Piante

Carolina Reaper: il peperoncino più piccante

Il mondo del peperoncino comprende centinaia e migliaia di varietà. La cosa fantastica di tutto questo è che si possono realizzare incroci naturali tra diverse varietà per ottenerne di nuovi dal sapore ineguagliabile. Tuttavia, l’attrazione per molte persone è mangiare uno dei più piccanti del mondo, ed è il famoso peperoncino Carolina Reaper.

Se già pensavamo che l’habanero rappresentasse il massimo nella scala della piccantezza (che, tra l’altro, è nota come scala di Scoville), non c’è nulla di paragonabile quando prendiamo il Carolina Reaper.

Commenteremo alcune cose sulla sua coltivazione, dal momento che puoi acquistare i suoi semi da molti luoghi e puoi ottenere frutti molto pruriginosi.

Certo, le persone sensibili dovrebbero astenersi!

Caratteristiche del peperoncino Carolina Reaper

Il peperoncino Carolina Reaper non è altro che una nuova variante sviluppata negli Stati Uniti del nome scientifico di tutti i peperoncini,  Capsicum chinense.

È stato sviluppato e migliorato dalla PuckerButt Pepper Company non molto tempo fa. Il suo nome originale era HP22BNH, anche se ovviamente siamo rimasti con il nome Carolina Reaper.

Il nome Reaper deriva dall’inglese e il suo significato in spagnolo è «reaper».

È stato riconosciuto in tutto il mondo come il peperoncino più piccante del mondo (è entrato nel Guinness dei primati il ​​7 agosto 2013). Oggi possiamo vedere altre versioni la cui origine è il Carolina Reaper un po’ più piccante e che appartengono alla stessa azienda, ma il merito è già stato creato da questo peperoncino.

È un incrocio tra il Naga Bhut Jolokia e il peperoncino habanero, e da lì nasce il suo particolare aspetto fisico.

Coltiva Carolina Reaper

Non c’è niente di speciale o di sorprendente nella sua coltivazione e fortunatamente (o sfortunatamente, a seconda di come la si guarda) è accessibile a tutti noi.

Alla fine è un incrocio di diverse varietà di peperoncino, ma conservando la genetica del Capsicum chinense.

Pertanto, non ci sono requisiti molto diversi per coltivare un peperone habanero, un peperone californiano o un peperone padrón e il peperone Carolina Reaper.

La sua coltivazione può essere fatta sia all’aperto, in terra, che in vaso. Quest’ultima opzione è vivamente consigliata a chi dispone di un terrazzo o di un balconcino.

temperatura e luce

Qualsiasi tipo di peperoncino necessita di condizioni di luce e temperatura elevate, poiché appartiene alla famiglia delle Solanaceae ( Solanaceae). Lo stesso vale per il Carolina Reaper.

Si tratta quindi di una coltura seminata in primavera, senza rischio di gelate, e raccolta durante i mesi estivi. Sole semidiretto e molte ore di luce durante il giorno.

Nei mesi estivi puri (luglio e agosto), è sconsigliato metterli alla luce diretta del sole, poiché a mezzogiorno subiranno molti alti e bassi, con la chiusura di foglie e fiori che possono seccare prematuramente senza tramontare.

Substrato

Se coltiviamo il Chile Carolina Reaper in vaso, per gettare le basi per la sua crescita futura, sceglieremo un buon substrato.

Nessuno di quelli che compriamo molto a buon mercato e che contengono elevate quantità di sali. Garantiremo l’acquisto di buone marche, con alcuni nutrienti e con un buon drenaggio.

Per favorire la germinazione di questo peperoncino, è anche conveniente utilizzare quei substrati che contengono un po’ di fibra di cocco. È un materiale naturale che drena molto bene, non inonda le radici e facilita una rapida crescita e sviluppo.

Per noi è il nostro substrato preferito per accelerare la germinazione il prima possibile.

Irrigazione

Poiché la sua coltivazione avviene in mesi di temperature elevate e alta incidenza di luce, necessita di almeno 3 annaffiature settimanali. La quantità di acqua sarà regolata in base alle dimensioni della pianta.

Le piantine di altezza inferiore a 30 cm non forniranno più di 0,5 litri di acqua per irrigazione. Da qui controlleremo la velocità con cui il substrato si asciuga e regoleremo l’irrigazione in base alla conservazione dell’umidità.

Fai attenzione con questa parte, poiché molte volte aggiungiamo più acqua del necessario e il Carolina Reaper ne risentirà.

Calza del Carolina Reaper

Il processo di semina per il Carolina Reaper segue gli stessi standard di qualsiasi altra varietà di pepe, come il pepe di Serrano. Pianteremo su una base di fibra di cocco o substrato simile, innaffieremo con molta attenzione e aspetteremo almeno 1 o 2 settimane finché non vedremo emergere le prime parti verdi.

Il seme è sepolto tra 0,5 e 1 cm di profondità. Le prime irrigazioni verranno effettuate con un diffusore o, almeno, evitando che l’acqua sposti il ​​seme sul fondo del substrato e perda la germinazione.

Se abbiamo piantato presto, all’inizio della primavera, avrà sicuramente bisogno di temperature più calde di notte, quindi germineremo al chiuso.

La piccantezza del  Carolina Reaper

Quando parliamo di confrontare diverse scale di piccantezza, lo facciamo valutando il numero di jalapeños che è necessario assumere per equalizzare la scala di piccantezza.

Quanto a questo, il Carolina Reaper contiene 2.200.000 SHU ( Scoville Heat Units ),  che sono le ben note unità Scoville.

La scala di Scoville rappresenta una misura quantitativa per valutare il grado di piccantezza di un peperoncino. È principalmente in grado di analizzare il contenuto di capsaicina, il principio attivo che conferisce il caratteristico sapore piccante.

Tuttavia, è un metodo che si basa sulla diluizione della salsa piccante un numero sufficiente di volte fino a quando non perde il suo piccante, quindi non è molto scientifico. Oggi ci sono altre forme come la valutazione cromatografica più accurata.

Se confrontiamo il peperoncino Carolina Reaper con i jalapeños, è necessario mangiarne più di 900 per raggiungere lo stesso grado di calore del Carolina R.

E d’altra parte, se capovolgiamo la scala della piccantezza, lo spray al peperoncino usato dalle forze di sicurezza per sparare a una folla è superiore a 2.000.000 e inferiore a 5.000.000.

Come accennato in precedenza, il peperoncino Carolina Reaper supera i 2.000.000 di SHU (nello specifico, 2.200.000 sulla scala di Scoville). Qualcosa di veramente sorprendente, giusto?

Per darvi il miglior esempio visivo, vi mostriamo questo video dove potete vedere due donne che provano a mangiare un peperoncino fresco di questo tipo, con risultati sicuramente sgradevoli.

Compra Carolina Reaper del Cile

Fortunatamente si tratta di una varietà naturalmente incrociata (tra Habanero e Naga Bhut Jolokia), quindi possiamo acquisire semi completamente vitali la cui germinazione, come abbiamo accennato, è facile e diretta, come qualsiasi altro peperone.

Il modo più semplice per acquistarlo online è tramite Amazon, dove hai diverse opzioni e sottovarietà.

Salsa Carolina Reaper

Allo stesso modo, sebbene la sua coltivazione sia molto apprezzata e vi invitiamo a provare a coltivarlo (anche se in seguito se non volete provare il peperoncino, avete ragione…), avete anche la possibilità di essere poter acquistare il sugo già preparato.

Hai il vantaggio che il preciso grado di acidità e dolcezza è stato ottenuto mescolandolo con altri peperoncini e giocando con l’aggiunta di alcuni accessori (aceto, zucchero, ecc.).

Consigliamo di testare le salse con molta parsimonia e mescolandole sempre con il cibo, poiché in alcuni casi si sono verificati problemi quando la dose ‘test’ era alta.

Problemi e controindicazioni

Mangiare un peperoncino che offre 2.200.000 gradi Scoville può causare complicazioni nelle persone sensibili.

Sebbene le autorità mediche non si siano pronunciate sugli effetti negativi dei peperoncini piccanti e, in particolare, del Carolina Reaper, può causare un effetto shock quando la dose è elevata (ad esempio, mangiare un peperoncino fresco).

Le persone con problemi cardiorespiratori, a causa di shock, possono causare attacchi di cuore o restringimento dell’arteria coronaria.

Un effetto quasi simile a un drastico cambiamento di temperatura (come in una sauna).

C’è stato un caso di sindrome da vasocostrizione cerebrale reversibile (RCVS) dovuta all’ingestione del peperoncino Caroilna Reaper, ma in questo caso era dovuto all’ingestione di un peperoncino intero e all’evidenza di essere stato registrato su video.

Se il consumo di questo peperoncino è sensato, utilizzandone una piccola quantità fresca o salse, e mescolato con altri alimenti, non deve creare alcun problema all’organismo.

Semi di peperoncino consigliati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.