Suggerimenti

Tuberi: cosa sono? [Tipi, Semina e Irrigazione]

I tuberi sono uno deglialimenti più consumatial mondo.

Forse li conosci meglio per nome come  patate o igname. 

Sono altamente nutrienti e contengono elevate quantità di carboidrati complessi ea lento assorbimento. E in generale sono abbastanza facili da coltivare.

Poi  faremo una recensione su: 

  • Le caratteristiche del tubero.
  • I tipi là fuori.
  • Cosa dovremmo prendere in considerazione quando li seminiamo.
  • I parassiti e le malattie che li colpiscono.
  • Finalmente un po’ di storia.

Continua a leggere se vuoi saperne di più sui tuberi!

Cosa sono i tuberi?

Secondo il portale Botanical Online (2018), i tuberi sono un tipo di ortaggio a radice che solitamente si differenzia dal resto, per il suo caratteristico fusto ispessito.

Sono generalmente  sotterranei e contengono una serie di squame che producono gemme , da cui emergono germogli o fusti che danno origine a nuove piante. 

Inoltre, i tuberi accumulano una sostanza di riserva costituita principalmente da amido.

La maggior parte dei tuberi che vengono consumati quotidianamente fornisce un gran numero di nutrienti e benefici per la salute . Questo apporto è solitamente rappresentato da minerali e vitamine , quindi sono ideali per mantenere una dieta equilibrata.

Elenco e tipi di tuberi [esempi]

I tuberi hanno una particolarità: la loro radice spessa, che li rende un componente all’interno del gruppo degli ortaggi.

Ecco perché di seguito hai un elenco dei tipi di tuberi sul mercato secondo gli esperti botanici:

Patata o patata

Pianta erbacea perenne con fusti dritti alti circa 60 centimetri.

È un tubero commestibile, ricco di vitamine e minerali; è una buona fonte di vitamina C nei periodi invernali.

Inoltre, contiene potassio , ferro , vitamine del gruppo B, tiamina, niacina, magnesio, fosforo , acido folico e sostanze fitochimiche. Tuttavia, il suo utilizzo principale deriva dall’essere una ricca fonte di carboidrati, amido e glucosio.

 Per saperne di più: Come seminare la patata 

Yucca o manioca

È un tipo di radice tuberosa di un arbusto perenne. Misura tra 1 e 3 metri di altezza.

Ha steli sottili che mostrano le cicatrici delle foglie precedenti. Questi, situati nella parte superiore dei fusti , sono lobati. Ciò che spicca di più di questa pianta sono le sue enormi radici tuberose.

La manioca è ricca di carboidrati complessi (principalmente amido), oltre a fibre, proteine ​​vegetali, vitamine A, B2, B3, B6, B9 (acido folico), C, K, e minerali come potassio, magnesio, fosforo, calcio , ferro e sodio.

 Per saperne di più: Come piantare patate dolci

Patata dolce, patata dolce o patate dolci

È anche un tipo di radice tuberosa e sono viti .

Le sue radici producono un tubero commestibile marrone con polpa giallastra, che contiene molti carotenoidi. 

Il suo gambo è di colore verde o viola , con pubescenza, e può essere lungo tra 1 e 8 metri. Le sue foglie sono semplici, ovali e hanno margini e piccioli interi.

Il tubero è molto salutare perché fornisce energia facile da digerire per il corpo, sotto forma di amido. Si distingue per essere un alimento molto ricco di betacarotene, vitamina E, potassio e acido folico.

  Per saperne di più: Come coltivare la patata dolce 

patata dolce

È una pianta erbacea caratterizzata da fusti verdi e fragili, volubili, lunghi da 3 a 4 metri, con grandi foglie cuoriformi, piccoli fiori bianchi, giallo-verdastri o verdi in spighe; la sua radice è grande e tubercolare. 

Gli ignami sono ricchi di carboidrati, proteine, vitamine C e B1; fornisce una parte consistente del fabbisogno di manganese e fosforo degli adulti e, in misura minore, anche di rame e magnesio .

 Per saperne di più: Come piantare patate dolci 

Oca o papa ibia

È una pianta erbacea che misura tra i 20 ei 30 cm di altezza; Ha steli succulenti, foglie trifogliate e fiori gialli .

Ha tuberi lunghi da 5 a 15 cm, che hanno forme e colori molto vari.

Possiede una grande ricchezza nutritiva, apportando carboidrati, calcio, fosforo e ferro. È anche usato come amido.

Zenzero

I greci mangiavano lo zenzero avvolto nel pane per  trattare i problemi digestivi. 

Alla fine, lo zenzero fu usato come ingrediente nel famoso pane che porta il suo nome.

Cosa c’è di più…

Secondo l’  Ayurveda  (o medicina tradizionale indiana), lo zenzero è considerato come  una medicina universale e un  tubero medicinale . 

Con qualità nutrizionali spettacolari, lo zenzero è anche un tubero ampiamente utilizzato in diverse parti del mondo.

 Per saperne di più: Come seminare lo zenzero

Curcuma

Non è detto che possa essere considerato un tubero.

Sembra però che abbia ottime proprietà benefiche ed è un ottimo condimento per insaporire i nostri pasti.

La curcuma è  una pianta  originaria dell’India, ma può vivere in altri luoghi con climi caldi.

È usato come condimento nella cucina indù e per le celebrazioni religiose. Gli vengono però attribuiti numerosi benefici consumandola regolarmente e per questo è considerata una pianta medicinale. 

  Per saperne di più: Come seminare la curcuma  

Tigernut

Il tigernut è un tubero che è stato recentemente considerato un super alimento. Beh, non di recente. Già nell’antico Egitto si credeva che avesse proprietà miracolose.

Cresce in terreni sabbiosi e necessita di un buon apporto di sostanza organica. Così come è fondamentale mantenere umido il terreno.

In generale,  l’allevamento di tigernut non è facile . Tuttavia, se vengono seguiti i passaggi corretti,  non dovrebbero esserci problemi  perché  non sono molto vulnerabili ai fattori ambientali  (cosa che non controlliamo).

 Per saperne di più: Come piantare Tigernut  

Ciclamino

Il Ciclamino, o ciclamino , è una meravigliosa pianta di tuberi che fiorisce in modo spettacolare in inverno. Non ha organi legnosi ed è per questo che è considerata erbacea e perenne .

Puoi radicare i tuoi tuberi in superficie o solo alla base .

Le sue foglie carnose con un lungo picciolo, hanno un colore verde screziato nella parte superiore e verde o viola in quella inferiore. Ma i fiori sono il suo tesoro più grande.

Hanno petali grandi e si caratterizzano per la loro varietà cromatica . Ce ne sono dal bianco al rosa , al viola e emanano un odore attraente molto gradevole.

Nabicol o cavolo rapa

Il Nabicol, Cavolo rapa o Brasicca naprobrasicca , come indica il nome, è un tubero crocifero ibrido derivante dall’incrocio tra rapa e cavolo /cavolo/”> cavolo o cavolo cappuccio, grazie a cultivar provenienti dall’Europa e dal Nord America.

Può crescere fino a circa 25 centimetri di altezza ed è in grado di espandersi o allargarsi di circa 35 centimetri, con una radice di 10 centimetri di diametro e 10 di profondità.

Ha varie applicazioni culinarie. Le sue foglie e le sue radici vengono utilizzate con lo stesso trattamento in gastronomia, dato agli spinaci e alle bietole , viene utilizzato nelle insalate, nei prodotti da forno e il tubero viene utilizzato anche come degno sostituto delle patate.

E vanta elevate proprietà nutritive che favoriscono il rafforzamento del sistema immunitario e prevengono la comparsa di malattie gravi come il cancro, grazie ad un alto contenuto di vitamine, soprattutto C, minerali e altri nutrienti molto potenti.

Semina i tuberi

Quando si seminano i tuberi, la prima cosa da controllare è che il terreno sia pulito, aerato, senza buchi o zolle, e con aggregati omogenei: il tutto con l’obiettivo di favorire lo sviluppo radicale e ridurre gli attacchi dei parassiti.

Segue poi la semina, che varierà a seconda delle zone in cui si vuole piantare il tubero. 

 La profondità di semina deve essere compresa tra 7 e 8 cm,  e la messa a dimora può essere effettuata manualmente o meccanicamente, utilizzando tuberi interi o parti di questi.

Si consiglia di piantarli interi, ma se si decide di tritarli, questo va fatto in due porzioni, con un taglio netto, cercando che entrambe le parti siano uguali sia per dimensioni che per numero di gemme.

Che tipo di irrigazione utilizza la coltura dei tuberi?

Quando si tratta di acqua, i tuberi sono molto esigenti (tranne la manioca ).

Dal momento della semina lo stato idrico del terreno influenza l’intera evoluzione della coltura; la mancanza di acqua è molto dannosa  poiché la siccità e il clima arido favoriscono la diffusione di parassiti e malattie.

 L’ irrigatore Solitamente è la più consigliata perché i tuberi necessitano di una disponibilità costante di acqua nel terreno, ma allo stesso tempo richiedono che sia ben drenato per evitare ristagni prolungati.

Un’altra buona opzione, come sempre, è il irrigazione a goccia (che consigliamo).  Grazie alla sua capacità di mantenere l’acqua umida, ma evita di ristagnare la terra.

Ogni quanto va annaffiato?

Si consiglia di annaffiare di notte per ridurre al minimo l’evaporazione dell’acqua da parte del sole.

Tuttavia, la continuità e la periodicità dell’irrigazione è definita da fattori quali la topografia del campo, la qualità e la natura del suolo , il clima, la temperatura, il livello di esposizione solare o le stagioni.

Spetta all’agricoltore studiare a fondo questi fattori per definire la frequenza di irrigazione.

Principali parassiti e malattie nei tuberi

I principali parassiti e malattie nei tuberi sono:

scarabeo

È uno scarabeo.

Esso è di forma ovale, essendo giallastro in alcune parti e rossastro altri, con neri macchie e strisce . Può distruggere le foglie, i germogli e gli steli teneri, portando alla paralisi dello sviluppo dei tuberi .

antracnosi

La ticchiolatura è un fungo che attacca molte colture e frutteti. Prolifera grazie all’umidità, perché è facile che esca se c’è un periodo in cui piove molto.

Possiamo identificarlo con le macchie nere che compaiono sulle foglie e anche dei piccoli fori.

Per eliminare l’antracnosi, è meglio fare una buona potatura con attrezzi disinfettati e spruzzare anche con qualche fungicida naturale.

verme metallico

Sono lunghi circa 20 mm e hanno una cuticola dura che fornisce una certa rigidità.

Il verme va in letargo negli strati profondi del terreno e in primavera raggiunge la zona delle radici. I tuberi attaccati hanno piccole cavità.

vermi grigi

L’adulto depone le uova in primavera sulle foglie, sulle erbacce o sul terreno.

La larva è lunga circa 4 mm, si nutre di notte distruggendo l’area del fusto, e provoca la morte rapida della pianta.

afidi

Si riproducono frequentemente sulle colture, sebbene possano o meno vivere nella stessa area.

Oltre ai danni provocati dall’aspirazione della linfa delle piante, provocano anche la comparsa della muffa fuligginosa: un fungo che utilizza la pianta come base e rimuove la superficie fotosintetica , oltre a macchiare e ridurre il valore commerciale dei frutti .

Nematodi

Sommario

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.