Piante

Acetosa: scopri la sua coltivazione e come utilizzarla

È conosciuto come acetosa, anche se il suo nome scientifico è Rumex acetosa. Pianta commestibile simile nell’aspetto ad alcune varietà di lattuga, ma poco conosciuta in ambito gastronomico. E che offre un sapore acido molto simile a quello di alcuni agrumi, che si adatta perfettamente a tutti i tipi di insalate e piatti.

Il suo modo di coltivare è legato ad altre specie di foglie, come spinaci o lattuga, quindi la cura è molto simile. È importante che ti mostriamo anche alcuni piatti famosi che hanno l’acetosa tra i suoi ingredienti, per usarla comodamente dopo la raccolta.

Hai il coraggio di iniziare con il tuo raccolto? Si ottiene dai semi, la sua germinazione è molto facile ed è di rapida crescita.

Caratteristiche della pianta dell’acetosa

L’acetosa è considerata una pianta perenne che si distingue in molti paesi per il sapore acido delle sue foglie, molto diverso da quello che ci si può aspettare dalla lattuga.

Le sue foglie sono totalmente commestibili, e viene utilizzata in piccole quantità per fornire il sapore acido di cui abbiamo parlato. Puoi trovare diverse varietà, come l’acetosa rossa, con nervi colorati che migliorano anche visivamente il piatto finale.

Allo stesso modo, ci sono studi che attribuiscono alcuni benefici naturali, dovuti in particolare alla presenza di alcuni fitocomposti vegetali interessanti, di cui in seguito menzioneremo cosa sono e come possono avvantaggiarci.

La sua origine è europea, dove tuttora continua a crescere anche spontaneamente (soprattutto in zone umide, ombrose e suoli acidi).

Coltivazione e cura

Se decidi di innovare con la coltivazione dell’acetosa, invece di piantare una lattuga, puoi optare per la sua germinazione attraverso i semi. Data la sua rapida crescita, non vi resta che seguire questi piccoli consigli per poter godere delle sue foglie in pochi mesi, soprattutto in estate.

Climatologia

La temperatura ottimale per il pieno sviluppo dell’acetosa è media, con un intervallo compreso tra 15 ºC e 20 ºC. Resiste però molto bene alle basse temperature e anche ad alcune gelate premature che non durano a lungo, poiché le sue foglie, la parte edibile, ne soffriranno eccessivamente.

L’umidità gli fa bene, poiché di solito cresce in zone vicino a fiumi, zone ombrose e con terreni argillosi che resistono molto bene all’umidità. È interessante tenere conto di questa esigenza per programmare le future irrigazioni, quando la pianta sviluppa nuove foglie.

Terra

Non necessita di terreni particolari, anche se preferisce quelli che sopportano molto bene l’umidità (in particolare terreni argillosi) e con pH acido. Questo perché è solitamente sensibile alla mancanza di micronutrienti, come il ferro, e questo metallo è solitamente in uno stato insolubile (non assorbibile dalle piante) nei terreni alcalini.

Infatti, l’acetosa cresce di solito in modo naturale in terreni acidi che contengono molto ferro e mantengono una buona umidità, grazie all’elevata piovosità della zona.

Irrigazione e concimazione

Per quanto riguarda l’acqua di irrigazione, è importante, come abbiamo già accennato, mantenere un livello di umidità ottimale e non far seccare il substrato. In caso contrario, la foglia diventerà più croccante e dura, perdendo le qualità organolettiche che dovrebbe avere.

La siccità invecchia rapidamente la foglia, perdendo il suo naturale colore verde.

Ciò significa stabilire i seguenti criteri di rischio.

  • Nelle stagioni fredde:  da 1 a 2 irrigazioni a bassa portata in inverno, riducendone la quantità in caso di pioggia.
  • Nella stagione calda:  da 3 a 4 innaffiature con poca portata in estate, controllando l’umidità del substrato poco prima delle annaffiature successive, per affinare la dose e la frequenza delle annaffiature.

Per quanto riguarda l’ abbonato,  non è molto comune stabilire un piano di concimazione per l’acetosella, anche se nella fase iniziale di sviluppo applicheremo fertilizzanti ricchi di azoto e potassio, e con alcuni micronutrienti.

Tuttavia, vogliamo che l’apporto di azoto sia a lento rilascio, per evitare che la pianta produca foglie molto lunghe e si sviluppi eccessivamente. Vogliamo qualcosa di equilibrato.

Concime consigliato : concime speciale per piante verdi NPK 12-8-16 con DMPP.

La dose è compresa tra 5 e 10 grammi per pianta e può essere aggiunta prima della semina, dove si dissolverà lentamente e arricchirà il substrato per consentire un buon sviluppo delle radici.

Tieni presente che il fosforo di questo fertilizzante migliorerà la produzione delle radici, che di solito sono allungate e molto fini.

Germinazione

L’acetosa può anche essere coltivata in vaso

Il modo più pratico per ottenere nuove piante è attraverso i semi, che possiamo facilmente reperire nei negozi online specializzati.

Il processo di germinazione del Rumex acetosa. è corto, tra 10 e 15 giorni, ed è identico a quello della lattuga o degli spinaci.

Possiamo, se fa ancora freddo, farlo in un germinatore con coperchio, dove collocheremo un substrato di fibra di cocco o perlite, in quanto ha una buona capacità di trattenere l’umidità e favorisce il drenaggio dell’acqua in eccesso.

Raccomandazione: seppelliremo i semi non più di 1 cm di profondità. Innaffieremo con un annaffiatoio o con qualsiasi oggetto che riduca le dimensioni della goccia, per evitare di spostare il seme sul fondo e impedirne la germinazione. 

La data di germinazione è in primavera, potendo anticipare qualche settimana prima se lo facciamo in un germinatore all’interno della casa.

Possiamo acquistare semi di acetosa o piantine nei vivai, anche se per la facilità dei semi e la loro velocità di crescita, questo passaggio è consigliato prima.

Proprietà medicinali

In un cromatografo è stata analizzata la presenza di alcuni composti che, in quantità come quelle offerte dall’acetosa, possono essere benefiche per la salute.

Ne citeremo alcuni, dove siamo particolarmente interessati alle catechine e ai derivati ​​dell’antracene.

Inizio

  • Sali di ferro (1,5%)
  • Tannini catechici (5%).
  • Derivati ​​dell’antracene: emodin e crisofanolo.
  • Bioxalato di potassio, vitamina C, quercetina e vitexina.

Rumex acetosa ci offre un’altissima quantità di vitamina C, facilmente assorbibile, e una buona concentrazione di ferro, quindi è interessante poterlo inserire nella nostra gastronomia se soffriamo di anemia o vogliamo rafforzare le nostre difese.

L’acetosa ha però l’handicap di avere un’elevata quantità di ossalati (composti insolubili), quindi il suo consumo favorisce la formazione di calcoli renali.

Proprietà medicinali assegnate all’acetosa.

  1. Diuretico e rinfrescante
  2. Antianemico ed eritropoietico (per concentrazione di ferro)
  3. Astringente ad uso topico (per la presenza di tannini)
  4. Lassativo (dovuto ai derivati ​​dell’antracene)

prodotti correlati

Ricette con acetosa

Foglie di acetosa bollite e crema di acetosa.

Una parte importante di questo articolo è promuovere il consumo dell’acetosa mostrando diverse ricette per chi di noi non ha fantasia sul suo utilizzo in cucina.

  • Il suo consumo può essere fresco, come la lattuga, in piccole quantità, per conferire il sapore agrumato, come si fa anche con la rucola.
  • Si possono consumare cotti (e così si eliminano i tannini), come nel caso delle bietole e degli spinaci.
  • Viene utilizzato nelle zuppe come condimento e come esaltatore di sapidità.
  • Si consiglia di scartare le foglie invecchiate, poiché hanno un sapore diverso (e più pronunciato) rispetto a quelle giovani, per una maggiore presenza di terpeni amari.

Ti invitiamo a coltivarlo in casa e ad aggiungere qualche fogliolina alla tua insalata. Ti piacerà!

piante correlate

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.