Piante

Guida alla coltivazione dell’erba di San Giovanni (Hypericum perforatum)

L’ Hypericum perforatum,  noto come erba di San Giovanni, è considerato una pianta medicinale facilmente coltivabile nel nostro giardino. Per il suo aspetto, la sua coltivazione come pianta ornamentale può essere interessante, anche se esistono diversi studi scientifici che ne supportano le proprietà.

In questa guida vogliamo commentare le principali caratteristiche della pianta di iperico o iperico, nonché le condizioni di crescita e i principali consigli per piantarla in giardino.

Caratteristiche dell’erba di San Giovanni ( Hypericum perforatum)

L’erba di San Giovanni è una pianta erbacea perenne la cui origine è accertata in Europa, anche se oggi può essere vista nei giardini in America e persino in Australia. Ha una bella fioritura gialla e di solito non supera i 50 cm di altezza.

Nonostante le sue rinomate proprietà medicinali, non è così apprezzato negli Stati Uniti o in Australia, dove è classificata come specie invasiva.

tassonomia

  • Ordine:  Malpighiales
  • Famiglia: Ipericacee
  • Genere: Hypericum
  • Specie: Hypericum perforatum

Nomi comuni:  hypericum, hypericon, cuoricino o erba di San Giovanni.

L’erba di San Giovanni si distingue per la caratteristica fioritura gialla ,  la cui fioritura inizia a giugno (per questo è chiamata erba di San Giovanni, festa del 24 giugno).

Come coltivare Hypericum perforatum ( erba di San Giovanni)

Climatologia

L’erba di San Giovanni è considerata una pianta resistente che sopporta diverse temperature ambienti e zone climatiche. Può essere coltivata praticamente in tutto il mondo, sviluppandosi maggiormente nei mesi primaverili. Ha una buona resistenza al freddo, ma non al gelo. I fiori sono la parte più sensibile al gelo, ma di solito spuntano in primavera, al riparo dal gelo.

Può essere coltivata in pieno sole o in zone semiombreggiate, essendo un requisito importante che abbia accesso alla luce.

Supporta diversi ambienti di umidità, con uno sviluppo ottimale tra il 60% e l’80%.

tipo di suolo

Questa pianta si adatta a tutti i tipi di terreno che hanno un buon drenaggio e una media quantità di sostanza organica. Si adatta a un intervallo di pH compreso tra 5,5 e 8.

come annaffiare

L’erba di San Giovanni è una pianta resistente alla siccità, quindi l’irrigazione si adatta alla frequenza di lasciare asciugare il terreno. In inverno di solito rimane senza irrigazione, fatta eccezione per le piogge.

Irrigazione in primavera e in estate: da 2 a 3 volte a settimana, da 1 a 2 L/pianta

Abbonato

Mantenere costantemente i livelli di sostanza organica nel terreno. Fornire da 2 a 3 kg/m2 di superficie ogni 2 o 3 anni, potendo utilizzarlo come pacciamatura intorno alla pianta. Solitamente non vengono applicati fertilizzanti inorganici, se non nelle produzioni industriali.

moltiplicazione per semi

Il modo più semplice per ottenere piante completamente differenziate dalla madre è attraverso i semi. Possiamo acquistarli facilmente nei negozi specializzati o online.

Per farli germogliare, li pianteremo al chiuso alla fine dell’inverno, con un substrato universale e garantendo l’irrigazione in ogni momento per conservare costantemente l’umidità. Di solito ci vuole molto tempo per germogliare, quindi devi essere paziente e spruzzare almeno 3 volte a settimana.

Una volta germinato, continuiamo a dare gli stessi rischi e ad aumentare l’esposizione alla luce, ma senza luce solare diretta. Quando la pianta ha le prime foglie vere, possiamo trapiantarla in vaso o direttamente in giardino, se ci sono buone temperature primaverili.

Raccolta dell’erba di San Giovanni

La raccolta dell’iperico viene solitamente effettuata nella fase di piena fioritura. Si effettua nelle giornate soleggiate e senza umidità, per aumentare i tempi di conservazione delle parti raccolte ed evitare malattie legate al marciume.

Lasciare annaffiare l’ultima settimana per aumentare la concentrazione dei componenti interessanti, se li utilizzeremo per scopi medicinali.

Quali proprietà ha l’erba di San Giovanni?

L’erba di San Giovanni condivide molte proprietà medicinali con altre piante dello stesso genere ( Hypericum). La distinzione tra l’uno e l’altro si basa su diverse percentuali di oli essenziali o tannini.

L’iperico si è distinto nella medicina tradizionale per avere una composizione più omogenea rispetto ad altre piante simili. I suoi benefici erano già utilizzati in epoca romana e greca e in alcuni casi sono ancora utilizzati oggi.

Componenti presenti nell’impianto

  • Oli essenziali:  cariofillene, cineolo, pinene.
  • Acidi:  ascorbico (vitamina C), stearico e palmitico.
  • Iperforina:  efficace per il trattamento di problemi depressivi e ansiosi.
  • Ipericina:  aumenta i livelli di dopamina, un neurotrasmettitore.
  • Limonene:  ha potenziale antiossidante, presente anche negli agrumi.
  • Quercetina:  ha un effetto antiossidante, come il limonene.
  • Rutina:  con attività antinfiammatoria.

Nel fiore troviamo diversi flavonoidi e tannini, che hanno proprietà antiossidanti di riconosciuta funzionalità. Qualcosa da evidenziare di questa pianta è il suo  contenuto di ipericina,  un derivato medicinale che caratterizza le proprietà dell’iperico.

attività antinfiammatoria

A causa della concentrazione di flavonoidi e diversi terpeni, l’erba di San Giovanni è stata studiata per le sue proprietà antinfiammatorie. Tra questi, il componente che spicca di più è l’iperforina, che ha attività regolatrice della ciclossigenasi di tipo 2 (COX-2) nell’uomo. Ciò significa che è coinvolto nella riduzione dei processi allergici e ci aiuterebbe a combattere alcune malattie correlate.

potenziale antimicrobico

L’iperforina ha anche proprietà antibatteriche, quindi il suo consumo può essere interessante per regolare la crescita di microrganismi patogeni, come l’ Helicobacter pylori  nel tubo digerente.

In generale, è stato riscontrato che offre una buona attività antibatterica sui batteri gram-positivi.

Problemi digestivi

Vari oli essenziali e terpeni dell’erba di San Giovanni possono essere utilizzati per rafforzare il sistema immunitario. Per questo, il consumo consigliato è tramite infusi. Può alleviare i disturbi dello stomaco, ridurre la diarrea e migliorare il transito digestivo.

Come usare la pianta di iperico

Abbiamo diverse possibilità per sfruttare i benefici dell’erba di San Giovanni o dell’iperico.

  • Per infusione:  estratto di fiori da 15 a 30 g/L, da assumere da 3 a 4 tazze al giorno.
  • Per decotto:  utilizzando una concentrazione del 5% e una dose da 1 a 2 cucchiai di caffè per tazza, per successiva applicazione esterna (sulla pelle).
  • Estratto liquido:  possiamo acquistare il concentrato liquido, applicando da 5 a 10 gocce, 3 volte al giorno, oppure seguire i consigli del produttore (poiché dipende dalla concentrazione).
  • Succo di iperico fresco:   assumere 2 cucchiai di caffè, da 2 a 3 volte al giorno, riducendo il dosaggio del 50% nella settimana successiva.
  • Attraverso la tintura:  30 gocce, tre volte al giorno.
  • Applicato sulla pelle: creme e lozioni dei produttori per migliorare l’idratazione della pelle.

Possibili effetti collaterali

Come ogni pianta medicinale, la presenza di diversi oli, flavonoidi e terpeni rende necessario controllare la dose di consumo. Quantità elevate possono provocare reazioni allergiche e ridotto assorbimento di minerali come il ferro, per la presenza di ipericina.

In generale si raccomanda una dose massima di 600 mg al giorno, suddivisa in 2 o 3 dosi da 200 mg.

Il  contenuto di naftoditrone nell’erba di San Giovanni potrebbe causare effetti di fotosensibilità se consumato. In altri casi si sono verificate anche lievi reazioni allergiche, confusione, mancanza di sonno o secchezza delle fauci.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.