Suggerimenti

Solfato di ferro: cos’è e come si applica in agricoltura?

Il solfato di ferro (II) è un composto ionico noto anche come solfato ferroso.

Il solfato di ferro o solfato ferroso denota una gamma di sali con la formula FeSO4-xH2O.

Questi composti esistono comunemente come eptaidrato (x = 7) ma sono conosciuti da diversi valori di x. La forma idrata è utilizzata in medicina per trattare la carenza di ferro e anche per applicazioni industriali e/o agricole.

Qual è la formula per il solfato di ferro?

La sua formula chimica è: FeSO4, cioè è composto da ferro, zolfo e ossigeno.

Attenzione: prendere precauzioni con il solfato di ferro

Sebbene il solfato di ferro sia derivato da una fonte naturale, può bruciare gli occhi e la pelle. Indossare guanti protettivi, una maschera antipolvere e occhiali di sicurezza.

Se il prodotto viene ingerito accidentalmente, consultare immediatamente un medico. Se ci sono bambini, tienilo fuori dalla loro portata.

Evitare che la soluzione di solfato di ferro o la polvere secca goccioli su cemento, mattoni o altre murature e/o superfici verniciate.

Come sapere rapidamente se le tue piante hanno bisogno di ferro?

Prima di analizzare il terreno, potrebbero esserci alcuni indizi visivi che indicano una carenza di ferro nelle tue piante.

Le foglie gialle sono un indicatore comune di questo problema. La clorosi ferrica è causata da carenza di ferro.

Mentre possono esserci altre cause di foglie gialle, come la carenza di azoto , la clorosi ferrica è caratterizzata dall’ingiallimento che inizia durante la crescita della nuova pianta o foglia, piuttosto che le foglie esistenti che ingialliscono.

Caratteristiche del solfato di ferro

Il più delle volte si presenta sotto forma di sale o come solido cristallino ed è di colore bluastro verdastro o giallo con riflessi bruni ; tuttavia, la presentazione più comune è blu-verde .

Il suo punto di ebollizione è a 90°C e il punto di fusione a 64°C se è in forma anidra . La sua solubilità in acqua a 20°C è di 30 grammi per litro.

In generale, il solfato di ferro (II) non è infiammabile; tuttavia, essendo un debole agente riducente, può reagire con agenti ossidanti e generare calore o prodotti che possono essere infiammabili o combustibili.

Ma sali derivati da ferro sono non sono considerati ad essere altamente infiammabili prodotti

Quando il solfato di ferro (II) è in presenza di aria secca , si comporta come una sostanza efflorescente , cioè perde acqua facendo cambiare la sua struttura cristallina ad una più simile alle croste create dalla polvere.

Mentre negli ambienti umidi è ricoperto di solfato di ferro (III), che gli conferisce un colore brunastro.

Quando il solfato di ferro (II) viene miscelato con acqua per formare una soluzione acquosa, ha un pH con livelli che portano all’acidità a causa di un processo chiamato idrolisi.

Tra i suoi molti usi c’è quello di servire come ingrediente per purificare l’acqua ed eliminare i fosfati negli impianti di depurazione.

È anche usato per trattare l’anemia ; tuttavia, ricordati di consultare il tuo medico prima di utilizzarlo per questo scopo in quanto può avere effetti collaterali come nausea e mal di stomaco. 

A cosa serve il solfato di ferro in agricoltura?

Una delle carenze più comuni nei suoli è quella di ferro.

Questo problema si verifica in molte parti del mondo e genera problemi che possono far terminare il raccolto o causare carenze nello sviluppo della pianta e nella produzione del frutto o del fiore .

In particolare, la mancanza di ferro provoca problemi a sintetizzare la clorofilla e quindi la pianta a fotosintetizzare. 

Quando e come applicare il solfato di ferro nel tuo giardino?

Puoi usare il solfato di ferro quando notare carenze di questo nutriente. 

Dove trovare il solfato di ferro?

Il più delle volte è già confezionato in solide presentazioni . Puoi ottenerlo in qualsiasi negozio di giardinaggio o online.

Come lo usiamo?

Il danno visibile per mancanza di ferro può variare a seconda del tipo di pianta ; tuttavia, le caratteristiche principali sono:

  1. Clorosi : si tratta sostanzialmente di uno scolorimento del caratteristico verde delle foglie; invece c’è del giallo sul fogliame. Le foglie più colpite sono quelle giovani con grandi macchie gialle , mentre quelle più vecchie possono avere solo un verde più chiaro.
  2. Nella maggior parte delle piante inizia a mostrare in alto.
  3. C’è un ritardo nella crescita.
  4. Nelle fasi più avanzate, le foglie iniziano a bruciare partendo dal contorno e diffondendosi verso l’interno.

Analizza il tipo di terreno che hai prima di applicare il solfato di ferro

I kit per il pH del suolo sono disponibili in molti negozi di giardinaggio, bricolage, agricoltura … che ti consentono di misurare da solo il livello di pH del terreno del giardino.

La maggior parte delle verdure e dei fiori crescono meglio in un terreno con un pH compreso tra 6,0 e 7,0, da leggermente acido a neutro, sebbene alcune piante, chiamate acide, crescano meglio quando il pH è inferiore a 6, nell’intervallo da 5,0 a 6,0.

Il ferro è più facilmente disponibile per le piante quando il pH del terreno è inferiore a 7, poiché il terreno alcalino lega le particelle di ferro e le piante non possono assorbirlo.

Se il terreno è troppo alcalino, l’applicazione di solfato di ferro può abbassare il pH, ma lo zolfo comune viene utilizzato più spesso per questo scopo.

Perché può esserci carenza di ferro nel terreno?

Le cause più comuni di tale carenza di ferro generata sono fattori quali il pH, il potenziale redox e i tipi di minerali presenti nel terreno.

Questo molte volte lo fa rimanere in soluzioni molto basse . Allo stesso modo, la solubilità del Ferro dipende anche dal contenuto di sostanza organica presente nella coltura.

 Temperature estreme Fanno diminuire considerevolmente la capacità di assorbimento del ferro e di altri nutrienti.

Alcuni studi indicano che le temperature in cui si genera un maggiore assorbimento sono comprese tra 30 e 37 ° C (tenere però conto delle esigenze di ogni pianta poiché temperature molto elevate possono causare danni maggiori).

Quando invece le temperature sono comprese tra 10 e 17°C, l’assorbimento può diminuire mediamente di due o tre volte rispetto alla temperatura di assorbimento ottimale.

Un altro aspetto che può diminuire l’assorbimento del ferro è un aumento di altri nutrienti come rame, zinco, nichel, cadmio, sodio e potassio (stiamo parlando di un surplus, non di una quantità ideale).

Per questo motivo è importante non superare la quantità indicata sulla confezione e farlo ogni tanto per permettere alla pianta di assorbire poco a poco gli elementi.

Come si prepara il solfato di ferro? (7 Passi)

  1. Cerca di conservare il solfato di ferro lontano da qualsiasi fonte di umidità per evitare che reagisca e perda le sue funzioni principali.
  2. Conservarlo in un luogo asciutto , senza luce solare diretta e senza la presenza di calore.
  3. Prova anche che il contenitore dove lo tieni sia ben chiuso .
  4. Per aggiungere solfato di ferro alle colture devi prima prendere in considerazione i livelli di pH.
  5. L’assorbimento del ferro è maggiore ad alti livelli di acidità, mentre a livelli neutri o alcalini l’ assorbimento è praticamente nullo (valori superiori a 8). Si consiglia di consultare un esperto sulla fattibilità dell’aggiunta di questo composto alla coltura in quanto potrebbe essere dannoso.
  6. Un’opzione altamente raccomandato per evitare carenze di questa sostanza nelle colture è l’ applicazione di chelati di ferro . Questi vengono applicati attraverso le radici (per essere assorbiti dalle radici).
  7. Allo stesso modo, ci sono diversi marchi sul mercato, quindi accedervi di solito non è un problema. Questi tipi di fertilizzanti sono generalmente del 50% più costosi degli altri; tuttavia, di solito sono efficienti.

Come dovremmo applicare il solfato di ferro?

Applicare il solfato di ferro al terreno o alle foglie delle piante secondo le indicazioni sull’etichetta.

Per il prodotto che viene venduto con il 20% di solfato di ferro, si consiglia per fiori, arbusti e alberi, con un’applicazione a secco di 100-200 grammi per 30 mq, uniformemente distribuiti.

Utilizzare da 1,3 a 2,7 kg di solfato di ferro per 30 metri quadrati per abbassare il pH del terreno di un’unità, utilizzandone di più su terreni pesanti e meno su terreni sabbiosi.

Altri prodotti, che contengono il 6% di zolfo e il 15% di ferro, per fiori e ortaggi è consigliata l’applicazione a secco di 200 grammi per 9 mq. Per l’applicazione liquida del 20% di solfato di ferro, si consigliano 200 grammi per 4 litri di acqua.

Il prodotto con concentrazione del 15% è consigliato tra 100-200 grammi per 4 litri di acqua. Spruzzare la soluzione sul fogliame finché non è completamente bagnato.

Quali colture ne beneficiano?

È stato utilizzato per piantare alberi o piante di agrumi (come il limone ), la pesca, il kiwi , il riso , i pomodori o qualsiasi altra pianta carente di questo nutriente.

Il ferro è normalmente già aggiunto insieme ad altri nutrienti nei fertilizzanti , ma se il problema è serio puoi usare questo composto.

Altri usi del solfato di ferro

  1. Nella seconda metà del 1850, il solfato di ferro fu usato come sviluppatore fotografico per le immagini del processo al collodio.
  2. Il solfato di ferro viene talvolta aggiunto all’acqua di raffreddamento che scorre attraverso i tubi di ottone dei condensatori delle turbine per formare uno strato protettivo resistente alla corrosione.
  3. Viene utilizzato nella raffinazione dell’oro per estrarre l’oro metallico da soluzioni di cloruro aurico (oro disciolto in soluzione con acqua regia).
  4. È stato utilizzato nella purificazione dell’acqua mediante flocculazione e per la rimozione dei fosfati negli impianti di trattamento delle acque reflue municipali e industriali per prevenire l’eutrofizzazione dei corpi idrici superficiali.
  5. Viene utilizzato come metodo tradizionale per il trattamento dei pannelli in legno nelle case, da solo, disciolto in acqua o come componente di vernici a base d’acqua.
  6. Il vetriolo verde è anche un reagente utile nell’identificazione dei funghi.
  7. È usato come componente catalizzatore di ferro del reagente di Fenton.
  8. All’inizio del 1800, il chimico Friedrich Accum scoprì che in Inghilterra la birra scura conteneva spesso solfato di ferro (II) come agente schiumogeno.
  9. È uno degli ingredienti chiave dell’inchiostro di ferro.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.