Piante

Coltivazione e cura del cerfoglio

L’agricoltura ci dà la possibilità di coltivare diverse erbe con proprietà medicinali, aromatiche e gastronomiche.

Tra di esse possiamo coltivare un nutrito gruppo di piante come rosmarino, prezzemolo, timo e, anche se meno conosciuto, cerfoglio.

Pianta della famiglia delle apiaceae ( Apiaceae) il cui nome scientifico è  Anthriscus cerefolium.  Un misto in bocca tra anice, prezzemolo e cumino che si abbina molto bene a vari piatti.

Poiché è facile da curare, vi racconteremo alcune cose sullo sviluppo della sua coltivazione, sulla sua importanza agronomica e sulle sue proprietà gastronomiche.

Caratteristiche della pianta del cerfoglio

Il cerfoglio è una pianta di tipo erbaceo (molto simile al prezzemolo), a crescita annuale e può raggiungere fino a 75 cm di altezza.

Se ci si avvicina ad esso sprigiona un gradevole e ottimo profumo tra anice e prezzemolo. Ha un piccolo fiore biancastro che, se concimato, produce piccoli frutti neri.

Come nel caso del perjil, l’interesse agronomico della pianta del cerfoglio è attraverso l’uso delle sue foglie.

Cura del cerfoglio

caratteristiche del suolo

Molte piante appartenenti alla famiglia delle Apiaceae condividono esigenze di suolo simili. Uno dei requisiti maggiori, e che vale anche nel caso della coltivazione del prezzemolo, è quello di mantenere il terreno costantemente caldo, optando però per quelli che non accumulino umidità eccessiva e favoriscano il drenaggio dell’acqua in eccesso.

L’apporto di sostanza organica favorisce la ritenzione dell’umidità senza causare ristagni idrici, migliorando al contempo la risposta nella produzione delle radici e l’assimilazione dei fertilizzanti.

Per quanto riguarda il pH, sebbene la bibliografia ei papisti stabiliscano un pH leggermente acido, il cerfoglio può essere coltivato senza problemi in terreni alcalini. Tuttavia, è più soggetto a carenze di ferro e altri problemi derivati ​​da terreni con detto pH.

Un vantaggio della coltivazione del cerfoglio è che, per le sue dimensioni (di solito non supera i 75 cm di altezza), può essere coltivato in vaso, il che ci dà grandi vantaggi se viviamo in città e abbiamo un terrazzino o un balcone.

Per questo tipo di coltivazione cercheremo un substrato con torba decomposta, che offra una buona conservazione dei nutrienti e un fantastico drenaggio dell’acqua in eccesso.

Il cerfoglio infatti si abbina molto bene alle piante orticole (si può piantare insieme a pomodori, peperoni e colture estive) per respingere gli insetti e migliorarne lo sviluppo.

adattamento climatico

L’effetto del sole non va abusato nei mesi estivi, poiché favorisce un ambiente con poca umidità. Almeno, se il tempo è secco, l’umidità non manca attraverso il terreno o il substrato.

La coltivazione in mezz’ombra la favorisce, soprattutto nel pomeriggio, quando il sole sta penetrando e fa crollare la pianta in estate.

Si adatta bene al freddo e resiste alle basse temperature (soprattutto perché non ha molte parti sensibili, come fiori o frutti).

Quando seminare e trapiantare

semina estiva

La raccolta estiva, poiché viene comunemente coltivato il cerfoglio, richiede la semina primaverile.

Nelle zone più calde, come quelle del Mediterraneo, possiamo anticipare la stagione alle prime settimane di marzo, con l’obiettivo di anticipare la raccolta ai primi giorni d’estate.

Tuttavia, nelle zone dove c’è una probabilità di gelo a marzo, ritarderemo la semina fino ad aprile o la effettueremo in un ambiente caldo (al chiuso).

semina invernale

Per la raccolta del cerfoglio in inverno, la messa a dimora avverrà nelle ultime settimane dell’estate, a partire dal 15 settembre.

Se vogliamo avere il cerfoglio più a lungo, è consigliabile applicare il seguente trucco:

Semina il cerfoglio scaglionato per 2 settimane in modo che quando la pianta appassisce o si dirige, la pianta successiva avrà 2 settimane di vita. Possiamo effettuare questa operazione coltivandolo in diversi vasi.

Leggi tutto: semi di cerfoglio per uso annuale. 

Approvvigionamento idrico e irrigazione

Il mantenimento dell’umidità è uno dei requisiti principali per la coltivazione del cerfoglio. Tuttavia, dobbiamo evitare di correre il rischio di fornire importi in eccesso e distanziare troppo i rischi.

In questo tipo di piante, il modo ideale per mantenere i livelli di umidità è annaffiare meno ma più frequentemente. In questo modo eviteremo il problema principale del cerfoglio, che è la bullonatura.

Con l’aumento delle temperature, forniremo più acqua o aumenteremo il numero di irrigazioni a settimana.

All’inizio, man mano che la pianta cresce e si forma, in primavera non avrà bisogno di più di 2 annaffiature a settimana. Aumenteremo questa quantità in estate (minimo 3 irrigazioni), da buona parte di giugno in poi.

Cerfoglio in gastronomia

Il cerfoglio non ha l’importanza gastronomica di altre erbe, ma sta guadagnando sempre più seguaci. Piacevole quel mix tra il sapore dell’anice e il sapore caratteristico del prezzemolo.

Tutti questi tipi di erbe sono spesso usati per stimolare le papille gustative e come esaltatori di sapidità.

La gastronomia asiatica, specializzata nell’accostamento di diverse salse ed erbe aromatiche, utilizza questo trucco con il cerfoglio per esaltare il sapore di zuppe, carne e pesce.

Conservazione

L’idea è quella di utilizzare il cerfoglio appena raccolto dalla pianta che abbiamo in giardino o sul terrazzo, e ancor di più se lo coltiviamo per gradi.

Tuttavia, abbiamo anche la possibilità di conservare le foglie e i rami freschi in frigorifero. Lo faremo nello stesso modo in cui conserviamo il prezzemolo fresco che acquistiamo o che ci danno in pescheria.

Si sconsiglia, come nel caso del prezzemolo, di asciugarne le foglie per utilizzarle in questo modo nei piatti. Il suo consumo sarà sempre migliore fresco.

Valore nutritivo (per 100 grammi):

L’apporto nutritivo del cerfoglio è simile a quello di altre erbe fresche (come il prezzemolo). Il suo sapore è simile all’anice e viene utilizzato come complemento o sostituto di questo condimento.

I paesi europei che maggiormente utilizzano le proprietà del cerfoglio in gastronomia sono Francia e Germania, dove si preparano salse e zuppe che contengono questa pianta. In Spagna, invece, non è così introdotto in gastronomia, dove vengono utilizzate altre piante aromatiche come il timo, il rosmarino, la menta, ecc.

Valore nutritivo (per 100 grammi):

  • Calorie: 45kcal
  • Carboidrati: 2,7 gr
  • Fibra: 5 grammi
  • Grassi: 1,3 grammi
  • Proteine: 3 grammi

Contiene un’alta percentuale di vitamina C e minerali come calcio, ferro e magnesio.

prodotti correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.