Piante

Come far crescere la signora della notte o il galante della notte

Ogni giardino deve avere la sua signora della notte o galante della notte, i nomi principali della pianta il cui nome scientifico è  Cestrum nocturnum.

Un cespuglio che, ben curato, può raggiungere oltre i 2 metri di altezza (anche molto di più) ma che regoleremo con i consigli sulla potatura che vi offriremo.

In questo articolo troverai tutte le informazioni utili su come coltivare e sulle cure principali della signora della notte, sia che venga coltivata in giardino o anche in vaso.

Noterai come produce un aroma fantastico che inebria diversi metri intorno alla pianta (soprattutto nelle notti estive). Come vedrai, con alcuni consigli ti renderai conto di quanto sia facile far crescere l’amante della notte.

Caratteristiche della signora della notte

La signora della notte ( Cestrum nocturnum appartiene alla famiglia delle solanacee ( Solanacee), dove troviamo anche piante famose come la patata, il pomodoro o il peperone, tra gli altri.

In questa famiglia è comune vedere lo splendore della sua crescita, fioritura e formazione dei frutti in piena estate, dove questo tipo di pianta si sviluppa al meglio.

La sua altezza è molto variabile, poiché a seconda della potatura che gli diamo e della sua grandezza di crescita, possiamo avere una dama di notte di poco più di 1 metro fino a oltre 4 metri.

Possiamo classificare il galante di notte come un arbusto, poiché i suoi fusti principali sono molto ramificati e non c’è tronco principale che risalta.

È originario delle regioni tropicali del continente americano (come molte altre solanacee come le patate). Il più caratteristico della pianta, e lo scoprirete non appena la vostra pianta inizierà a fiorire, è il suo spettacolare aroma.

Oggi la sua coltivazione è diffusa in tutte le parti del mondo, purché soddisfi i requisiti climatologici, che spiegheremo più avanti.

tassonomia

  • Classe:  Magnoliopsida
  • Ordine: Solanales
  • Famiglia: solanacee
  • Genere: Cestrum
  • Specie: Cestrum nocturnum

fiore galante di notte

La cosa più impressionante della pianta è la sua fioritura. Talmente caratteristico che l’apertura avviene di notte in tarda primavera e in estate (da cui il nome signora della notte o galante della notte).

Emette un potente aroma che molte case di profumi e cosmetici estraggono per realizzare i loro prodotti.

Può essere, a causa delle circostanze, che ti trovi con il problema che il tuo galante di notte non fiorisce. Può essere dovuto a diversi fattori.

  • Potrebbero essere necessari 1-2 anni dalla germinazione (seme) per emettere fiori
  • È importante fornire fertilizzante in primavera in modo che sia nutrizionalmente in grado di produrre fiori.
  • Elevati sbalzi di temperatura tra la notte e la mattina favoriscono l’emissione di più fiori da parte della signora della notte
  • Anche ridurre leggermente l’irrigazione aiuta a promuovere la fioritura.

La cura della signora di notte

caratteristiche climatiche

Il galante notturno è una pianta abbastanza resistente ai cambiamenti climatici, alle alte e alle basse temperature.

La sua parte più sensibile è il fiore, che non dovrebbe subire temperature inferiori ai 5ºC, ma dato che fiorisce in tarda primavera e durante l’estate, non avrete alcun problema con esso.

Le parti vegetative, fusti, germogli e foglie resistono a qualche gelo leggero, dove le temperature non scendono sotto i -2 ºC e per un breve periodo.

Allo stesso modo, se ha parti danneggiate dal freddo, l’idea è di potarle e attendere la loro rigenerazione in primavera.

Per quanto riguarda  l’esposizione alla luce,  cercheremo un punto intermedio, dove riceve sole al mattino e ombra al pomeriggio (o viceversa). In questo modo eviteremo i colpi di sole delle parti più sensibili, come i fiori.

Non necessita di condizioni particolari in termini di umidità, anche se i suoi fiori si seccano più velocemente in ambienti con umidità eccessivamente bassa.

Tipo di pavimento del galante di notte

In giardino, il galante di notte dovrà adattarsi alla rusticità che puoi covare. Si adatta felicemente a terreni sia sabbiosi che argillosi. L’ideale è limoso, che consente un sufficiente drenaggio dell’acqua (per non mettere radici) e una buona ritenzione dei nutrienti (CIC).

Non preoccuparti del terreno o prova a cambiarne le proprietà, poiché con una miscela omogenea con letame o compost avrai tutti i requisiti minimi per un buon radicamento della signora di notte.

Durante la sua crescita, è importante reintegrare i nutrienti e migliorare la consistenza di detto terreno incorporando più materia organica ogni anno. Non solo per il suo apporto nutritivo, ma anche per la sua capacità di apportare benefici al suolo.

  • Maggior volume di microrganismi con attività per solubilizzare i nutrienti e migliorare la radicazione.
  • Aumento della temperatura del suolo e miglioramento indiretto dello sviluppo delle radici.
  • Umidità e ritenzione di nutrienti.
  • Maggiore resistenza alla variazione del pH e minore effetto dei sali.

Annaffiare la signora della notte

In questo tipo di colture di origine tropicale, è importante essere severi con l’irrigazione, anche se si sbaglia sempre dalla parte dell’eccesso.

Pertanto, la frequenza delle irrigazioni che dovremo effettuare (varieremo una quantità maggiore o minore di acqua a seconda che sia sabbiosa o argillosa) sarà la seguente:

  • Irrigazione in autunno e inverno:  2 irrigazioni a settimana al di fuori della stagione delle piogge.
  • Irrigazione in primavera o estate:  da 3 a 4 irrigazioni a settimana.

Nei momenti di alta temperatura, come le ultime giornate di primavera e il pieno sviluppo dell’estate, annaffieremo praticamente ogni 2 giorni, con un volume nel terreno maggiore che in vaso.

Al contrario, la coltivazione della dama della notte in vaso richiederà più frequenza ma meno volume d’acqua.

Sintomi di mancanza d’acqua della signora della notte

  • Foglie arricciate, croccanti e dure o ruvide al tatto.
  • Punta della foglia rigida e secca.
  • Quando si inserisce il dito nel substrato o nel terreno, è completamente asciutto e non si attacca alla pelle.

Sintomi di eccesso d’acqua della signora della notte

  • Perdita di luminosità del foglio
  • Foglie flaccide e marce (vertigini)
  • Sfumature di marrone nelle foglie (ma non croccanti o secche)
  • Quando inserisci il dito nel terreno, è completamente imbevuto d’acqua e il substrato si attacca alla pelle (puoi drenare il terreno)

Abbonato Night Beau

L’uccello notturno coltivato nel terreno potrà sopravvivere all’autunno e all’inverno con il lento rilascio di nutrienti dalla materia organica o dal compost, che rinnoveremo ogni anno (da febbraio o marzo).

A partire dalla primavera (aprile o maggio), si consiglia di applicare concime liquido o granulare per stimolare la fioritura ed evitare qualsiasi tipo di carenza nutrizionale.

Concime liquido:  applicheremo insieme all’acqua di irrigazione. Nutrizione rapida delle piante. Non dosare più di 1 ml per litro d’acqua per evitare un eccesso di sali.

Concime granulare:  necessita di un rilascio graduale dell’umidità. Più indicato per un’alimentazione continua ma non per correggere una rapida carenza. Applicare secondo la dose raccomandata (di solito espressa in grammi/m2 o grammi/pianta.

Tra i fertilizzanti granulari consigliati c’è il fertilizzante blu universale, NPK 12-8-16 con micronutrienti. Dose di 0,2 kg per giovane notturno e 0,5 kg per adulto notturno.

I fertilizzanti liquidi tendono ad essere meno concentrati (sono già solubilizzati). È possibile applicare un fertilizzante liquido NPK 7-5-6 con micronutrienti. La dose da utilizzare è un massimo di 1 ml/L di acqua (10 ml per secchio da 10 L di acqua). Normalmente sono già dosati nel tappo per diversi volumi.

Moltiplicazione del  Cestrum nocturnum

Abbiamo la possibilità di selezionare steli di dama de noche e di poterli ripiantare, o perché vogliamo avere diverse specie identiche in giardino (o in vaso) o vogliamo regalarli a parenti o amici.

Il metodo più veloce ed efficace per moltiplicare la bellezza notturna è per talea.

Possiamo farlo selezionando uno stelo sano lungo 20 cm, dal quale rimuoveremo le foglie inferiori (da lì cresceranno nuove radichette).

Taglieremo lo stelo in diagonale, lasciando almeno 3 internodi sullo stelo dal taglio alla punta (è da qui che arriveranno gli steli futuri).

Lasciamo in acqua per 1 settimana o fino a quando vediamo che si formano le radici bianche e poi trapiantiamo. Inizialmente, il substrato ideale per questo, con un buon tasso di ritenzione dell’umidità, è la fibra di cocco. Anche la lana di roccia può funzionare.

Lo terremo al chiuso o in un luogo protetto dall’esposizione al freddo o al calore eccessivo (compresa la luce solare diretta),

Possiamo usare gel radicanti o ormonali che migliorano la capacità di formare nuove radici. Possono essere acquistati presso qualsiasi asilo nido o negozio online specializzato.

Il taglio del taglio della signora della notte deve essere netto e diagonale. Lo strumento ideale è un taglierino o delle forbici molto affilate.

Leggi di più: come fare talee galanti di notte

Potatura della signora della notte

Lo scopo della potatura notturna della signora è quello di regolarne la crescita e prevenire la formazione di grovigli di steli che si incrociano e si disturbano.

Poiché la sua crescita in primavera è rapida e vertiginosa, è necessario effettuare potature annuali per evitare che la formazione di nuovi steli e foglie sfugga al controllo.

Questa potatura si può fare all’inizio dell’inverno, quando la crescita della pianta rallenta e al suo interno circola poca linfa. Dovremo essere sicuri che nelle settimane successive non arrivino inverni freddi e gelate che potrebbero pregiudicare i tagli.

Per la sua crescita cespugliosa, poteremo la dama de noche per darle un aspetto circolare o emisferico, lasciando rami con una dimensione minima di 30 cm. A partire dalla primavera, con l’arrivo del caldo e dell’acqua, lo sviluppo è abbastanza rapido e vedrai come si formano i nuovi steli.

A seconda dello sviluppo della dama della notte, dovremo effettuare una potatura generosa per reindirizzare la crescita. In questo modo possiamo avere un valletto con sviluppo più orizzontale (per coprire più giardino o una recinzione, ad esempio) rispetto a uno sviluppo verticale.

La potatura di allevamento si può fare dopo la fioritura (ottobre), quando il freddo non è ancora arrivato e non c’è rischio di congelamento o danneggiamento degli steli. Allo stesso modo, può essere fatto anche all’inizio della primavera, dove dai nuovi steli appariranno nuovi fiori.

Durante l’estate avremo la possibilità di rimuovere i rami danneggiati, incrociati o invecchiati. Questa forma di potatura è più comoda poiché potrai vedere quali germogli non hanno fiori o non ti interessano.

Per sapere come potare la signora di notte, l’importante è lasciare rami di una lunghezza massima di 30 cm. È in rapida crescita e si svilupperà molto rapidamente.

Parassiti e malattie del galante di notte

Poiché il più grande sviluppo della bellezza notturna si verifica nei mesi primaverili ed estivi, coincide con la crescita vertiginosa di molti parassiti.

Pertanto, i parassiti più famosi della signora della notte sono gli afidi (li troverai sui giovani germogli), le mosche bianche (sul dorso della foglia) e gli acari (vedrai come la tua pianta inizia a ingiallire o clorotica).

Malattie della signora della notte

Per quanto riguarda le malattie, la Phytophthora  è un fungo molto prolifico e resistente in ambienti umidi. Un eccesso di acqua nel terreno o nel substrato indebolisce la pianta e consente l’avanzata di questa malattia.

Noterai come si perdono gli steli (diventano marroni) e la pianta crolla in breve tempo. Il recupero è solitamente molto difficile.

Prezzo d’acquisto

Il modo più pratico e comodo è quello di acquistare una piantina di altezza non superiore a 50 cm, in un vaso di 20 cm di diametro. Il suo prezzo varia tra 20€ e 40€, a seconda della taglia finale.

La sua crescita è veloce, quindi vale la pena acquistarne una piccola poiché in pochi mesi avrà superato l’altezza di quella che costa il doppio.

Signora della notte in crescita in una pentola

Se hai deciso di coltivare il tuo night beau in vaso,  devi seguire alcuni piccoli consigli molto simili ai precedenti ma con piccole differenze.

Irrigazione

Segui gli stessi schemi indicati ma aggiungi meno acqua e più frequentemente. In inverno saranno sufficienti 2 annaffiature settimanali (da 1 a 2 litri per annaffiatura e pianta) e in estate da 3 a 4 (da 1 a 2 litri per pianta adulta).

Substrato

Quando si effettua il trapianto della signora della notte, il substrato migliore è quello costituito da torba nera con una miscela di fibra di cocco o perlite, poiché consente un perfetto drenaggio dell’acqua e una maggiore conservazione dei nutrienti.

Poiché la maggior parte di questi fertilizzanti contiene micronutrienti, non dovrai preoccuparti di clorosi ferrica, carenze di zinco o manganese o problemi di fioritura (mancanza di boro o molibdeno).

L’ abbonato va applicato anche in primavera, e puoi utilizzare sia le formule solide (granuli a lenta cessione) sia i fertilizzanti liquidi che incorpori con l’irrigazione.

La potatura va fatta anche più volte l’anno, poiché quando la dama de noche viene coltivata in vaso, richiede potature più formative e una crescita regolare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.