Suggerimenti

Lobularia Maritima: [Coltivazione, cura, parassiti e malattie]

Punti importanti durante la semina di Lobularia marittima
  • Quando? Fatta eccezione per l’estate e l’inizio dell’autunno, questa pianta può essere coltivata in qualsiasi momento dell’anno, anche se il migliore di tutti è la primavera.
  • Dove? Cresce ovunque, vicino o lontano dal mare, nelle regioni temperate, calde o fredde del pianeta, anche se chiaramente mediterranee. Fanno bene in giardino e in grandi vasi.
  • Come prepariamo il terreno? Un buon substrato o farina di ossa è il più consigliabile. O semplicemente, terreno da giardino fertile, buon drenaggio e pH neutro o alcalino.
  • Come seminiamo? Viene coltivato da semi che germinano molto velocemente, con l’aiuto di insetti impollinatori attratti dal suo forte aroma di miele e per talea , preferibilmente in primavera .
  • Come paghiamo? Se è tenuto in vaso, concimare con fertilizzante liquido una volta al mese, applicando solo alla base.
  • Quando fioriscono? Le sue piccolearomatici bianchi fioripossono durare a lungo, dal invernale alseguente estate , se è in condizioni ottimali di umidità, luce
  • Temperatura ideale? Varia da 18ºC a 22ºC. Resiste alle basse temperature, il calore estremo può disidratarti se non hai abbastanza acqua.
  • Come innaffiamo? L’irrigazione è fondamentale, ma non dovrebbe essere sopravvalutata. Hai bisogno di molta idratazione. 2-3 volte a settimana in estate e 1 ogni 8 giorni in inverno.
  • Malattie e parassiti? È molto sano, anche se gli afidi possono attaccarlo. È usato per controllare i parassiti nelle colture, perché il suo forte aroma attira gli insetti.

Cos’è la Lobularia marittima?

Il mare Lobularia, Alysumm maritimun o mare Aliso è una pianta annuale o perenne appartenente alla famiglia delle brisacáceas o crocifere.

Prende il nome di Lobularia per l’aspetto lobo che ha il suo frutto e marittimo per la sua originaria crescita vicino al mare.

Raggiunge un minimo di 10 e un massimo di circa 25 di larghezza, per 30 centimetri di altezza. È di crescita espansiva.

È caratterizzato dallo sviluppo di molteplici fiori bianchi , rosa o viola e piccoli fiori bianchi , rosa o viola di circa 6 millimetri di diametro, che hanno 4 sepali verdi e 4 petali a forma di croce, capaci di inondare l’intera pianta ed emettere un aroma unico con odore di miele.

Presenta alla base un’erba chiara contenente piccole foglie lineari o lanceolate e un tipico colore biancastro a tessitura pelosa, con peli che variano da 1 a 4 centimetri di lunghezza e circa 5 millimetri di diametro, con bordi interi.

Ha una presenza attiva nella regione mediterranea, nelle zone dove non si verificano gelate e si può osservare anche nelle Isole Canarie e nelle Azzorre.

Dove lo dobbiamo seminare?

Si ottiene facilmente nelle regioni costiere e tropicali del mondo, anche se come abbiamo già detto è chiaramente mediterraneo.

È presente anche nel massiccio montuoso della Sierra Nevada spagnola, nelle parti superiori della penisola iberica, appartenente ai Monti Betici, dalla provincia di Granada alla sua parte più orientale, nella provincia di Almería.

Poiché ha un grande potere di copertura, giardinieri e botanici sono riusciti ad adattarlo praticamente a qualsiasi terreno con condizioni ideali.

Ha varie applicazioni come pianta ornamentale in giardinaggio, poiché i suoi semi germinano molto rapidamente e perché si maneggia molto bene grazie alla sua altezza ridotta.

Alcune specie sopportano anche prolungate siccità e si sviluppano addirittura in crepe, muri e fessure del cemento in molti paesi tropicali, lontani dalle regioni marittime.

Quando coltivare la Sea Lobularia?

È una pianta la cui coltivazione funziona molto bene se avviene in primavera, senza richiedere troppe cure, sebbene richieda una delicata pulizia o rimozione dei fiori morti affinché rifiorisca con forza.

Ci sono giardinieri esperti che consigliano di piantare questa bellezza floreale tutto l’anno, ad eccezione dell’estate e dell’inizio dell’autunno . È molto resistente al sole, può vivere anche in mezz’ombra e ne esistono varietà, quelle di colore scuro, che tollerano molto le basse temperature.

Come prepariamo il terreno?

È necessario utilizzare terreni preparati con un pH neutro o alcalino. Il suo corpo sotterraneo è abbastanza vigoroso, in spazi porosi o argillosi, che gli permettono di raggiungere una maggiore espansione.

La sua fioritura, in terreni ben drenati e nutriti, può durare dall’inverno all’estate successiva, perché sono piuttosto lunghe, poiché anche i suoi fiori ermafroditi sono molto resistenti e ricoprono tutto il fogliame.

Inoltre nei paesi a clima temperato dove, detta anche Canastilla o Panalillo, può fiorire tutto l’anno, purché su terreno permeabile, con annaffiature costanti e una buona potatura di rami e fiori secchi.

Come seminare passo dopo passo una Lobularia marittima?

È una pianta molto nobile, con una vita media di 2 o 3 anni, ma con una grande capacità di moltiplicarsi da sola. La Lobularia marittima può essere vista ovunque nel giardino.

Purché sia ​​soleggiato e riceva la generosa visita di insetti, come le api, che, attratte dal forte odore di miele dei suoi fiori ermafroditi, favoriscono un’impollinazione ottimale, che li moltiplica quando i semi germogliano velocemente.

Un metodo semplice per conservarlo per sempre nel nostro giardino è la riproduzione per seme o per talea. Vediamo come moltiplicarli facilmente.

Riproduzione per seme

  1. Acquista un pacchetto di semi di Lobularia marittima. È facile ottenerli nel vivaio di cui ti fidi.
  2. Mettere su un bancone un contenitore di plastica o semenzaio a bocca larga, alcuni cucchiai di substrato o farina d’ossa e innaffiare i piccoli semi, che verranno immediatamente mescolati alla terra con l’aiuto di un leggero movimento delle mani.
  3. Innaffia abbondantemente il terreno con 2 o 3 spruzzi di acqua piovana e mantienilo sempre umido, finché in circa 15-20 giorni cominceranno a germogliare senza grosse difficoltà, mostrando piantine o germogli che devono essere curati fino a quando non diventeranno nuove tenere piante.

Riproduzione per talea o germogli

  1. Compra un vaso grande e di grande diametro. Lo riempiremo con un buon substrato o terriccio fertile che sia per metà molto inumidito, lasciando una misura di circa 5 centimetri verso l’alto, cioè non sarà completamente riempito di terra, al centro del contenitore sarà più che sufficiente .
  2. Da una pianta matura verranno prelevati dei rami molto vivi, tutti i fiori vengono rimossi per evitare di consumare molta energia e i germogli vengono separati dai fusti che verranno piantati uno ad uno, con un po’ di distacco, sulla superficie del substrato, delicatamente affondandole con l’aiuto dei polpastrelli.
  3. Garantire condizioni di umidità ambientale permanenti e mantenute al 100%, per evitare che le foglie dei piccoli germogli o talee si secchino e per favorire l’emersione delle radici. Ciò si ottiene avvolgendo l’intero contenitore, dall’alto verso il basso, con un film plastico che non ricopre completamente la superficie, deve essere lasciato respirare per evitare che marcisca.
  4. Portarsi in un luogo con buona luce, non troppo intensa e innaffiare tutti i giorni, avendo cura di evitare pozzanghere. Il vaso deve avere un buon sistema di drenaggio in modo che in breve tempo avremo nuove piantine.
  5. Se la nuova pianta viene conservata in vaso, è conveniente concimare una volta al mese, appoggiando il prodotto sulla base per evitare che si bruci.

Di quali cure ha bisogno la Sea Lobularia?

  1. È una pianta molto resistente , tollerante ai climi secchi, ma preferisce vivere in ambienti umidi.
  2. È fondamentale tenerlo in un luogo dove riceva pienamente i raggi del sole, perché ne stimola la crescita.
  3. Si sente meglio a temperature che spaziano tra i minimi che possono variare da -12ºC a -17ºC. Sopporta quindi inverni gelidi e brezze marine costanti, senza che questo ne rallenti la crescita e la fioritura.
  4. Terreni fertili e sciolti, o argillosi, tutti ben drenati e con pH neutro o alcalino, sono molto adatti a questa bella pianta.
  5. È molto importante evitare le pozzanghere durante l’irrigazione con acqua. Sarà quindi sufficiente annaffiare 2 o 3 volte alla settimana in estate e in inverno solo 1 volta ogni 8 giorni, in modo da ottenere un equilibrio in fatto di umidità ambientale, insieme ad altri fattori determinanti come l’esposizione al sole ., periodo dell’anno e temperatura.

Quali parassiti e malattie attaccano la Lobularia marittima?

È molto raro che si ammali, ma può essere attaccato dagli afidi, che si combattono con spray saponosi preparati con una soluzione di detersivo in polvere sciolto in acqua, nonché dai vermi che possono comparire sporadicamente e devono essere rimossi dopo costanti controlli fogliari .

È una pianta generosa, è sempre sana e la versione con i fiori bianchi è la più aromatica , quindi tante api saranno sempre sopra di loro, cercando di succhiare il nettare dai suoi fiori, facendo cadere a terra i minuscoli semi germinare.

Per la sua grande capacità di attirare gli insetti, viene utilizzato nel controllo dei parassiti che attaccano le colture orticole, perché il suo odore intenso le devia verso il suo minuscolo fiore, desideroso di moltiplicarsi.

Una potatura estrema va effettuata solo quando l’attacco degli insetti è molto grande, quindi è fondamentale potare la pianta a metà e poi applicare un buon concime organico che la aiuti a riprendere vigore con i nutrienti aggiunti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.