Suggerimenti

Come piantare le patate in casa: [Suggerimenti e guida completa]

Per gli amanti delle piante da appartamento , il Potos ( Epipremmum aureum) è uno dei nostri preferiti.

La sua buona popolarità si basa sul fatto che è facile da coltivare e da curare e sembra molto bello.

Inoltre, poiché offre un sistema di sospensione (quindi può essere considerata una pianta sospesa ), è molto più vantaggioso per la decorazione.

Se ha attirato la tua attenzione perché l’hai visto a casa di un amico o in un vivaio , oggi ti diremo cosa devi sapere per poter piantare le patate.

  

Punti importanti durante la semina delle patate:
  • Quando? Da marzo ad aprile.
  • Dove? In caso di piantare potos all’aperto , assicurati che sia contro un muro per garantire l’ombra ad un certo punto della giornata.
  • Tempo di crescita? Il Potos è una pianta a crescita rapida .
  • Come prepariamo il terreno? Terreno ben drenato, con una buona manciata di substrato o compost .
  • Di cosa abbiamo bisogno per piantare le patate? semi di pothos o una pianta adulta per prendere le talee, il substrato, un vaso e uno spruzzatore.
  • Come innaffiamo? In inverno è sufficiente una volta alla settimana. In estate ogni due o tre giorni. Evitare di inondare la terra. Ideale per farlo con uno spruzzatore.
  • Piaghe e malattie? Acari di ragno, tripidi , cocciniglie , marciume e diversi batteri.

  

Quando piantare le patate?

Il Potos ama vivere in climi temperati, motivo per cui il momento preferito per effettuare la semina va da marzo ad aprile. 

Tuttavia, il tipo di potos che è ha molta influenza su questo problema .

Dove dovremmo piantare i pothos?

I pothos possono essere seminati in vaso di dimensioni normali ed effettuare i rispettivi trapianti quando necessario.

È importante che questo processo di trapianto sia esibirti sempre in primavera per evitare danni alla struttura delle sue radici e fusti.

In alcuni luoghi vengono anche piantate all’aperto ed è possibile che raggiungano grandi dimensioni nella loro espansione.

Ma se vuoi farlo in questo modo nel tuo giardino , è meglio assicurarti che colpisca un muro per garantire ombra ad un certo punto della giornata.

  

Come preparare il terreno?

In generale, il pothos non è molto esigente nella sua cura , quindi è possibile seminarlo in terreni aerati e neutri. 

Per quanto riguarda la qualità del substrato, si può pagare al momento del trapianto e dopo ogni tre mesi, poiché tende comunque a crescere molto bene.

Affinché questi tipi di piante si sviluppino normalmente, ciò di cui hai bisogno è un buona quantità di luce che ti colpisce indirettamente. 

Questa luce, unita alla minima cura della terra , porterà la pianta a vedere sempreverde e lucente.

  

Come innaffiamo le patate?

Quando si tratta di annaffiare, bisogna stare molto attenti.

I pothos amano il terreno moderatamente umido e conservano molto bene l’acqua.

Per questo motivo durante i mesi invernali le innaffiature dovrebbero essere abbastanza scarse , controllando sempre prima lo stato del terreno.

La cosa più appropriata è che un po’ del liquido vitale venga somministrato ogni 10 giorni.

Già per l’estate e le giornate con tanto sole, la cosa più consigliabile è fare un’irrigazione moderata che non causare mai ristagni d’acqua. 

Qui si può avanzare con irrigazioni ogni 4 o 5 giorni, a seconda dello stato in cui si vede. Se in qualsiasi momento vuoi dargli più freschezza, puoi spruzzare le foglie con uno spruzzatore.

  

Come seminare le patate passo dopo passo?

La semina del pothos dipenderà, in larga misura, dal modo in cui ne faremo la moltiplicazione.

Nel caso si trattasse di talee , la procedura sarebbe questa:

  1. In una pianta esistente si può prendere uno stelo e staccarlo dalla pianta madre con un coltello pulito ed effettuando un taglio preciso e veloce.
  2. Questa andrà ripulita dalle foglie che si trovano nella parte inferiore.
  3. La parte del fusto che è solitaria andrà posta nel vaso dove verrà fatta la semina , coprendo con abbastanza substrato e premendo un po’ con le dita in modo che si fissi bene.
  4. Allo stelo rimanente eretto, possono aggiungere alcuni bastoncini che hanno un’altezza b uena per dare sostegno.
  5. Questi bastoncini sono preferibilmente più alti dello stelo per facilitare il posizionamento del sacchetto di plastica che verrà in seguito.
  6. Devi posizionare una plastica che sia in grado di coprire l’intera pianta e generare una temperatura adeguata con concentrazione di umidità. Ma è molto importante non toccare la pianta.
  7. Questa plastica verrà rimossa quotidianamente per eliminare la condensa.
  8. Il momento chiave per rimuovere definitivamente la plastica sarà quando si verificheranno i primi scatti.

Si può fare un processo simile  quando si mette il taglio in acqua, in quanto tende anche a generare buone radici che verranno poi messe a dimora in vaso.

Infine, questo processo può essere eseguito al momento del trapianto.

L’idea è quella di separare le piante dai fusti alle radici in modo da ottenerne 2 o 3 con caratteristiche identiche.

Questi, poiché già vengono con le loro radici e gambi completi , rimarranno in modo simile a come li avevamo prima.

  

Quali associazioni favorevoli hanno i potos?

Essere un  pianta rampicante e di poca cura e necessità, i pothos possono essere coltivati insieme ad una grande varietà di specie.

Se è all’aperto, è possibile approfittare di accomodarlo in modo che si arrampichi attraverso la cima di un tronco di qualsiasi albero forte e solido o di una palma.

Non tendono a rubare molto i nutrienti dal substrato, quindi entrambe le piante cresceranno senza problemi.

Quali parassiti e malattie ha?

Un aspetto preoccupante di questo tipo di piante è che possono essere colpite da varie malattie e parassiti .

Per questo motivo, è meglio esaminare ogni caso uno per uno.

  

parassiti

Essi sono generati da tre specie ben definite: ragno acari, cocciniglie, e tripidi.

Tutti colpiscono principalmente le foglie, quindi di solito sono relativamente facili da rilevare mentre valutiamo la crescita della pianta.

Come in tutti i casi in cui queste si verificano, sarà necessario trovare un insetticida (come l’ olio di neem o il sapone di potassio ) che possa debellare il parassita senza causare problemi di salute.

Malattie

In questo caso il problema è causato dalla struttura stessa dell’impianto ed è necessario essere molto attenti a rilevarli. 

La cattiva notizia è che in nessuno dei due scenari che presenteremo di seguito esiste una cura, ma almeno uno di essi è prevedibile.

 Marcire Si verifica quando c’è un eccesso di irrigazione e le radici e gli steli generano funghi. Ecco perché è essenziale controllare questa attività.

La seconda malattia è prodotta dai batteri che colpiscono le foglie producendo macchie biancastre.

   

La patata è una pianta tossica?

Sì.

Attenzione, perché il potos, perché ha molti ossalati , se ingerito dall’uomo può essere tossico, provocando vomito e diarrea.

Senza dubbio, il potos è una delle piante da interno più ricercate per decorare gli spazi senza doverci dedicare molto tempo.

Ci auguriamo che queste informazioni siano di vostra totale utilità in modo che possiate godere della compagnia del vostro impianto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.