Suggerimenti

Abamectina: usi e dosaggio contro gli insetti

Sebbene siano usati sempre meno, gli insetticidi fanno parte del programma di controllo per qualsiasi coltura non biologica. Con le nuove normative si riducono notevolmente i materiali più attivi, anche se restano quelli che mostrano sicurezza e periodi di sicurezza più brevi.

La tendenza nel settore alimentare è alla ricerca di prodotti privi di sostanze fitochimiche e con registrazione ecologica, anche se per mantenere la produzione, il controllo dei parassiti come acari e trivellatori è essenziale per sfamare la popolazione. Uno di questi prodotti è noto come Abamectin,

Caratteristiche dell’abamectina 1.8

L’ abamectina 1,8% è la formulazione più nota di questo principio attivo, che deriva dal pentaciclone, con attività insetticida e acaricida. È prodotto dalla sintesi di  Streptomyces avermitilis, un gruppo di batteri che producono avermectine (ivermectina e abamectina).

La sua modalità d’azione agisce paralizzando il sistema nervoso di acari e insetti, provocandone infine la morte. L’abamectina ha un movimento translaminare e un’azione sistemica localizzata e agisce ad ampio spettro contro gli insetti succhiatori (attraverso l’alimentazione) o per contatto con i piralidi.

Sia gli acari che gli insetti sono paralizzati dopo aver ingerito il principio attivo, smettono di nutrirsi e alla fine muoiono. In generale, avviene entro 3-4 giorni per ottenere la massima efficacia del trattamento.

Pertanto, stiamo parlando di un insetticida ad azione lenta, e che può creare confusione agli applicatori inesperti con il principio attivo perché non vedono risultati all’istante. D’altra parte, va tenuto conto che l’abamectina non è ovicida,  quindi si consiglia sempre di riapplicare il trattamento per eliminare la schiusa che potrebbe comparire dopo il trattamento iniziale.

Questa sostanza attiva agisce anche sui minatori fogliari, che sebbene in molti casi siano considerati un parassita secondario, in alcune occasioni possono devastare qualsiasi coltura in assenza di fauna ausiliaria. Attraverso il suo movimento translaminare agisce contro i minatori, provocando una notevole riduzione della riproduzione degli insetti e controllando la peste.

Nelle applicazioni al suolo (per prodotti autorizzati contro i nematodi) la concentrazione del principio aumenta, ma una corretta applicazione deve essere effettuata in fertirrigazione, perché l’abamectina è abbastanza immobile nel terreno, e si muove per spostamento dell’acqua. La sua degradazione è rapida, frutto dell’attività dei microrganismi, quindi non c’è rischio che si accumuli e provochi fitotossicità futura.

A seconda della dose utilizzata, la sua permanenza nel terreno, dove si degrada lentamente, può essere mantenuta tra i 15 ei 60 giorni. Non ha potenziale di lisciviazione, quindi è esclusa la possibile contaminazione delle falde acquifere, salvo piogge torrenziali.

gruppo chimico

Pentaciclone (MoA  IRAC Gruppo 6)

Modalità d’azione dell’abamectina

Negli insetti, l’abamectina agisce stimolando il rilascio presinaptico del neurotrasmettitore inibitorio noto come acido irico. Ciò fa sì che il legame dell’acido irico ai recettori postsinaptici come il glutammato, un aminoacido essenziale, sia potenziato.

Negli acari, l’abamectina neutralizza la trasmissione del segnale nelle connessioni neuromuscolari amplificando l’azione dell’acido α-aminobutirrico. Ciò si verifica da un aumento della permeabilità della membrana al calcio.

In entrambi i casi, sia gli insetti che gli acari rimangono paralizzati e muoiono. Tuttavia, la grande differenza di questo insetticida è che non agisce sul sistema colinergico (attività del neurotrasmettitore acetilcolina).

Come usare l’abamectina e dosaggio dell’applicazione

Conosceremo la dose di abamectina per litro d’acqua o, in mancanza, in 100 litri (ettolitro «hl»), nonché la dose per ettaro applicata ad alcune colture.

Uso di Amabectin 1,8% p/v contro insetti e acari nel trattamento fogliare

  • Avocado:  utilizzare contro gli acari a 1,5 L/ha e massimo 2 applicazioni. Ha un termine di sicurezza di 14 giorni.
  • Carciofo:  controllo del ragnetto rosso, alla dose di 100 cc/hl (100 litri di acqua). Viene effettuato un solo trattamento alla dose massima di 1,2 L/ha. Termine di sicurezza di 7 giorni.
  • Cotone: contro gli acari, alla dose di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Periodo di sicurezza di 3 giorni.
  • Sedano: azione contro acari e liriomiza, a dosi di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Si possono effettuare al massimo 2 applicazioni con un intervallo minimo di 7 giorni e una dose massima di 1 L/ha. Periodo di sicurezza di 0 giorni.
  • Agrumi: azione contro le forme mobili di acaro rosso, alla dose di 40 cc/hl (100 L di acqua). Applicare all’inizio dell’attività dell’acaro, con una dose finale da 1 a 1,4 L/ha. Controlla anche gli insetti phyllocnistis  o i minatori di agrumi, alla dose di 30-40 cc/hl (100 L di acqua), con un consumo di brodo consigliato di 2.000-3.500 L/ha. Periodo di sicurezza di 10 giorni.
  • Cucurbitaceae: controllo di acari e liriomiza, a dosi di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Periodo di sicurezza di 3 giorni.
  • Lampone: azione contro gli acari, alla dose di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Periodo di sicurezza di 3 giorni.
  • Fragola: attività contro acari e liriomiza, a dosi di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Periodo di sicurezza di 3 giorni.
  • Lattuga: azione contro acari e liriomiza, 50-100 cc/hl (100 L di acqua), in vivaio e fino a 20 giorni dopo il trapianto. Non c’è una scadenza di sicurezza.
  • Limone: agisce contro le forme mobili dell’acaro della calendula, alla dose di 40 cc/hl (100 L di acqua), con una dose finale di 0,8-1 L/ha. Periodo di sicurezza di 10 giorni.
  • Mais:  attività contro il ragnetto rosso, 100 cc/hl (100 L di acqua), trattante prima della formazione delle pannocchie e con una portata massima di 1,5 L/ha. Non ha un termine di sicurezza.
  • Melo: attività contro gli acari alla dose di 80 cc/hl (100 L di acqua). Può essere applicato dalla caduta dei petali fino a 2 mesi dopo. Si consiglia di utilizzare un volume di brodo superiore a 1000 L/ha, con una dose massima di 2,4 L/ha di Abamectina, per campagna. Può essere miscelato con olio paraffinico (250 cc/hl). Termine di garanzia di 28 giorni.
  • Pesco: controllo degli acari alla dose di 80-100 cc/hl (100 L di acqua). Contro le forme mobili si può effettuare un solo trattamento, e può essere miscelato con olio estivo a 250 cc/hl per aumentarne l’attività. Termine di sicurezza di 7 giorni.
  • Mora e lampone: contro il ragnetto rosso, alla dose di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Periodo di sicurezza di 3 giorni.
  • Nettarina: controllo degli acari a dosi di 80-100 cc/hl (100 L di acqua). Si può effettuare un’applicazione all’anno potendo potenziare il trattamento con olio estivo a 250 cc/hl. Termine di sicurezza di 7 giorni.
  • Ornamentali erbacee: controllo di acari e liriomiza, a dosi di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Non c’è una scadenza di sicurezza.
  • Palme ornamentali: uso dell’abamectina per controllare la perforazione mediante iniezione nel tronco, mediante endoterapia, dall’attività della linfa. Applicare una dose di 20-80 ml/palmo a seconda delle sue dimensioni.
  • Pera: controllo di insetti quali erinosi di pera e psyllas, a dosi di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Periodo di sicurezza di 10 giorni.
  • Pepe: controllo di acari e liriomiza, a dosi di 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Periodo di sicurezza di 3 giorni.
  • Pomodoro: controllo di acari e liriomiza, 50-100 cc/hl (100 L di acqua). Periodo di sicurezza di 3 giorni (7 giorni in serra).
  • Vite: controllo degli acari alla dose di 50-100 cc/hl (100 L di acqua), con una dose massima di 1,3 L/ha. Termine di garanzia di 28 giorni.

Uso di abamectina 2,0% p/v contro i nematodi

A dose leggermente più concentrata e con coadiuvanti per massimizzarne il movimento, può essere utilizzato in applicazione al suolo per controllare i nematodi biliari ( Meloidogyne spp.). Di solito è usato in verdure come peperoni, pomodori, fagioli, cucurbitacee, ecc.

Cultura Dose Applicazioni $
Pomodori 5 l/ha 6 0
Pepe 5 l/ha 4 0
Melanzana 5 l/ha 4 0
Cantalupo 5 l/ha 4 0
Anguria 5 l/ha 4 0
Cetriolo 5 l/ha 4 0
Zucchine 5 l/ha 4 0
Fagiolo 5 l/ha 4 0
Zucca 5 l/ha 4 0

Prodotti autorizzati in Spagna

Questi sono attualmente i prodotti che hanno l’autorizzazione per la commercializzazione e la vendita del principio attivo Abamectin in Spagna.

Leggi tutto: registrazione dei prodotti fitosanitari con Abamectin.

Articoli correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.