Suggerimenti

Malattie della carota: guida completa con immagini

Ciao a tutti agrohuerter! Nell’articolo di oggi vedremo quali sono le principali malattie della carota e come possiamo identificarle facilmente. Questa volta ci concentreremo sulle malattie e non sui parassiti poiché, come vedremo di seguito, c’è molta varietà. Negli articoli successivi parlerò anche dei suoi principali parassiti (principalmente afidi, lumache, lombrichi e nematodi).

Iniziamo con un piccolo aneddoto sulle carote . All’inizio (nel 3000 aC) le carote erano viola e gialle all’interno. Più tardi, stavano emergendo nuove varietà di altri colori. Tuttavia, la prima carota arancione fu prodotta in Olanda nel XVI secolo sulla base di incroci genetici per ottenere una carota dello stesso colore dalla casa reale olandese (Orange-Nassau).

Malattie della carota

All’interno della vasta gamma di malattie della carota possiamo organizzarle come: quelle che colpiscono i semi, le radici (ricordiamo che la carota è la radice della pianta), le foglie o le carote una volta raccolte.

Per facilitarci l’identificazione, esamineremo i sintomi principali che ciascuna malattia produce (foglie rugose, macchie bianche, macchie nere, ecc.).

Macchie marroni sulla carota

A volte possiamo vedere che le nostre carote hanno macchie marroni sulla pelle. In questo caso si tratta di un fungo chiamato Stemphylium radicinum e  si manifesta principalmente nelle colture intensive.

carote marce

Esiste un tipo di malattia causata da un fungo noto come Phytophthora megasperma che appare sulle carote invernali lasciate nel terreno. Il parassita rimane nel terreno per diversi anni e si sviluppa principalmente in terreni umidi.

Foglie con macchie gialle

La presenza di foglie o macchie gialle può essere dovuta alla mosca della carota oa un virus che trasmette una specie di afide nota come Cavariella aegopodii.

Macchie bianche cotonose

Altre volte possiamo vedere un tipo di macchie cotonose sulle nostre carote. In questo caso il colpevole è un altro fungo chiamato  Sclerotinia sclerotiorum .

Altre macchie sulla carota

Possiamo anche trovare altri tipi di macchie più comuni causate da funghi che già conosciamo come Oidio ( macchie biancastre ), Muffa ( macchie gialle e angolari ), Alternaria ( piccole macchie marroni , circondate dal giallo sulle foglie vecchie) o Septoria ( macchie marroni macchie claritas che seccano le foglie).

Malattie durante la conservazione delle carote

Uno dei problemi principali dei magazzini dei prodotti agroalimentari è il controllo di parassiti e malattie . Potremmo avere un buon raccolto, ma se non controlliamo bene lo stoccaggio in seguito, possiamo rovinarlo completamente.

Nel caso delle carote, le malattie da accumulo più comuni sono:

Macchie viola

Questi tipi di macchie sono caratteristici nei magazzini. È una malattia causata da un fungo noto come Rhizoctonia violacea. Può anche influenzare altre colture come le barbabietole da zucchero. Non appena vediamo una carota con questi sintomi, dobbiamo eliminarla per evitare che infetti il ​​resto.

Macchie bianche cotonose o marciume bianco

Durante la conservazione possiamo trovare anche il fungo  Sclerotinia sclerotiorum, di  cui abbiamo parlato in precedenza.

Prevenzione delle malattie delle carote

Per ciascuna delle malattie che abbiamo visto in precedenza, esistono metodi di controllo specifici. Tuttavia, c’è sempre una serie di pratiche e piccoli trucchi che possiamo usare per prevenire la comparsa e la diffusione delle malattie della carota . Puoi leggere alcuni di questi suggerimenti di seguito:

  • Eseguire una rotazione . Se la malattia è nel terreno, sarà necessario eseguire una rotazione, dove collocheremo altre colture nel luogo in cui erano le nostre carote. In questo modo indeboliremo l’agente patogeno e dopo qualche anno potremo far ricrescere le carote nello stesso luogo.
  • Evitare un eccesso di azoto nel terreno.
  • Usa semi sani e privi di agenti patogeni . Questo terzo consiglio è molto importante poiché se usiamo semi contaminati fin dall’inizio, le nostre piante svilupperanno più facilmente la malattia.
  • Non piantare carote accanto a un raccolto malato. Le malattie possono essere trasmesse da una coltura all’altra, quindi una buona sorveglianza è molto importante.
  • Disinfettare gli attrezzi del frutteto o del giardino se abbiamo trattato colture malate per prevenirne la diffusione.

Trattamento contro le malattie della carota

Come già sapete, nel trattare le colture del nostro giardino dobbiamo cercare di essere il più rispettosi possibile dell’ambiente ed evitare l’uso di sostanze chimiche inquinanti . Pertanto, cercheremo di seguire la metodologia della protezione integrata da parassiti e malattie quando possibile. Questa metodologia si basa sul mantenimento della densità di popolazione di parassiti e malattie al di sotto della soglia economica di danno utilizzando pratiche agricole rispettose dell’ambiente e delle risorse naturali. Se non c’è altra opzione, verranno utilizzati prodotti fitosanitari che lasciano il minor residuo possibile nell’ambiente .

Nonostante tutto, dobbiamo essere consapevoli che la maggior parte delle malattie delle piante sono difficili da controllare una volta installate. Ecco perché diciamo sempre che prevenire è meglio che curare . È anche molto importante osservare le piante circostanti poiché queste malattie possono essere trasmesse da una pianta all’altra.

All’interno di questi principi, le misure che possiamo applicare una volta rilevata la malattia nelle nostre piante possono essere le seguenti:

  • Elimina le piante più malate . Se osserviamo che una delle piante del nostro giardino è molto malata, il meglio che possiamo fare è eliminarla per evitare che contamini le altre.
  • Contro un attacco fungino lasceremo come ultima risorsa prodotti inorganici come zolfo o rame e sarà molto importante rispettare le scadenze di sicurezza.
  • Brodo casalingo di aglio e cipolla . Funziona bene sia per prevenire che curare malattie fungine e batteriche. Avrai bisogno di 5 spicchi d’aglio e mezza cipolla grande. Lo tritiamo, aggiungiamo un litro d’acqua e lasciamo riposare per 24 ore. Il giorno dopo lo facciamo bollire per 20 minuti e poi lo scoliamo. Infine, applicheremo questo brodo diluito in acqua sulle nostre piante colpite.

Ti lascio un link dove puoi trovare passo dopo passo come realizzare i tuoi fungicidi fatti in casa.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.