Piante

Piante selvatiche commestibili

Le piante selvatiche sono quelle che normalmente si trovano in natura, che crescono spontaneamente senza che nessuno le coltivi o si prenda cura di esse. Sebbene il loro aspetto non sembri sempre tale, ci sono molte piante selvatiche commestibili. Vuoi saperne di più su queste piante selvatiche commestibili? Unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui ti diamo nomi ed esempi attraverso le foto.

Come capire se una pianta selvatica è commestibile

Se ti trovi nella necessità di verificare se una pianta selvatica è commestibile, puoi applicare un metodo tradizionalmente utilizzato nei manuali e nelle tattiche di sopravvivenza.

  1. La prima cosa è separare la pianta nelle sue diverse parti: ci sono radici commestibili, frutti commestibili, fiori di campo commestibili e foglie commestibili, ma che una parte della pianta sia commestibile non implica che ciò sia adempiuto nella sua interezza.
  2. Pulite quindi le parti separate da eventuali parassiti o insetti: se si trovano all’interno, scartate la pianta.
  3. Il passo successivo è strofinare la pianta contro il polso o il gomito.
  4. Quindi, schiaccialo e tienilo contro un’altra zona della pelle per circa quindici minuti.
  5. Attendi 8 ore per vedere se provoca reazioni di qualsiasi tipo: se c’è qualche tipo di reazione allergica, scartala.
  6. Cuocete o lessate la pianta in acqua se avete a disposizione quegli strumenti: in caso contrario, dovrete gustarla cruda. Molto lentamente, tieni un piccolo campione tra le labbra per circa 180 secondi. Se si nota bruciore o una reazione di qualsiasi tipo, scartare nuovamente il campione.
  7. Il passo successivo è mettere il campione sulla lingua, senza masticare, per 15 minuti, sempre osservando le reazioni. Se non succede nulla, mastica per altri 15 minuti, osservando i cambiamenti o gli effetti negativi.
  8. Infine, ingoia un piccolo campione e attendi 8 ore senza mangiare o bere nient’altro che acqua. Se noti qualcosa di negativo, fatti vomitare senza esitazione e bevi molto. Se non succede nulla, prova una quantità ragionevole di pianta, come un quarto di tazza, preparata allo stesso modo.

Questo è un meccanismo di sopravvivenza per i casi di bisogno e devi stare molto attento quando lo fai, poiché ti esponi a gravi complicazioni.

rucola selvatica

Originaria del Mediterraneo, l’ Eruca vesciaria è una delle piante selvatiche commestibili del Mediterraneo più diffuse. Il suo sapore è amaro, piccante e intenso e la sua consistenza è croccante. Non supera il metro di altezza e si mangiano solo le foglie. Questa pianta fiorisce solitamente in primavera ed è stata consumata dall’uomo sin dai tempi dell’Impero Romano. Infatti alcuni autori antichi lo descrivono come dotato di effetti afrodisiaci.

Forse potrebbe interessarti anche questo altro post sulle piante mediterranee per il giardino.

Nasturzio

Il Tropaeolum majus, chiamato anche queen taco, sperone galante o fiore di sangue per i suoi graziosi fiori rossi, gialli o arancioni, si mangia in insalata o alla griglia. Inoltre, sono comunemente usati in agricoltura biologica per il loro effetto repellente per i parassiti. Questa pianta selvatica commestibile, che è anche rampicante, è peculiare per il suo sapore speziato, che ricorda il crescione.

Scopri altre 24 piante rampicanti, qui.

porcile

Amaranthus blitum è una delle piante selvatiche commestibili e medicinali più conosciute, spesso usata contro la febbre e in caso di intossicazione allo stomaco. Questa pianta è tipica del Mediterraneo ma si è diffusa nell’America nord-orientale. Ha un’altezza fino a 60 centimetri e sia il suo stelo che le foglie sono di colore verde scuro. Si consuma crudo, cotto e anche in infuso.

Calendula

La Calendula officinalis, conosciuta popolarmente anche come ranuncolo, calendula o meraviglia, è apprezzata sia per la sua capacità di attirare gli impollinatori sia per il suo uso culinario come sostituto dello zafferano fornendo qualità aromatizzanti e coloranti. Si consuma anche crudo in insalata. La Calendula è una pianta erbacea aromatica che può misurare fino a 55 centimetri con fiori tra il giallo e l’arancione.

Scopri di più sulla pianta di calendula: cura e a cosa serve in questo articolo di EcologíaVerde che ti consigliamo.

Cardo

Dipsacus fullonum è un’altra delle erbe commestibili e medicinali che viene spesso consumata in infusi di estratto dalle sue radici. E’ popolarmente conosciuto anche con il nome di bagno di Venere, carda, verga da pastore o raspayos, ma soprattutto è famoso per le sue azioni diuretiche e depurative Inoltre, una volta macerato, diventa un buon cicatrizzante per la pelle. È una pianta erbacea che può crescere fino a un metro e mezzo.

Scopri di più sulle piante erbacee: caratteristiche ed esempi in questo post che ti proponiamo.

Borragine

La Borago officinalis è facilmente coltivabile e si trova nei mesi più caldi, si distingue per i suoi graziosi fiori blu e gli steli pelosi. Le sue foglie e gli steli si mangiano crudi o cotti e hanno proprietà diuretiche e antistress. È una pianta endemica di Egitto, Libano e Siria, anche se possiamo trovarla anche in Asia Minore e nelle aree calde dell’Europa occidentale, del Sud America, del Nord Africa e del Mediterraneo.

Forse potresti anche essere interessato a questo post di EcologíaVerde in cui parliamo della flora e della fauna d’Europa.

Dente di leone

Le foglie di Taraxacum officinale sono commestibili e molto sane fintanto che vengono mangiate prima che la pianta inizi ad appassire. È anche conosciuta come cicoria amara ed è considerata una delle erbacce commestibili in molte parti del mondo, sebbene sia medicinale. È una pianta perenne e le sue foglie possono essere mangiate in insalata.

Non esitate a consultare questo post per saperne di più su com’è fatta la pianta di tarassaco ea cosa serve, qui.

Rosa selvatica

La Rosa canina è un’altra delle piante selvatiche commestibili più diffuse in Spagna e i suoi frutti, i cinorrodi, vengono solitamente utilizzati nella preparazione di insalate e sciroppi. I petali sono spesso usati in cottura. La sua foglia è decidua e quando si parla di rosa canina ci si riferisce ad un cespuglio, endemico dell’Europa e di alcune zone dell’Africa e dell’Asia, anche se si può trovare distribuito in tutto il mondo.

Vi lasciamo questo altro articolo per saperne di più su Piantare talee di cespuglio di rose: preparazione e come farlo.

portulaca comune

La P ortulaca oleracea è un rampicante di origine indiana, attualmente diffuso in tutto il mondo. Le sue foglie e gli steli, dal sapore acido, possono essere consumati crudi o cotti. Sebbene sia normalmente utilizzata per il cibo, questa pianta selvatica commestibile può anche essere un ornamentale in casa, poiché ha fiori gialli che risaltano e attirano molta attenzione.

Scopri di più su Purslane: proprietà ea cosa serve, in questo articolo di EcologíaVerde.

cardo mariano

Con il nome scientifico Silybum marianum, l’uso culinario delle sue foglie è andato aumentando negli ultimi anni. È molto efficace contro le malattie del fegato ed è considerato medicinale. È una pianta erbacea che può raggiungere i 3 metri e mezzo. Alcuni dei benefici che sono stati attribuiti a questa pianta sono che agisce favorevolmente contro i calcoli renali e della cistifellea, normalizza la glicemia e protegge le cellule renali quando si verifica un’insufficienza renale.

Scopri di più sul cardo mariano: proprietà, a cosa serve e controindicazioni.

lattuga selvatica

Molto simile alla lattuga che si coltiva abitualmente, la Lactuca virosa è commestibile, ma le sue proprietà analgesiche e psicoattive fanno sì che vada consumata con moderazione per evitare avvelenamenti. È tipico delle coste dell’Inghilterra, anche se si trova anche in Europa e persino in paesi come l’Australia o l’India. Questa pianta selvatica commestibile è simile all’oppio, anche se non crea dipendenza.

Vi consigliamo di dare un’occhiata a questo articolo su alcuni fiori di campo: nomi e foto, qui.

viola

I fiori di Viola odorata sono spesso usati come complemento alle insalate e come elemento nei dolci, sia per il loro colore deciso che per il loro sapore delicato, sebbene le loro foglie siano anche commestibili. Popolarmente conosciuta con il nome di violetta comune, violetta da giardino o viola, questa pianta è originaria dell’Asia e dell’Europa.

Leggi questo articolo di EcologíaVerde per conoscere tutta la cura della viola.

piantaggine maggiore

Plantago major è un’altra delle piante selvatiche commestibili più comuni, soprattutto in Europa e Sud America. Ha proprietà antinfiammatorie, diuretiche ed espettoranti, oltre a proprietà curative. Come alcune delle altre piante commestibili selvatiche di cui abbiamo discusso in questo articolo, è anche una pianta erbacea. Può raggiungere i 50 centimetri di altezza e presenta piccole parti gialle.

Artiglio di gatto

La vistosa Carpobrotus edulis è una pianta succulenta dalle foglie carnose che può essere consumata cruda, cotta o conservata, sebbene l’intera pianta sia commestibile. Bisogna solo stare attenti ai suoi frutti, che vanno mangiati solo maturi. È una pianta invasiva perché si diffonde su vaste aree, soprattutto nelle zone costiere temperate.

Se vuoi saperne di più sulle piante invasive: cosa sono ed esempi di specie, non esitare a leggere questo articolo che ti consigliamo.

sedano di cavallo

Lo Smyrnium Olusatrum è una delle piante medicinali più ricche di vitamina C. Ha anche proprietà depurative e diuretiche e si consuma nella sua interezza, compresi fiori e frutti, anche se i vecchi steli sono scavati.

Se desideri leggere altri articoli simili a Piante selvatiche commestibili, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.