Suggerimenti

Rosa de Alejandría: [Coltivazione, cura, irrigazione, substrato e parassiti]

La rosa d’Alessandria è una specie di pianta dalle caratteristiche ornamentali molto attraenti. Offre fiori rosa lussureggianti e meravigliosi.

Non c’è dubbio che avere una rosa di Alessandria porterà maggiore gioia a qualsiasi spazio in giardino, casa o ufficio.

Questa bellissima rosa non richiede molte cure, sia in giardino che in vaso. Allora incontriamo la bellissima rosa di Alessandria.

   

Punti importanti quando si semina la Rosa di Alessandria
  • Quando? In primavera, per i semi.
  • Dove? In un luogo dove riceve luce solare da bassa a moderata (mezza ombra).
  • Come prepariamo il terreno? Preferibilmente con fertilizzanti organici.
  • Come dovremmo annaffiare? Da basso a moderato. Non deve essere superato in umidità.
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Tre o quattro giorni alla settimana.
  • Quali parassiti e malattie hanno? Solo la cocciniglia cotonosa .

Caratteristiche della rosa d’alessandria

La rosa d’Alessandria (Paeonia broteri) è una bella pianta che produce fiori rosati. Questa pianta è endemica della penisola iberica, anche se alcuni ricercatori ne collocano l’origine nel nord Africa.

Ma tornando alla sua posizione nella penisola iberica, troviamo che la rosa di Alessandria si trova nelle montagne della Spagna centrale e meridionale e del Portogallo.

Questa bellissima pianta vive naturalmente tra i 100 ei 1850 metri sul livello del mare. La rosa di Alessandria è anche conosciuta come la rosa di Santa Chiara, rosa selvatica e rosa selvatica .

L’altezza della rosa di Alessandria è di circa 70 centimetri. Come informazione di interesse abbiamo che i suoi grandi e bellissimi fiori rosa sono ermafroditi.

Il suo frutto è del tipo a follicolo, che è ricoperto da una lanugine biancastra, e al suo interno ha semi neri.

   

Dove seminare la rosa d’alessandria?

È meglio seminare la nostra rosa d’Alessandria in un luogo dove il sole non splenda direttamente, poiché il sole eccessivo è dannoso per lei.

La rosa d’Alessandria può essere piantata e vivere serenamente sia in vaso che nel nostro giardino. Se decidi di tenere la tua pianta in giardino, devi assicurarti che il terreno abbia un buon drenaggio.

In generale non presenta grossi problemi, in quanto si adatta molto bene a diverse situazioni.

Se lo hai in una pentola devi stare più attento. Prova a utilizzare un substrato di coltura universale combinato con perlite (30%). Sappiamo già di avere una pianta nobile e bella che può vivere in quasi tutti i terreni con un buon drenaggio e in vaso.

Quando va coltivata la rosa d’alessandria?

La rosa d’Alessandria è preferibile crescere in primavera attraverso i semi prodotti in questo periodo. La pianta non va d’accordo con il gelo. Pertanto, la stagione primaverile è consigliabile, una volta passata la minaccia del gelo.

Nel caso in cui lo avremo in un vaso, è obbligatorio trapiantarlo ogni due anni.

Un dettaglio interessante è che sebbene il raccolto sia ideale in primavera, c’è chi semina anche in autunno . Questa tecnica autunnale consiste nel mettere i semi in un mezzo umido (può essere su un tovagliolo inumidito) in attesa che germoglino.

Successivamente, la pianta germinata verrà conservata per protezione fino alla prossima primavera.

   

Come prepariamo il terreno?

La corretta preparazione del terreno è sempre un elemento di primaria importanza per il successo delle nostre diverse colture.

Nel caso della rosa di Alessandria, questa non fa eccezione. Ricorda che quando si semina la rosa d’Alessandria in giardino, si adatta a qualsiasi terreno purché abbia un buon drenaggio.

Il terreno va concimato dall’inizio della primavera alla fine dell’estate . Sarà sempre meglio usare fertilizzanti organici .

Il guano viene utilizzato come fertilizzante organico molto utile per la rosa d’Alessandria . Sebbene qualsiasi altro tipo organico possa essere utilizzato con sicurezza.

Anche se vale la pena ricordare che sono utili anche i fertilizzanti chimici. In caso di utilizzo di fertilizzanti chimici, si consiglia che sia in polvere se verrà seminato in giardino e liquido se verrà piantato in vaso.

Come seminare la rosa d’alessandria passo dopo passo?

Come già accennato, questa pianta si riproduce per seme , principalmente in primavera. Vediamo come seminarlo:

  1. Metti i semi su un tovagliolo umido (non eccessivamente umido). Si consiglia di cospargere di zolfo per evitare possibili funghi.
  2. Il tovagliolo dovrebbe essere cambiato ogni due giorni. Questo processo iniziale può iniziare in autunno.
  3. Dopo che i nostri semi sono germinati e spuntano piccole radici, vengono trasferiti in un vaso con vermiculite. La pentola dovrebbe avere un’umidità regolare.
  4. Dovrebbero rimanere in quel vaso fino a quando le radici non escono dai fori di drenaggio.
  5. Dopo la crescita delle radici, la rosa di Alessandria può essere trasferita in un vaso o giardino di dimensioni normali in primavera.

   

Di che cure ha bisogno la rosa d’alessandria?

La cura della rosa d’Alessandria è varia ma allo stesso tempo facile da seguire. Diamo un’occhiata a quelli più importanti.

Attenzione alle alte temperature

La prima cosa da tenere a mente con questa pianta è che se le temperature superano i 30º nella nostra regione, bisogna prendere delle precauzioni.

Queste disposizioni includono averlo in mezz’ombra, cioè cercando di non ottenere la luce solare diretta.

Un altro modo per mantenerne l’umidità è posizionarlo vicino a piante alte, queste le proteggeranno dai venti caldi.

Attenti al freddo intenso

Resiste invece molto bene al freddo intenso (può vivere fino a -17°C).

Potatura

Per quanto riguarda la potatura, bisogna fare attenzione a rimuovere i fiori appassiti e le foglie morte. È anche conveniente rimuovere gli steli secchi o di colore marrone.

Inevitabile è annaffiarlo adeguatamente e pagarlo nei periodi corrispondenti.

   

Quali parassiti e malattie ha la rosa d’alessandria?

Quando si parla dei parassiti e delle malattie nemiche di questa pianta, bisogna riconoscere che è molto resistente . Non ha quasi nemici naturali.

Nelle stagioni calde e secche può essere attaccato dalla cocciniglia cotonosa .

Tuttavia, questa piaga viene risolta ed eliminata utilizzando una spazzola morbida inumidita con alcool. Basta strofinare la superficie con un po’ di alcol.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.