Piante

Ginesta (Spartium junceum): originaria della penisola iberica

Ha molti nomi comuni, anche se il suo nome scientifico per evitare errori è Spartium junceum. Una pianta originaria del Mediterraneo che troviamo distribuita anche in Nord Africa e in altre aree dell’Europa meridionale.

Come nome comune ne ha molti, anche se i principali lo sono. profumo di ginestra, gayomba, gallomba, ginesta, ginestra.

La ginestra profumata praticamente non ha usi come pianta ornamentale, nonostante abbia fatto parte della storia di molti paesi mediterranei. I suoi steli sono costituiti da fibre molto resistenti che sono state utilizzate per le piante a pergolato (come i tralicci per la vite).

A loro volta, i dipartimenti di chimica e farmacologia di diverse università hanno trovato proprietà medicinali nello Spartium junceum,  che svilupperemo nel corso dell’articolo.

Caratteristiche della ginesta ( Spartium junceum)

tassonomia delle piante

  • Famiglia:  Fabaceae
  • Genere: Spartium
  • Specie: Spartium junceum

Forse il nome della famiglia delle Fabaceae vi suona familiare. Questo gruppo di piante rappresenta un grandissimo numero di specie (più di 19.000) che hanno fatto parte della dieta di base dell’essere umano.

Stiamo parlando di piante come fave, lenticchie, ceci, piselli o fagioli, tra le altre. E come comuni e particolari delle specie fabaceae o leguminose, tra le quali annoveriamo la ginesta, possono ottenere azoto atmosferico in simbiosi con il genere di batteri Rhizobium.

Ciò consente di sfruttare appieno la nutrizione azotata o addirittura utilizzare la gallomba (altro nome ampiamente utilizzato per questa pianta) come sovescio al posto del tradizionale maggese, con il vantaggio di migliorare la conservazione del suolo e ridurre l’erosione.

Spartium junceum  si presenta come un cespuglio, di colore verde opaco con sfumature grigiastre. Dalle radici spuntano molti fusti per pianta, di aspetto sottile e che possono superare i 50 cm di altezza.

Dalla parte centrale alla sommità di ogni germoglio compaiono i caratteristici e profumati fiori di colore giallo e di piccole dimensioni. Ogni pianta ne produce un gran numero, motivo per cui offre uno spettacolo spettacolare quando vediamo un prato di ginesta crescere spontaneamente e senza l’aiuto dell’uomo.

Caratteristiche agronomiche della ginestra da fiore

Spartium junceum  ha interesse agronomico nelle aree a giardino xerofitico, dove a causa delle condizioni climatiche della zona sono necessarie specie a basso consumo idrico.

In America Latina è comune vederla piantata in questo tipo di luogo, sebbene sia stata considerata anche in alcuni paesi come una pianta invasiva.

A livello colturale è capace di crescere in ambienti inospitali, con suoli sassosi, isolati, aridi e di tipo calcareo.

Non necessita di abbondanti irrigazioni ed è in grado di sopravvivere alle precipitazioni, che in molte aree dell’Europa meridionale sono molto scarse (come nella regione di Murcia e Almería).

Nelle zone con scarse precipitazioni, ma con temporali isolati nei mesi estivi, è interessante l’utilizzo di questa pianta per ricoprire vaste aree. Da un lato è favorevole la fissazione dell’azoto atmosferico, in modo che possa essere successivamente utilizzato come sovescio nel terreno, alimentandolo e facilitandone la conservazione.

D’altra parte, è interessante notare che le sue risorse di sopravvivenza sono molto basse, dato che sviluppa un potente apparato radicale. Ciò aiuta a ridurre i processi di erosione naturale causati dal vento o dal deflusso dopo forti piogge.

Spartium junceum che cresce spontaneamente ai bordi delle strade

Usi in farmacologia

Come abbiamo accennato, università di diversi paesi, come la Turchia o il Perù, hanno analizzato i principi attivi che compongono la pianta di Spartium junceum.

Di interesse medicinale sono le sue proprietà ipoglicemiche,  dovute al suo contenuto di allossano, tra gli altri principi attivi. Contiene inoltre diverse nature di saponine con effetti antiulcera.

Tuttavia, sono stati trovati anche alcaloidi (sparteina) distribuiti in tutte le parti della pianta e tossici per l’uomo e altri animali.

A dosi elevate possono provocare vomito, vertigini, disturbi gastrointestinali, irritazione delle mucose e, nei casi più gravi, cefalee e convulsioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.