Piante

Coltivazione e usi del tasso (Taxus baccata)

Il tasso è una delle grandi specie di alberi che vediamo nei parchi della nostra città e che vogliamo avere nel nostro giardino. Specie del genere Taxus di grandi dimensioni che, a lenta crescita, può superare i 20 metri di altezza.

In questa scheda vegetale vogliamo analizzare come viene coltivato il tasso e le sue principali caratteristiche, utilizzato come albero ornamentale in molti parchi e giardini delle grandi città del mondo. Con questa guida imparerai ad identificarlo, la sua tassonomia e i punti principali per coltivarlo nel tuo giardino.

Caratteristiche del tasso

Come accennato nell’introduzione, il tasso è un grande albero storico. La sua particolare forma piramidale, la vecchiaia degli alberi adulti e il suo magnifico aspetto ornamentale fanno sì che sia piantato in molte diverse zone climatiche.

Ed è che il tasso comune o tasso nero, la specie più conosciuta, il cui nome scientifico è Taxus baccata, è considerato una specie rustica e si adatta facilmente ad un’ampia varietà di ambienti.

Il tasso è una specie estremamente longeva, e quindi a crescita lenta. Alcune specie in Europa sono state datate per avere più di 1500 anni. Possiamo facilmente vedere questi esemplari in molti paesi europei, soprattutto in Francia e nel nord Europa. Tuttavia, cresce anche nella parte settentrionale del continente africano, come in Algeria o in Marocco.

In Spagna si possono riconoscere esemplari di grandi dimensioni nelle Isole Baleari, così come nelle catene montuose del Betico, del Sistema Centrale e dei Pirenei. Tuttavia, il numero della popolazione del tasso è andato lentamente diminuendo nel corso degli anni, a causa di incendi o mancanza di sostituzione degli esemplari.

tassonomia

  • Ordine: Cupressales
  • Famiglia: Taxaceae
  • Genere: Taxus
  • Specie: Taxus baccata

Nomi comuni associati: Tasso comune, Tasso nero

Cambia a seconda del clima

Una delle cose più particolari che ha l’albero di tasso comune è la sua capacità di cambiare sesso a seconda del tempo. In altre parole, in condizioni più idonee alla coltivazione, con temperature miti e calde, gli esemplari maschi cambiano sesso per favorire la riproduzione e la dispersione dei loro semi, cosa che garantisce la propagazione e lo sviluppo della specie.

Tossicità

Uno dei grandi svantaggi del tasso è che storicamente è stato associato a un albero velenoso. Questo perché quasi tutte le parti della pianta (foglie, semi e corteccia) contengono, in misura maggiore o minore, una sostanza tossica nota come taxin. Questa sostanza alcaloide ha potenziale cardiotossico ed è letale alla dose di 50-100 grammi di foglie.

La taxina provoca l’inibizione dei flussi di calcio e sodio, necessari per regolare la pressione sanguigna e il flusso cardiovascolare. Il suo consumo veniva utilizzato in passato da persone che volevano suicidarsi.

varietà

All’interno della varietà, ci sono sottovarietà o piccole modificazioni genetiche che la rendono diversa, come le seguenti:

  • Taxus baccata ‘Standishii’
  • Taxus baccata ‘Fastigiata Aurea’
  • Taxus baccata ‘Hibernica’

Cura del tasso comune

Nonostante la sua tossicità, se ci troviamo in un ambiente sicuro, dove non ci sono animali domestici o bambini piccoli, può essere coltivato in giardino. Le considerazioni iniziali sono che si tratta di un albero a crescita molto lenta, anche se molto resistente, e praticamente dimenticheremo di coltivarlo.

Climatologia

Il tasso comune ora cresce in un’ampia varietà di ambienti. Ad esempio, cresce regolarmente nel caldo clima mediterraneo delle coste marocchine, algerine e maiorchine, oltre a svernare in zone assolutamente fredde come i Pirenei o molte zone del nord della Spagna.

Come requisito principale, un’area con clima umido è molto migliore di quegli ambienti estremamente secchi. Può essere coltivata in pieno sole o ricevere ombra per alcune ore della giornata per la presenza di altre colture.

Terra

Il tasso ha sviluppato un potente apparato radicale, con radici ispessite e una buona capacità esplorativa. Il genere Taxus, in genere, non richiede molta acqua, quindi necessita di un terreno asciutto, ben drenato e profondo.

Possiamo coltivarla in terreni acidi o alcalini, anche con alto contenuto di calcare.

Quando lo coltiviamo, per migliorare il trapianto possiamo aggiungere alla buca circa 5 kg di sostanza organica o compost, migliorando le condizioni particolari del terreno e l’apporto di nutrienti.

Irrigazione

Il tasso è abituato ad ambienti asciutti, come quelli dell’area mediterranea, e cresce anche in zone ad alta piovosità. Garantendo un terreno con un buon drenaggio, le radici possono crescere senza problemi di ristagno.

Questo albero longevo resiste molto bene a lunghi periodi di siccità, poiché ha un apparato radicale molto sviluppato.

L’irrigazione nei primi anni dovrebbe essere mirata a garantire un apporto continuo di umidità, ma con una bassa frequenza di approvvigionamento idrico.

In inverno o nei mesi piovosi, si consiglia di non aggiungere acqua. In estate e primavera, quando le temperature iniziano a salire, possiamo annaffiare da 1 a 2 volte a settimana, massimo 10 litri per le giovani specie in crescita.

Abbonato

Questa specie non viene generalmente concimata nella fase adulta, ma possiamo favorirne la crescita nei primi anni di vita, fornendo concime solido granulare in primavera, quando c’è maggiore attività vegetativa.

Anche l’incorporazione di materia organica o compost attorno al tronco è un’operazione consigliata, poiché oltre a fornire nutrienti, favorisce anche il miglioramento della tessitura del suolo, la conservazione dell’umidità e lo sviluppo di microrganismi benefici.

Moltiplicazione

Nella maggior parte dei casi, la cosa più semplice è acquisire un giovane esemplare di tasso e trapiantarlo nel nostro giardino. Tuttavia, ci sono diverse operazioni di moltiplicazione, la più nota è la divisione per puntate.

I paletti di tasso vengono prodotti in autunno, selezionando dei bastoncini lunghi circa 20 cm, leggermente lignificati (dagli anni precedenti) ma con legno di trippa alla base. La sua propagazione avviene in un clima controllato, con una temperatura media di 15 ºC a 20 ºC.

La moltiplicazione si può fare anche per seme, ma presenta complicate condizioni di dormienza e germinazione, e la crescita è ridotta nei primi anni di vita. Il processo di trattamento delle sementi richiede la stratificazione.

Potatura

Il tasso è un albero che si adatta molto bene alla potatura. Nei primi anni di vita può subire questo tipo di intervento, soprattutto quando viene coltivato come albero ornamentale. Nel nostro giardino faremo le classiche operazioni di manutenzione, che consisteranno nella rimozione dei rami secchi, eccessivamente bassi o deviati dalla loro crescita abituale.

Possiamo fare questa operazione in autunno o prima della primavera.

Piaghe e malattie

È un albero abbastanza resistente e ha pochi insetti e funghi che lo colpiscono.

A livello di insetti, il parassita più comune sono le cocciniglie, che di solito colpiscono anche cipressi e pini. Il più comune è la cocciniglia cotonosa, un insetto praticamente immobile, dal corpo cotonoso e che si trova solitamente sui nuovi steli, succhiando la linfa e indebolendo l’albero.

Le malattie più comuni si concentrano sui funghi del collo che di solito compaiono in condizioni di eccessiva umidità nel terreno.

Usi attuali

Il tasso è una specie ornamentale molto apprezzata. Tuttavia, poiché la sua crescita è estremamente lenta, soffre di essere sostituita da esemplari «più vivaci» come altre specie di conifere (tuia, cipresso, diverse varietà di pini, cedri, ecc.).

L’attuale popolazione di tassi in Spagna è andata gradualmente diminuendo. Il fatto che sia una specie ornamentale e presenti il ​​problema della tossicità di quasi tutte le parti della pianta ha impedito a molte famiglie di piantarla.

Sebbene negli ultimi decenni sia comune vedere il cipresso come una specie molto comune nei cimiteri, il tasso è stato anche una specie ampiamente piantumata in questo tipo di ambiente, poiché la sua lenta crescita era associata all’eternità.

Il suo legno è considerato molto utile. Offriva un’adeguata elasticità per l’ebanisteria e l’archetteria nei tempi antichi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.