Suggerimenti

Albero di tamarindo: [colture, irrigazione, associazioni, parassiti e malattie]

Punti importanti quando si pianta l’albero di Tamarindo
  • Dove seminare?  Luce piena. Ha bisogno di molta luce solare.
  • Quando?  In primavera , estate.
  • Come prepariamo il terreno?  Rimosso, eliminando le erbacce . Con substrato ricco di sostanza organica, profondo e con un pH compreso tra 6 e 7,5.
  • Come innaffiamo?  Con gocciolamento .
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate annaffiature regolari. Resto dell’anno per ridurre le annaffiature, solo per mantenere umido il substrato.
  • Piaghe e malattie? Cenerentola

Il tamarindo, Tamarindus indica, è un albero tropicale originario dell’Africa che appartiene alla famiglia botanica delle Fabaceae, come ceci , piselli e lenticchie .

La pianta produce grossi baccelli marroni in cui i semi contengono una polpa dal sapore dolce e acido allo stesso tempo.

Il tamarindo fu introdotto in Spagna dagli arabi e successivamente portato in America dagli spagnoli, dove la sua coltivazione prolifera.

Attualmente, l’India è il primo produttore e consumatore di tamarindo, che fa parte di molte delle sue ricette culinarie più tradizionali. Sebbene sia a crescita lenta, il tamarindo può raggiungere i 20 metri di altezza.

La polpa del tamarindo ha una grande varietà di vitamine e minerali, quali: acido ascorbico, acido tartarico, ferro , magnesio, tiamina, beta-caroteni, fosforo , potassio , vitamina C, calcio, ecc.

È anche ricco di carboidrati, grassi, proteine, fibre e flavonoidi. Aiuta ad avere ossa e denti forti, abbassa il colesterolo e aiuta a combattere la stitichezza.

Quando piantare un albero di tamarindo?

La semina del tamarindo va fatta in primavera e in estate, tenendo in considerazione che ti piacciono i climi caldi.

Dove farlo?

Il tamarindo richiede un’ottima esposizione al sole. È una coltura che predilige i climi tropicali e subtropicali.

Non resiste al gelo quando è nelle prime fasi di crescita, sebbene gli alberi adulti possano resistere bene agli inverni. Sono anche molto resistenti ai venti.

Le piante giovani e leggermente legnose sono solitamente abbastanza sensibili al freddo, quindi se si prevede un inverno freddo dovranno essere protette. Il tamarindo raggiunge il suo miglior sviluppo e crescita in zone con climi caldi, con inverni secchi e miti.

Come preparare il terreno?

La coltivazione del tamarindo non è esigente in termini di terreni e si adatta bene alla maggior parte di essi. Tuttavia, quando si coltiva la pianta di tamarindo, è necessario tenere conto di alcuni dettagli relativi alla qualità e alla struttura del terreno.

Il  Tamarindus indica prospera in terreni ricchi di materia organica, terriccio profondo e ben drenato e pH intorno alla neutralità, tra 6,5 ​​e 7,5.

Sovesci, piante di copertura e pacciamatura o pacciamatura favoriscono la fertilità del suolo e hanno un impatto molto positivo sullo sviluppo del tamarindo.

Possono essere coltivate anche in terreni misti, con contenuto di argilla e sabbia, devono avere un buon drenaggio e una buona quantità di fertilizzanti.

Seguendo adeguatamente i requisiti e le necessarie applicazioni degli agrofarmaci nella coltivazione del tamarindo, genera alti profitti per i suoi produttori.

Per il massimo sviluppo il tamarindo necessita di terreni ben drenati con una buona concimazione e deve disporre di acqua di irrigazione per i periodi di siccità.

Come innaffiamo un albero di tamarindo?

Soprattutto e durante le prime fasi della crescita del tamarindo è importante mantenere il terreno leggermente umido, mediante annaffiature regolari.

È meglio annaffiare con il meccanismo di irrigazione a goccia , evitando così ristagni d’acqua. È necessario annaffiare con una frequenza che eviti che il terreno si secchi.

Soprattutto in estate, quando le temperature aumentano, le annaffiature devono essere sospese. Il tamarindo non ha problemi a crescere in ambienti umidi.

Come piantiamo un albero di tamarindo passo dopo passo?

La produzione del tamarindo è ciclica, con raccolti abbondanti ogni 2 o 3 anni e l’albero continua a produrre anche dopo 30 o 60 anni.

La semina del tamarindo può essere fatta a squadra o sfalsata, ad una distanza che può variare tra 7 e 10 m, a seconda della topografia del terreno, della gestione e se la pianta è innestata o da seme .

In generale il Tamarindo può essere propagato per seme, per innesto o per margotta. Per questo è importante:

  1. Seminare i semi, le talee o l’innesto.
  2. Mantieni i semi umidi e in una settimana o poco più le piantine germoglieranno.

Applicando un buon livello tecnologico, con un buon sistema di irrigazione, curando la sua salute e nutrizione, ecc., si ottengono rese fino a 500 chili di tamarindo per albero. In condizioni ottimali fino a 30 quintali per ettaro.

L’albero va potato per eliminare rami secchi e foglie che impediscono il corretto sviluppo e crescita della pianta, evitando così la diffusione di malattie e una migliore produttività dei frutti.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

Il tamarindo è un albero rustico che non necessita di grandi cure per dare buoni raccolti. Essendo un albero alto, può servire per offrire ombra ad altri alberi da frutto e ad altre colture del giardino che necessitano di mezz’ombra.

Quali parassiti e malattie attaccano l’albero di tamarindo?

Un’importante malattia che può attaccare questa pianta è la cosiddetta cenerentola, un fungo che colpisce anche altre varietà, come cereali, alberi da frutto, graminacee, piante ornamentali , ortaggi, ecc.

L’alternativa più efficace per ridurre questo problema è il controllo chimico con fungicidi di tipo protettivo, generalmente prodotti a base di zolfo.

Bibliografia e riferimenti

  • Enciclopedia La mia prima conoscenza. Piante di serpente e conservazione. Pubblicato da Grolier Incorporated. New York, 1961. Pagine 80-81.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.