Suggerimenti

Veronica, pianta medicinale per malattie polmonari, malattie reumatiche o disturbi digestivi

Allergia, insonnia, cattiva digestione, dolori reumatici, gastrite …. sono alcuni dei disturbi per i quali la Veronica è consigliata per la sua azione medicinale.

Se vuoi conoscere gli usi di queste piante, come prenderle e le controindicazioni, ti diremo tutto in questo articolo.

.

Cos’è Veronica?

Veronica officinalis , comunemente nota come Veronica, è originaria dell’Europa e degli Stati Uniti orientali, dove cresce in campi aperti e prati. È una pianta perenne abbastanza aromatica. Ha una lunga storia di uso medicinale come agente diuretico e diaforetico. È stato usato per trattare disturbi renali, emorragie e malattie della pelle . Gli erboristi contemporanei usano spesso questa erba per trattare la tosse bronchiale, l’infiammazione delle mucose e altre condizioni infiammatorie, inclusi i reumatismi.

Il genere Veronica L. è il genere più numeroso della famiglia delle Plantaginaceae, con circa 500 specie sparse in gran parte dell’emisfero settentrionale e in molte parti dell’emisfero meridionale; presenta una grande diversità ecologica, con specie che crescono in ambienti steppici, dall’acqua all’asciutto, dal livello del mare alle regioni di alta montagna. Cresce spontaneamente in prati aridi, boschi, pascoli e brughiere. Predilige generalmente luoghi umidi e caldi. Questa diversità, e il fatto che molte specie abbiano bellissimi fiori blu, possono spiegare l’interesse che la pianta di Veronica ha suscitato a lungo.

La Veronica officinalis L . è una pianta medicinale popolare in diversi paesi europei, specialmente nell’Europa centrale e orientale e nei Balcani, ha una lunga storia di utilizzo nella medicina tradizionale . Viene coltivato anche in alcune regioni sia dell’America settentrionale che dell’America Latina meridionale.

Alcuni dei nomi comuni con cui è conosciuta questa pianta sono:

Veronica, veronica comune, veronica maschile, veronica officinale, aceto, pianta erbacea / triaca, triaca / tríaca, erba morga, malarranca, paulina, tè dalla Spagna, tè dall’Europa, tè ribera, becabunga, bérula o Hierba de los Lepers (questo ultima denominazione sarebbe stata ottenuta per aver guarito dalla lebbra un re di Francia).

È una pianta perenne con fusto strisciante e ramificato. Le foglie sono opposte, ovali e dentate, con un corto picciolo e di colore verde. Dalle ascelle spuntano spighe o grappoli eretti di fiori bianchi, bluastri o violacei dall’aroma molto dolce e dal sapore amaro; inoltre produce piccoli frutti pieni di semi. Fiorisce tra maggio e agosto, a seconda dell’altitudine del terreno in cui cresce. L’intera pianta è ricoperta di peli fini.

Principi attivi e azione terapeutica

Le specie del genere Veronica sono ricche di glicosidi iridoidi, principalmente aucubina, catalpol e esteri dell’acido benzoico e cinnamico del catalpol, tutti composti che sono stati studiati per la loro bioattività. L’analisi fitochimica ha identificato il verproside e il verminoside come i glicosidi iridoidi più abbondanti.

Il suo contenuto di tannino e aucuba gli conferiscono il gusto amaro e le proprietà astringenti, aperitive e digestive . Contiene inoltre saponine che gli conferiscono proprietà balsamiche . I suoi attributi antinfiammatori e antiallergici sono forniti dagli eterosidi.

Altri principi attivi di Veronica sono acetofenone, flavonoidi come apigenina, escutellarina e lutelonia, acidi organici, vitamina C, olio essenziale, sali minerali, mannitolo, pungenina e isopungenina.

Recenti studi hanno rilevato altri composti del genere Veronica quali : acido p-cumarico, acido ferulico, ispidulina, β-sitosterolo, eupatorina ed eupatilina, che probabilmente svolgono un ruolo nella sua attività terapeutica.

Azione medicinale e proprietà di Veronica

La pianta della Veronica è considerata come diuretico, espettorante, cicatrizzante, aperitivo, digestivo, antinfiammatorio, anallergico, ipocolesterolemizzante, sedativo e depurativo.

È comunemente usato come tonico stimolante dell’appetito e medicina dello stomaco nei disturbi digestivi come: dispepsia, gastrite, ulcere gastroduodenali e flatulenza.

In caso di malattie reumatiche , inclusa la gotta, viene applicato come cataplasmi o bagni caldi per ridurre il dolore reumatico.

Contiene inoltre saponine, dall’azione balsamica per i bronchi e ha proprietà espettoranti, per questo viene utilizzato nel trattamento di tosse, asma, bronchite ed enfisema polmonare.

In precedenza, era molto popolare come infuso in Inghilterra come tè rilassante .

Il suo contenuto di tannino favorisce la guarigione di ferite, piaghe e ulcere , e può essere utilizzato attraverso il suo decotto per lavare la pelle. Applicato su ferite e afte, aiuta la guarigione ed è spesso usato come gargarismo per alleviare il mal di gola . È anche usato per lenire il prurito e ammorbidire la pelle secca.

La Veronica officinalis L . Hanno una lunga storia di uso medicinale come agente diuretico e diaforetico.

Sono stati studiati il ​​contenuto fenolico e sterolico e l’attività antiossidante e antimicrobica di tre specie di Veronica (Plantaginaceae ), V. officinalis L., V. teucrium L. e V. orchidea Crantz . Per quanto riguarda l’attività antimicrobica delle specie indagate, Staphylococcus aureus, Listeria monocytogenes e Listeria ivanovii erano i ceppi più sensibili. I risultati ottenuti da questo studio possono servire a promuovere un migliore utilizzo dei rappresentanti del genere Veronica come agenti antiossidanti e antimicrobici.

Nel 2013, la ricerca ha dimostrato per la prima volta l’attività antinfiammatoria in vitro degli estratti preparati da V. officinalis.

Recentemente, alcuni studi confermano che alcune specie di Veronica mostrano una notevole bioattività antibatterica, antiossidante, antinfiammatoria e citotossica.

Le specie V. officinalis, V. teucrium e V. orchidea della flora spontanea rumena sono state studiate in relazione al loro contenuto di acidi caffeico e clorogenico, attività antiossidante e antimicrobica nei confronti di ceppi batterici anaerobici. I risultati di questo studio forniscono nuove prospettive per un maggiore sviluppo farmaceutico e nutraceutico delle specie del genere Veronica come fonti naturali di composti bioattivi con potenziale antiossidante e antimicrobico.

Altri studi hanno verificato gli effetti antinfiammatori osservati dell’estratto di Veronica officinalis a livello molecolare che spiegherebbero il suo utilizzo per la cura delle malattie polmonari .

Per quanto riguarda l’uso tradizionale della Veronica officinalis come agente ipocolesterolemizzante, è stato condotto uno studio sperimentale dove è stato dimostrato che non esercitava un effetto significativo sui livelli di colesterolo e trigliceridi nel siero di animali a dieta priva di colesterolo . Al contrario, Veronica officinalis ha avuto un effetto riducente sui trigliceridi e sul livello di colesterolo nel siero di animali con una dieta ricca di colesterolo, dimostrando il suo effetto ipocolesterolemizzante.

Raccomandazioni per il suo utilizzo

Per le preparazioni medicinali della Veronica si usa la pianta intera e in genere, utilizzando l’infuso per uso interno, oppure il decotto per uso esterno.

Uso interno

Infusione:

  • Aggiungere a una tazza di acqua bollente un cucchiaino di pianta essiccata e sbriciolata. Lasciar riposare 5 minuti. Filtrare e bere circa 3 tazze al giorno.
  • 20 g di Verónica per litro d’acqua: mettete l’erba in una brocca, versate l’acqua bollente, coprite e lasciate riposare per 5 minuti, poi filtrate e bevete. Prendono 3 o 4 tazze al giorno.

In alternativa all’infusione, il Dr. Burgstaller Chiriani utilizza una tintura con 20 g di Veronica e 100 cc di alcool 60°. Lasciare marinare per 15 giorni, agitando quotidianamente il composto, filtrare e conservare in un barattolo di vetro scuro con coperchio. Assumere 1 cucchiaino (15 gocce) diluito in 1 bicchiere d’acqua, 3 o 4 volte al giorno.

Uso esterno

Decotto:

Aggiungere da 40 a 50 g. della pianta intera, essiccata, ad un litro d’acqua, far bollire per 10 minuti. Applicare sotto forma di lavaggi o impacchi.

Precauzioni e controindicazioni

Ad oggi, Veronica officinalis non ha controindicazioni. Molto probabilmente, la pianta non è stata sufficientemente studiata dalla medicina ufficiale. L’unica cosa sconsigliata è somministrarlo a bambini al di sotto dei tre anni, donne in gravidanza e in allattamento, persone che soffrono di ipotensione, malattie cardiache gravi, con aumento dell’acidità dello stomaco e persone con intolleranza individuale.

Bibliografia consultata

L’autenticazione del prodotto di Veronica officinalis utilizzando la metabarcoding del DNA e HPLC-MS rivela una diffusa adulterazione con Veronica chamaedrys

Davanti. Farmac., 19 giugno 2017

https://doi.org/10.3389/fphar.2017.00378

Caratterizzazione fitochimica di Veronica officinalis L., V. teucrium L. e V. orchidea Crantz dalla Romania e loro proprietà antiossidanti e antimicrobiche

Int. J. Mol. Sci. 2015, 16 (9), 21109-21127

Analisi HPLC/MS degli acidi caffeico e clorogenico di tre specie di veronica rumena e delle loro proprietà antiossidanti e antimicrobiche

FARMACIA, 2015, Vol. 63, 6

La Veronica officinalis tradizionalmente utilizzata inibisce i mediatori proinfiammatori attraverso la via di segnalazione NF-κB in una linea cellulare polmonare umana

Journal of Ethnopharmacology

Volume 145, Numero 1, 9 gennaio 2013, pagine 118-126

Un’indagine sulle piante medicinali utilizzate dai kavirajes dell’area di Chalna, distretto di Khulna, Bangladesh

Rivista africana di medicine tradizionali, complementari e alternative

Vol 7, n. 2, 2010

Uno studio comparativo di alcune specie di Veronica.

Rev. Med. Chir. Med. Nat. Iasi 2007, 111, 280-284.

Rapporto di prova Veronica officinalis

British Homoeopathic Journal luglio 1995, Vol. 84, pp. 144-148

Attività antiulcera sperimentale degli estratti di Veronica officinalis L..

J Ethnopharmacol 1985; 13 (2): 157-163

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.