede frequenti annaffiature per evitare che il substrato si asciughi completamente.

È preferibile applicare annaffiature profonde ogni settimana in modo che l’intero apparato radicale riceva abbastanza acqua. Se le temperature sono molto basse, l’irrigazione deve essere completamente sospesa.

Come seminiamo un Delphinium passo dopo passo?

La moltiplicazione del delphinium avviene per talea o per seme. Per la semina tramite seme è necessario effettuare un trattamento a freddo in refrigerazione domestica a 5°C per circa 20 giorni.

Puoi anche immergere il seme per 24 ore per migliorare la germinazione. La semina con semi o talee è molto semplice:

  1. Scegli il seme o la talea e semina accuratamente nel terreno o nel vaso esistente. Se il terreno è fortemente acido , si può aggiungere un po’ di calce.
  2. Se i semi vengono seminati, si consiglia di iniziare il processo all’inizio della primavera, marzo o aprile e richiede ghiaia fine o sabbia nel terreno. Se vengono utilizzate talee, possono essere prese a giugno o luglio.
  3. Posiziona la pianta in un luogo con molta luce solare e prenditi cura di essa dai venti.
  4. Innaffia uniformemente e mantieni la superficie umida senza formare pozzanghere.
  5. Per accelerare il processo di crescita, si consiglia di metterli in serra per una o due settimane. Ciò riduce anche la necessità di pesticidi e li aiuterà a proteggerli dagli insetti.
  6. Le piantine dovrebbero presto iniziare a mostrare. Quando sono abbastanza grandi da poter essere maneggiati, dovrebbero essere trasferiti in vasi individuali.
  7. Se avviato al chiuso , è meglio esporre gradualmente le piantine agli elementi esterni.

Sistemarli in una serra a telaio freddo è il metodo più consigliato, ma va bene anche tenerli in casa per brevi periodi di tempo in giardino .

Quindi si consiglia semplicemente di aumentare il numero di giorni in cui le piantine sono esposte all’aria esterna fino a quando non sono pronte per la semina.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

Il delphinium, poiché è una pianta da fiore molto bella e del tipo a spiga, potrebbe essere piantato con altre specie floreali per realizzare bellissime composizioni per giardini e interni.

Quali parassiti e malattie attaccano il Delphinium?

Il delphinium è suscettibile all’attacco di vari parassiti. Le cocciniglie e gli afidi colpiscono spesso le infiorescenze provocando l’appassimento prematuro dei fiori.

Altri parassiti come il verme grigio, la farfalla notturna, gli afidi , i minatori fogliari, le larve di mosca , colpiscono anche la pianta.

Allo stesso modo, anche se non molto frequentemente, alcuni molluschi appaiono (lumache e lumache ) che alimentano sulle foglie e principalmente sul sistema radicale.

Durante i periodi di siccità, la pianta può essere attaccata anche da acari ( ragno rosso ) che invadono la pagina inferiore delle foglie e da vari funghi patogeni durante le stagioni in cui c’è maggiore umidità.

Le malattie che possono danneggiare il delphinium includono: batteriosi, marciume bianco del collo, avvizzimento batterico, batteri Pseudomonas delphinium e umidità in eccesso.

Si consiglia di avere a portata di mano vari rimedi casalinghi o pesticidi specifici per controllare i parassiti non appena vengono rilevati.

Bibliografia e riferimenti

  • Kreuter, Marie Luise. (2005). Orto e frutteto biologico . Mundi-Prensa Libros. Madrid, Spagna.
  • Leyhe, Ulrike. (2006). Aiuole . Editoriale Hispano Europea. Barcellona, ​​Spagna.
  • Matteo Sanz, Gonzalo. (2013). Le piante del sistema iberico orientale e il loro ambiente: una guida illustrata per la loro identificazione. Consulente botanico ed editore Jolube. Jaca-Spagna.
  • Walsh Meza, Erika del Carmen. (2009). Studio della produttività della coltura di Delphinium, varietà Sea Waltz, con l’applicazione di microrganismi benefici (Trichoderma harzianum, Gliocladium spp, Bacillus subtilis, Azospirillum spp. E Azotobacter spp.) In condizioni di campo, Cusubamba-2008. Scuola politecnica nazionale. Quito, Ecuador. Riprodotto da: https://bibdigital.epn.edu.ec/bitstream/15000/1658/1/CD-2687.pdf
  • Yumbla Orbes, María Rosa; Collaguazo Lita, Nelly Melissa. (2019). Determinazione dell’effetto degli elementi climatici sulla crescita, lo sviluppo e la produzione di Solidago canadensis e Delphinium elatum. Pichincha. Università Centrale dell’Ecuador. Quito, Ecuador. Riprodotto da: http://200.12.169.19/bitstream/25000/20181/1/T-UCE-0004-CAG-172.PDF

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *