Suggerimenti

Come coltivare il peperoncino rocoto in giardino

Il mondo dei peperoncini o peperoncini è pieno di varietà di diversi colori, forme e sapori. E, naturalmente, si distinguono anche per il prurito (scala di Scoville). Uno di questi è il peperoncino rocoto, molto diffuso nei paesi sudamericani come Perù, Bolivia, Cile o Ecuador. È leggermente piccante, anche se molto meno rispetto ad altre varietà come il peperoncino Caroline Reaper, una delle più piccanti al mondo.

In questa scheda vegetale andremo a conoscere le caratteristiche principali del peperoncino rocoto, nonché le caratteristiche della sua coltivazione, molto simile a quella del resto dei peperoncini e dei peperoni.

Caratteristiche del peperoncino rocoto

In Europa questo tipo di peperoncino non è così conosciuto, sebbene si trovi nel continente americano. Ha un’ottima reputazione in gastronomia e soprattutto per chi ama il cibo piccante. Per quanto riguarda la scala di Scoville (quella usata per misurare la piccantezza), ha da 100.000 SHU a 200.000 SHU, valori non trascurabili, anche se al di sotto del peperone habanero, ad esempio.

Nome scientifico: Capsicum pubescens

Nome comune: rocoto, peperoncino manzano, peperoncino cerato, morrongo, perón.

tassonomia

  • Famiglia:  solanacee
  • Tribù: Capsaceae
  • Genere: Capsicum
  • Specie: Capsicum pubescens

L’origine del peperone rocoto è autenticamente peruviana, della zona andina, condivisa anche con alcune zone della Bolivia. In questa zona c’è una grande tradizione di coltivare molte varietà di peperoncini, sia selvatici che domestici.

Cura principale della pianta del rocoto

1. Climatologia nella coltivazione del rocoto

Temperatura

Qualsiasi pianta della famiglia delle Solanacee necessita di condizioni di temperatura e calore adeguate. Ha una certa sensibilità al freddo e necessita di temperature mediamente superiori ai 15ºC. L’optimum è centrato tra 20 ºC e 25 ºC durante il giorno e tra 6 ºC e 8 ºC in meno di notte, in modo che con questo gradiente di temperatura sia garantita la corretta impollinazione dei suoi fiori.

Umidità

Sebbene la maggior parte delle varietà di peperone non necessiti di un’elevata umidità ambientale, nel caso del rocoto può essere coltivata con un range che varia dal 60% all’80%.

illuminazione

Il rocoto, come qualsiasi altra varietà di peperoncini, necessita di un’illuminazione elevata e può essere coltivato in pieno sole, parliamo di un minimo di 10 ore di sole al giorno.

In situazioni di scarsa illuminazione (molte giornate nuvolose di seguito), gli internodi dei fusti di rocoto si allungano eccessivamente e si riduce la produzione di allegagione.

2. piano

Il miglior tipo di terreno per il peperoncino è quello che rimuove l’umidità eccessiva dal terreno, come fanno i terreni con una consistenza limo e sabbiosa. Un alto contenuto di argilla trattiene l’umidità in eccesso e danneggia lo sviluppo delle sue radici.

Il pH ottimale di questa pianta è compreso tra 6,5 ​​e 7,5.

Questa pianta è moderatamente resistente alla salinità. La materia organica deve essere incorporata periodicamente nel terreno (da 2 a 3 kg/m2 di terreno) per favorire l’assorbimento dei nutrienti e la crescita di microrganismi benefici per la pianta.

Durante lo sviluppo della coltura del peperoncino si consiglia inoltre di utilizzare gli acidi umici per attivare il terreno e favorire lo sviluppo della parte aerea della pianta.

3. Irrigazione della pianta del rocoto

Un piano di irrigazione consigliato per il rocoto può essere il seguente, anche se è necessario adattarlo alla temperatura media della propria zona e alle caratteristiche del terreno.

Fase di sviluppo Quantità d’acqua (L/m 2  e settimana) Numero di irrigazioni
sviluppo iniziale 0-5 0-1
Inizio della fioritura 5-10 1-2
Fioritura 5-10 1-2
allegagione 5-10 1-2
sviluppo dei frutti 15-20 3-4
Raccolto 25-30 5-6

4. Abbonato

La concimazione di qualsiasi peperone o peperoncino richiede un generoso apporto di materia organica, macronutrienti e microelementi. I loro requisiti sono elevati e devono essere forniti durante la campagna.

Per un’irrigazione di 60 m3 per un’area di 1 ha (10.000 m2), un’iniezione di fertilizzante proposta può essere la seguente:

Si consiglia di fornire i microelementi in modo continuativo, e non a colpi, poiché in questo modo è garantito lo stato di crescita ottimale del peperone rocoto.

5.  Piantare il peperoncino rocoto

La semina del peperoncino rocoto, se fatta all’aperto, necessita di una temperatura minima di 15 ºC, quindi è riservata ai mesi primaverili ed estivi.

La temperatura ottimale per garantirne la corretta germinazione è compresa tra 25-30 ºC. In condizioni normali, il seme germina solitamente 7-10 giorni dopo la semina.

Quando la pianta germina e si sviluppa, bisogna aspettare che produca 4 o 5 foglie ben formate prima di trapiantarla nel terreno.

6. Parassiti e malattie

principali parassiti

  • Tripidi:  Frankliniella Occidentalis
  • Afidi:  il più frequente è  Myzus persicae.
  • Acari:  ragno rosso ( Tetranichus urticae) e ragno bianco ( Polyphagotarsonemus latus).
  • Bruchi:  Spodoptera exigua, Heliothis armigera, Chrysodeixis,  Autographa gamma.
  • Mosca bianca:  Bemisia tabaci  e  Trialeurodes vaporariorum.
  • Nematodi:  il genere più diffuso nelle colture di peperoni e solanacee è la  Meloidogine.

Per controllare i parassiti nei peperoncini piccanti come afidi, tripidi, ragni rossi o mosche bianche, si può utilizzare il sapone di potassio, applicando 5 ml/L di acqua ogni 3 giorni fino all’eliminazione del parassita.

Principali malattie

  • Oidiopsis ( Leveiulla taurica)
  • Batteriosi (Xantomonas campestris Clavibacter michiganensis  ed  Erwinia caratovora)
  • Phytotora capsici
  • Botrite e sclerotinia

Altre varietà di peperoncini

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.