Suggerimenti

Come usare il nitrato di calcio per le tue piante

La concimazione con calcio di qualsiasi coltura viene attualmente effettuata con nitrato di calcio. Sebbene possiamo trovare altri fertilizzanti ricchi di calcio nel mercato dei fattori di produzione agricoli (come cloruro di calcio, idrossido di calcio, acetato di calcio, ecc.), Non sono economici, solubili o pratici come questo fertilizzante.

Conosciamo tutti la necessità di calcio in una coltura e i problemi derivati ​​dalla mancanza di questo elemento, come il marciume apicale nei frutti, il nocciolo amaro nei meli, la bruciatura delle punte nella lattuga e un lungo eccetera.

Pertanto, è importante sapere come utilizzare il nitrato di calcio e la sua miscela incompatibilità, solubilità o prezzo. Un concime talmente diffuso da poter essere applicato anche per via fogliare.

Caratteristiche del nitrato di calcio

Il processo per ottenere il nitrato di calcio è in qualche modo simile a quello del nitrato di potassio, tranne che cambiando la natura del fertilizzante.

In questo caso, per ottenere questo sale, l’idrossido di calcio viene miscelato con acido nitrico. Cioè un alcalino molto forte (idrossido di sodio, NaOH) insieme ad un acido molto forte (acido nitrico, HNO3), per ottenere il sale di nitrato di calcio Ca(NO 3) 2

Il nitrato di calcio ha la particolarità di essere molto igroscopico. Ciò significa che assorbe molta umidità. Viene utilizzato per ridurre gli odori nelle acque reflue. Tuttavia, d’altra parte, non possiamo conservarlo in ambienti umidi poiché si indurirebbe facilmente e perderebbe le sue proprietà.

Solubilità

Il nitrato di calcio ha una buona solubilità in acqua, requisito fondamentale quando lavoriamo con fertilizzanti solidi in vasche che dobbiamo preventivamente diluire prima di introdurli nel tubo di irrigazione (irrigatore e irrigazione a goccia).

Come il resto dei fertilizzanti, la sua solubilità aumenta con la temperatura, quindi sarà necessario stare attenti all’escursione termica della zona dove prepariamo le soluzioni nutritive per non applicare più fertilizzante.

Altrimenti corriamo il rischio che la soluzione precipiti sul fondo.

  • Solubilità a 20 ºC: 446 kg /1000 L di acqua
  • Solubilità a 30 ºC: 535 kg /1000 L di acqua
  • Solubilità a 40 ºC: 645 kg/1000 L di acqua

Ricchezza

La maggior parte dei fertilizzanti contenenti nitrato di calcio sono classificati come N (Ca) 15,5% – 27%. Cioè, 15,5% di azoto nitrico e 27% di ossido di calcio (CaO).

Ciò significa che per ogni 100 kg di nitrato di calcio applicato in una vasca di irrigazione, vengono forniti 15,5 UFN (unità di fertilizzante azotato) e 27 CFUa (unità di fertilizzante di calcio).

Formula di nitrato di calcio

La formula semplificata per il nitrato di calcio è Ca(NO 3) 2. Cioè, la reazione di 2 nitrati per compensare la doppia carica che ha il calcio.

In molte altre occasioni viene anche miscelato con nitrato di ammonio, così che nella miscela finale di nitrato di calcio troviamo una piccola quantità di ammonio.

La vera formula chimica del nitrato di calcio, in questo caso, sarebbe la seguente: Ca(NO 3) 2 +0.2NH 4 ·NO 3 +2H 2 O.

La reazione che il nitrato di calcio produce nel terreno è leggermente alcalinizzante (aumenta il pH).

In pratica, il 93% di tutto l’azoto fornito dal nitrato di calcio è in forma nitrica. Il resto (7%) è azoto ammoniacale.

Acquista nitrato di calcio

Prezzo del nitrato di calcio

Sebbene possiamo trovare varie marche nel mercato dei fertilizzanti, i prezzi variano tra 0,35 €/kg e 0,40 €/kg in un sacco da 25 kg. Uno dei marchi più importanti e consumati è Calcinit, di Yara.

La forma di presentazione più comune è sotto forma di miniprill bianchi e sciolti, che offrono una grande solubilità a contatto con l’acqua.

nitrato di calcio liquido

Inoltre, per comodità, possiamo accedere al nitrato di calcio già disciolto. Questo ci permette di lavorare il fertilizzante liquido in concentrazioni superiori a quelle che potremmo fare nel nostro serbatoio di fertilizzante, poiché le aziende manifatturiere hanno reattori e lavorano ad alte temperature per facilitarne la solubilità.

La densità della forma finale è elevata, tra 1,45 e 1,48 kg/L. Ha una ricchezza approssimativa dell’8% N (nitrico) e del 15% di calcio, con un pH di 6.

Dose di nitrato di calcio nelle colture

La dose abituale per la fertirrigazione è adattata alle esigenze di ogni coltura. Tuttavia, i principali produttori di questo fertilizzante danno alcuni consigli e dosi per ogni coltura.

  • Coltivazione del melo:  100-150 kg/ha dopo l’allegagione.
  • Ortaggi (cetriolo, peperone, pomodoro, fragola, melone e anguria, ecc.): 300 kg/ha dalla prima allegagione alla raccolta.
  • Vigneto:  300-350 kg/ha per tutto lo sviluppo della coltura.
  • Oliveto:  350-400 kg/ha, dal rigonfiamento delle gemme.

Queste raccomandazioni sono molto generiche, quindi è necessario fare un piano di concimazione caso per caso in base al tipo di terreno e alla produttività prevista.

Nitrato di calcio in applicazione fogliare

La qualità offerta dal nitrato di calcio in termini di purezza (privo di metalli pesanti, cloruri e sodio in eccesso) consente l’applicazione fogliare in trattamenti mirati al miglioramento della consistenza del frutto e del suo peso specifico.

In generale e soprattutto nelle colture arboree (frutta a nocciolo e semi, agrumi, avocado, uliveti, ecc.) la dose media in un’applicazione fogliare di nitrato di calcio è di 1 kg/hl (1 kg per 100 litri di acqua).

Se si cerca un apporto maggiore si possono consumare fino a 2 kg/hl (2 kg ogni 100 litri di brodo) nei momenti successivi all’allegagione, proprio quando il frutto offre una buona capacità di assimilazione del calcio.

Nitrato di calcio negli agrumi

I livelli di calcio raccomandati nelle foglie di agrumi sono compresi tra il 3 e il 5,5%, motivo per cui questa coltura è considerata esigente in termini di calcio.

Per fare questo, se parliamo in termini di meq/L, necessita di un apporto continuo di 2 meq/L, anche se dipenderà dalla concentrazione di calcio dell’acqua di irrigazione.

Per raggiungere questo valore, per ogni 100 m 3 di acqua di irrigazione, vanno aggiunti dai 20 ai 22 kg di nitrato di calcio. Da questi dati si possono estrapolare i valori in base al contributo e alla durata dell’acqua di irrigazione.

Irrigazione di 1 ettaro di aranci: 4 gocciolatori per albero e portata unitaria di 4 L/h. Quadro di impianto di 280 alberi per ettaro. Irrigazione di 2 ore. Q(flusso)= 4 (gocciolatori)·4 (L/h)·2 (h)·280 (alberi) = 8.960 litri =8,96 m3 (metri cubi). Dovremmo fornire 2 kg di nitrato di calcio in detta irrigazione in una regolare concimazione di calcio.

Uso del nitrato di calcio nella coltivazione del pomodoro

Nel caso dei pomodori, sono ancora più esigenti in termini di calcio rispetto ad altre colture. La mancanza di questo elemento provoca il noto marciume apicale o volgarmente peseta. L’apporto di calcio deve essere continuo durante tutto lo sviluppo della pianta, soprattutto dall’allegagione dei primi rami.

L’ alimentazione del pomodoro richiede 10 meq/L di calcio, anche se sì o sì lo dobbiamo detrarre dal calcio fornito dall’acqua di irrigazione.

Se l’acqua fornisce 5 meq/L di calcio, dovremo applicare nitrato di calcio per coprire 10 meq/L (quindi saranno 2 meq/L).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.