Suggerimenti

Colture IDROPONICHE per l’orto biologico

Ciao agricoltori! Qualche settimana fa abbiamo iniziato ad esporre diversi metodi da applicare nel nostro giardino. Abbiamo parlato di agricoltura biodinamica  e dei suoi  preparati biodinamici , o anche; abbiamo parlato di permacultura .  Oggi vorrei presentarvi le  colture  idroponiche  come una nuova alternativa da considerare quando si utilizza il nostro orto biologico.

Prima di spiegare un po’ questo tipo di coltivazione, vi invito a “riflettere” un po’ su cosa ci riserva il futuro. Sappiamo tutti un po’ del cambiamento climatico e dobbiamo tener conto che colpisce l’agricoltura: aumento della desertificazione, sbalzi di temperatura, inondazioni…

D’altra parte, con i progressi tecnologici in medicina e l’aumento delle città, significa che; a poco a poco ci ritroviamo con aree agricole più povere utilizzate più e più volte a fronte di una forte domanda di cibo.

Quindi, tra qualche centinaio di anni, saremo in grado di coltivare allo stesso modo? Non posso risolverlo perché Rappel non mi ha lasciato la sua sfera di cristallo, ma le colture idroponiche  possono essere un nuovo modo di crescere ovunque, poiché  non abbiamo  bisogno del  suolo  e possiamo  controllarenutrienti e i parassiti  delle nostre colture. 

Com’è una coltura idroponica?

L’  idroponica  è un metodo di coltura che dispensa dalla terra per sostituire i  substrati  (anche se non è necessario che siano presenti) e utilizza l’ acqua  come elemento di trasporto per fornire i nutrienti alla pianta. Ciò significa che siamo di fronte a un metodo che non necessita di molte risorse e che è molto sostenibile, poiché possiamo controllare in ogni momento la nutrizione della nostra pianta.

Non pensare che sia un metodo moderno come il tuo cellulare. Una delle sette meraviglie del mondo antico aveva questo metodo di coltivazione. I giardini pensili di Babilonia  furono costruiti nel VI secolo aC e avevano già questo metodo!

Inoltre, secondo varie scoperte archeologiche, gli Aztechi utilizzavano anche la coltivazione idroponica.

Pianificare una coltura idroponica

Prima di poter eseguire questo metodo, ti consiglio di pianificare bene tutto in modo da non pentirci dopo un cattivo investimento di tempo e denaro. Quindi sempre:

  • Scegli la pianta da coltivare
  • Determina quale tipo di coltura idroponica utilizzeremo
  • Progettare e determinare i regimi colturali
  • Eseguire un test su piccola scala (anche se il nostro raccolto sarà piccolo)
  • Correggere i problemi
  • Piantare!

Puoi usare questa pianificazione per qualsiasi metodo, ma ehi; L’ho messo per te in modo che tu pensi sempre a tutto con la tua testa.

Nutrizione delle piante

Effettueremo la nutrizione delle piante con l’ acqua come conduttore dei nutrienti necessari per le nostre piante. Una volta che avremo chiaro che vogliamo piantare, forniremo le quantità necessarie degli elementi essenziali di cui hanno bisogno. Ricorda che questi elementi essenziali sono:

azoto, fosforo, potassio, zolfo, magnesio, calcio, ferro, cloro, manganese, boro, zinco, rame, molibdeno, carbonio, idrogeno e ossigeno

Sebbene possano anche essere essenziali per la loro normale crescita:

silicio, nichel, alluminio, cobalto, vanadio, selenio e platino

La nutrizione è diversa in questo ambiente rispetto a quella del suolo? Non  c’è differenza fisiologica poiché assorbono i nutrienti allo stesso modo. Non c’è differenza tra ottenerlo dalle particelle disciolte nel terreno rispetto a quelle ottenute dall’acqua.

Ma dobbiamo tenere a mente che l’acqua deve continuare a ruotare. Vale a dire che non possiamo lasciare l’acqua stagnante e che non si crea un ciclo poiché elimineremmo i nutrienti e non ossigenremmo adeguatamente la nostra pianta. Per eseguire questo ciclo di irrigazione viene installata una pompa e oggi possiamo trovare sistemi automatici che controllano l’umidità e che consentono una più facile movimentazione.

Come potresti già pensare, tutto questo mezzo acquoso viene trasportato attraverso la coltura attraverso un circuito di tubi  che può essere più semplice o più complicato, a seconda dei nostri interessi.

Abbiamo bisogno di qualcosa da mettere tra la pianta e l’acqua?

Non dobbiamo metterci nulla. Ma, a seconda del tipo di coltura che vogliamo utilizzare, possiamo scegliere il  substrato  giusto.

Il substrato è un mezzo solido che svolgerà una funzione di  trattenere  la pianta e una funzione di  ritenzione  di nutrienti e acqua. Possiamo trovare una grande varietà di substrati che dobbiamo selezionare bene a seconda del luogo in cui andremo ad installare il  metodo idroponico  e la coltivazione. I substrati possono essere suddivisi in:

  • Substrati inorganici:  include substrati come  pomice, ghiaia, roccia vulcanica, sabbia di fiume, perlite, vermiculite, argilla espansa, lana di roccia…
  • Substrati organici:  come segatura, fibra di cocco, lolla di riso, lolla di caffè, muschio di torba…
  • Supporti sintetici:  questi hanno subito un processo industriale come  gel, schiuma di polietilene, schiuma di polistirene, schiuma di poliuretano, schiuma fenolica…

Posso allestire una coltura idroponica a casa?

Se hai spazio in casa, puoi impostare una coltura idroponica. Nei seguenti video che ho trovato, ti mostrano come realizzare un sistema idroponico in casa con due tubi in PVC:

Cosa ne pensi? Questo articolo è stata una semplice descrizione del sistema idroponico. Nelle prossime settimane saremo in grado di spiegare quali tipi di colture idroponiche esistono e quali sono i loro usi.

Ci vediamo in giro per il frutteto!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *