Piante

Coltivazione e benefici della matalauva (anice)

L’anice è la forma più conosciuta della pianta scientificamente nota come Pimpinella anisum. L’altro nome noto anche è matalauva e si distingue principalmente per essere utilizzato in gastronomia e per i suoi benefici medicinali. Qualcosa di cui non si tiene tanto conto e che è anche alla portata di qualsiasi agricoltore inesperto è la sua coltivazione, molto interessante per essere una pianta medicinale diversa e per il magnifico profumo che sprigiona in giardino.

Nonostante sia di origine asiatica, la sua coltivazione si adatta a tutti i tipi di zone climatiche, e possiamo anche piantarla e coltivarla in vaso. L’anice o matalauva è molto usato in gastronomia, preferibilmente nella preparazione di dolci, quindi in questo articolo vogliamo raccontarvi tutto ciò che serve per la sua coltivazione e usi medicinali.

Caratteristiche della pianta matalauva (anice verde)

È noto come anice, anice verde o malatalauva, ed è un fedele rappresentante del genere Pimpinella, specie vegetale dalle proprietà aromatiche e medicinali molto interessanti e utilizzata nel corso della sua storia.

Il nome scientifico per evitare confusione è Pimpinella anisum.  È considerata una pianta erbacea a crescita annuale e può raggiungere 1 metro di altezza. Ornamentalmente, non è una pianta molto apprezzata, poiché non ha foglie grandi e vistose. Sono infatti lobati e di piccole dimensioni (da 2 a 5 cm). Ha piccoli fiori bianchi, di circa 3 mm di diametro.

La frutta è ciò che è veramente importante e di grande utilità, ed è quella che contiene tutti i principi attivi e la maggior quantità di aromi.

Classificazione e tassonomia

Famiglia: Apiaceae
Genere: Pimpinella
Specie: Pimpinella anisum

Caratteristiche della sua coltivazione

Le possibilità della sua coltivazione sono interessanti poiché non è necessario essere esperti per la sua coltivazione. È una pianta considerata rustica dove, con piccoli accorgimenti, possiamo coltivarla sia in giardino che in vaso o tavola di coltivazione.

Anche se non siamo interessati a sfruttare i suoi frutti, possiamo goderci il magnifico aroma che emanano i suoi frutti, ricchi di oli essenziali come il metilene havicolo, l’aldeide anisica o l’acido anisico, tra gli altri.

Le caratteristiche principali della sua coltivazione sono le seguenti:

Piantare

Dalla moltiplicazione dei semi si può ottenere la pianta matalauva o anice verde. Il processo di germinazione è semplice e può essere effettuato direttamente a terra. Hanno bisogno di condizioni umide e buie, quindi di solito vengono piantate ad almeno 5 mm di profondità, su substrato precedentemente inumidito.

Il periodo di germinazione di solito comprende da 1 a 2 settimane, a seconda della temperatura ambiente. Successivamente, con una pianta già abbastanza formata e alta 10 cm, può essere trapiantata nel luogo definitivo.

La pianta attraversa vari periodi di crescita. La produzione dei frutti e la loro successiva raccolta avviene a circa 60 o 90 giorni dalla data di impianto, motivo per cui la matalauva o anice è una pianta a crescita rapida.

Una volta raccolti, è importante essiccare i semi per prevenire il proliferare di malattie e garantirne la conservazione per un lungo periodo di tempo.

Meteo e posizione

La climatologia è importante per garantire la crescita ottimale della pianta. Sebbene abbia origini asiatiche, è stato in grado di adattarsi a tutti i tipi di ambienti per centinaia di anni. Tuttavia, come requisito iniziale, sono richieste grandi quantità di illuminazione (anche sole diretto) e temperature confortevoli.

Pertanto, è l’ideale per evitare le zone molto fredde o scegliere un calendario di impianto secondo una pianta a clima temperato. Pertanto, la normale semina viene effettuata a fine inverno o all’inizio della primavera, a seconda del rischio di gelo nella tua zona.

Non è necessario seminare in un focolaio o al chiuso e la semina dei semi può essere effettuata direttamente sul substrato. Molte persone lo trasmettono direttamente in giardino.

Tipo di terreno per matalauva

Non sono richieste condizioni speciali per la coltivazione della matalauva o dell’anice. Un substrato universale copre perfettamente le esigenze di questa pianta aromatica, nel caso la si voglia coltivare in vaso.

In giardino il terreno può essere calcareo, leggero, con buon drenaggio e preferibilmente asciutto, poiché le sue condizioni di crescita sono molto simili ad altre piante aromatiche mediterranee (timo, rosmarino, salvia, lavanda, ecc.).

L’apporto di letame o sostanza organica ben miscelata al terreno migliora la ritenzione di umidità dell’acqua fornita, aumenta la popolazione di microrganismi benefici e fornisce minerali essenziali per lo sviluppo dell’anice o del matalauva.

I terreni argillosi che si impregnano facilmente d’acqua e trattengono molto bene l’umidità non sono del tutto consigliabili, ma questa pianta può essere coltivata senza grossi problemi, distanziando la quantità di acqua fornita per un tempo più lungo.

Necessità di acqua e fertilizzanti

Mantenere un’umidità costante nella pianta, tirando condizioni piuttosto asciutte nel substrato. Nei mesi più caldi, dato che la piantagione inizia in primavera e si raccoglie a fine estate, andrà annaffiata dalle 2 alle 3 volte a settimana.

Per quanto riguarda l’abbonato, mantenere un livello di sostanza organica è sufficiente per avere una buona produzione, quindi di solito non vengono utilizzati fertilizzanti inorganici.

Raccolta di anice o matalauva

La raccolta dei semi viene effettuata circa 3 mesi dopo l’inizio della germinazione. Si consiglia di raccoglierli quando cambiano colore in toni marroni, segno che si stanno seccando e hanno il punto ottimale di oli essenziali.

Il modo consigliato per estrarre questi frutti dalla malatauva è tagliare gli steli precocemente, senza incidenza solare. La conservazione sarà effettuata in ambienti ventilati, lasciandoli asciugare poco alla volta. Scuotendo questi frutti si liberano i semi che potremo usare in futuro per la prossima piantagione.

Uso di matalauva come alimento

L’anice o matalauva è un ingrediente molto utilizzato in pasticceria e panificazione, soprattutto per la preparazione di dolci. Anche la produzione di anice è un importante impiego a livello industriale. Attualmente, in gastronomia, si usano solitamente miscele di specie diverse, tra cui l’anice, per esaltare i sapori nei piatti, siano essi carni o verdure.

Usi medicinali di matalauva

A livello medicinale, alla pianta di anice o matalauva vengono attribuiti alcuni benefici per l’organismo, soprattutto legati alla salute dell’apparato digerente. Storicamente è stato utilizzato nella medicina tradizionale per stimolare l’appetito, ridurre le coliche nei bambini e migliorare la digestione dei pasti pesanti.

Grazie al suo contenuto in oli essenziali, i semi di matalauva sono usati anche per ridurre la tosse secca, alleviando i sintomi di raffreddore e influenza. È consuetudine preparare l’infuso di anice combinato con altre piante espettoranti.

Principi attivi

I benefici medicinali e aromatici sono associati alla presenza di oli diversi, dove spicca l’ anetolo. Tra gli altri oli e componenti, troviamo anche i seguenti nell’anice o nel matalauva:

  • Chavicol metilene
  • Aldeide anisica
  • acido anisico
  • Vari composti terpenici

prodotti correlati

Altre piante medicinali

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.