Suggerimenti

Cura delle orchidee in inverno: [sporco, potatura e problemi]

Quali caratteristiche hanno le orchidee in inverno?

Nell’impressionante mondo dei fiori, le orchidee occupano un posto privilegiato.

E non è per meno. Molte delle sue migliaia di specie (25.000 sono state classificate) provengono dalle aree tropicali del pianeta.

Ma sono riusciti ad adattarsi ai capricci di milioni di estimatori che li hanno collocati in posti d’onore all’interno delle loro case, in vetrine, cofanetti, composizioni floreali, bouquet da sposa.

Come prendersi cura di loro nei paesi stagionali, dove l’ inverno può causare scompiglio?

Sebbene molte specie siano riuscite ad acclimatarsi dopo aver lasciato i loro habitat originari, è anche vero che non vanno d’accordo con il freddo intenso, tanto meno con le nevicate o il gelo.

Ci sono specie che variano il loro modo di andare a seconda della temperatura. Sono presenti, infatti, orchidee a clima freddo, come avviene con i generi Odontoglossum e Cymbidium. Ma ci sono anche specie che si adattano meglio ai climi temperati come Cattleyas e alcuni Oncidium.

Quelli del clima caldo includono specie come Phalaenopsis e Vanda . Bisogna stare un po’ più attenti nei mesi freddi. Vediamo qual è l’ABC delle orchidee negli inverni.

Che bisogno di terreno hanno le orchidee in inverno?

Si consiglia sempre di utilizzare substrati ricchi di sostanza organica, se sono specifici per orchidee è molto meglio, perché i nutrienti saranno perfettamente bilanciati e la pianta avrà sufficienti difese per affrontare i mesi più duri dell’anno.

Assicurarsi che il supporto sia sempre permeabile, che filtri l’acqua è fondamentale. Un substrato altamente consigliato per riempire un vaso è il seguente, a base di torba:

  • Corteccia d’ albero sminuzzata .
  • Muschio.
  • Foglie secche.
  • Bastoncino di cocco.
  • Carbone.

Ricorda che non è bene dare loro terra comune, perché le loro radici hanno bisogno di aria e quindi è meglio un impasto più sciolto e poroso. Come regola generale, le orchidee Phalaenopsis e Cattleya devono avere un substrato composto da:

  • 4 parti a grana media di corteccia di abete o guscio di cocco.
  • 1 parte di carbone vegetale a grana media.
  • 1 parte di perlite.

Per quanto riguarda l’applicazione dei fertilizzanti, è bene ricordare che sebbene la maggior parte delle varietà di orchidee interrompano il loro processo di crescita in inverno , ciò non impedisce loro di prepararsi ad affrontare la fioritura.

Hanno bisogno di potassio e calcio , perché sono nutrienti che non possono prendere dal substrato. Quindi anche l’uso di fertilizzanti per orchidee sarà ridotto a due applicazioni al mese con metà della dose che viene normalmente applicata. Ogni 15 giorni in autunno e inverno ti farà bene.

L’idea è di impedirgli di continuare a utilizzare il suo potenziale energetico per crescere, perché sarebbe privo di difese per resistere alle basse temperature e finirebbe per indebolirsi totalmente, con foglie rugose e un cattivo aspetto generale.

Verso la fine dell’inverno è anche un buon momento per trapiantare e fornire alla pianta nuovo substrato, ovviamente, ogniqualvolta sia necessario. Lo stress sulla pianta sarà molto minore perché non interferiremo con il suo ciclo vegetale e le daremo la forza per affrontare la piena fioritura in primavera .

Come far crescere le orchidee in inverno forti e vigorose?

Le orchidee non sono così fragili come pensiamo, ma hanno bisogno di essere aiutate a mantenersi in salute nei mesi più freddi dell’anno, quando le piante dovrebbero andare in letargo. Due fattori di grande importanza sono la temperatura e l’illuminazione, chiavi per una lunga vita dei fiori.

Temperatura

Quando le temperature iniziano a scendere, le orchidee soffrono se passano la notte in climi inferiori a 10ºC, non importa la specie, soffrono tutte, quindi è necessario ripararle prima all’interno della casa, perché è fondamentale evitare che ricevano correnti d’aria gelide, poiché le foglie sono rovinate.

Non va dimenticato che la temperatura ideale per le orchidee è tra i 10-27ºC, a seconda della varietà, perché ce ne sono alcune che possono fiorire proprio nei mesi più grigi dell’anno.

Ed è che nei mesi invernali le orchidee hanno bisogno di avere la massima energia per proteggersi mentre aspettano l’arrivo del tempo con maggiore usura, quello della fioritura.

Sebbene sia improbabile che un’orchidea ci dia fiori in inverno, il suo fusto floreale sarà più vivo che mai e dovrà essere conservato con determinate condizioni di illuminazione minima e temperature stabili. Se ti senti a tuo agio, puoi elargire un fiore in anticipo come ricompensa per i nostri eccellenti servizi.

illuminazione

È anche molto importante posizionare la pianta vicino a una grande finestra o in un ambiente caldo con una buona illuminazione naturale quotidiana, per mantenerla sana.

Ma facendo attenzione che le bozze non ti sorprendano mai. Devi tenerlo lontano da quel pericolo, così come dai raggi diretti del sole.

Le finestre rivolte a sud sono perfette in inverno. Se non c’è equilibrio e la pianta riceve poca luce, che in inverno è superflua perché tutto diventa grigio, scuro, le foglie ingialliscono.

Se si verifica questa eventualità, devono essere spostati in un luogo più illuminato molto rapidamente o si seccheranno.

Insomma, se le orchidee non ricevono una buona luce non daranno fiori. Quando ricevono la luce appropriata le foglie sono verde scuro ma se ingialliscono o diventano rossastre ricevono una luce eccessiva che può uccidere la pianta.

Di quale umidità hanno bisogno le orchidee in inverno?

Per quanto riguarda l’umidità, è assolutamente necessario mantenere in inverno un’irrigazione controllata, scarsa e scarsa . L’eccessiva umidità è uno dei suoi peggiori nemici e in inverno le basse temperature impediscono una corretta e rapida essiccazione delle sue delicate radici.

Il livello di umidità ideale per la vita felice delle orchidee è tra il 60-70%. Ma nel caso sia necessario aumentare l’umidità di una stanza, il posizionamento di un vassoio con sassolini e acqua, appena sotto l’orchidea. Oppure utilizzare un dispositivo umidificatore.

È anche bello portarla in bagno. Oppure mettile sopra un tappeto di muschio. Oppure mettere uno strato superficiale in parti uguali di pietre bianche (calcare), pietre nere e guscio di pino macinato, tutte piccole.

Pertanto, l’irrigazione dovrebbe diminuire alla metà del normale. È un ordine inviolabile che deve essere eseguito sotto la frequente osservazione delle sue radici.

Per questo è importante monitorare il viraggio delle radici, senza dimenticare che quando si colorano di verde e si addensano si accontentano e quando diventano biancastre significa che necessitano di un’annaffiatura moderata, priva di calcare, priva di minerali anche rovinarlo irrimediabilmente.

L’acqua sarà utilizzata molto meglio se ha una temperatura di circa 37ºC. Non dovrebbe mai essere congelato. L’ideale è annaffiare al mattino, presto, perché così giochiamo con la temperatura ed evitiamo la proliferazione dei funghi, grandi cause delle peggiori malattie delle orchidee.

È necessario potare le orchidee in inverno?

La potatura aiuta la pianta a prosperare generosamente. Eliminare foglie e fiori secchi è essenziale per raggiungere questo obiettivo. Anche i bastoncini di fiori che si sono asciugati dovrebbero essere tagliati.

Naturalmente, le forbici da potatura devono essere prima disinfettate con alcool.

Quanto spesso dovremmo potare le orchidee in inverno?

La potatura procede dopo la fioritura e quando si vede che il fusto comincia a ingiallire e che non ha nodi.

Come evitare parassiti e malattie delle orchidee in inverno?

I disturbi che li affliggono generalmente derivano da attacchi di funghi e batteri, ma purché si eviti l’eccesso di umidità e si garantisca una buona ventilazione, possono mantenersi in salute.

Ciò che quindi procede è una corretta applicazione di fungicidi ecologici consigliati dagli specialisti. Allo stesso modo, è bene mantenere sempre pulita la pianta, così come il suo ambiente.

Esiste però un parassita che può aggravare il problema fungino, la presenza di afidi . Queste si combattono con l’applicazione preventiva di liquame di ortica, sia al mattino che al pomeriggio.

Un altro modo per eliminarli è con l’applicazione di sapone di potassio sulla parte inferiore delle foglie per pulirle dalla melassa espulsa da questo fastidioso parassita.

Un altro visitatore indesiderato sono i ragnetti rossi , minuscoli ma efficaci nel rovinare la pianta. Si eliminano con un preparato concentrato di aglio e peperoncino. Sono inoltre afflitti da una malattia chiamata brotite, che attacca i fiori a causa dell’eccessiva umidità.

Devi eliminarli, distruggerli perché se vengono lanciati con noncuranza possono contribuire alla diffusione del male. Le foglie vengono colpite anche quando l’umidità è eccessiva. Ingialliscono e cadono. Quindi è necessario applicare la giusta quantità di acqua in ogni irrigazione.

Forse ti interessano anche:
  • 6 tipi e varietà di orchidee più famosi
  • Cura dell’orchidea bianca: [sporco, umidità, potatura e problemi]
  • Cura dell’orchidea Phalaenopsis: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Cura dell’orchidea: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Talee di orchidee: [innesto, stagione, radicamento e semina]
  • Parassiti e malattie delle orchidee: [rilevamento, cause e soluzioni]
  • Irrigazione dell’orchidea: [necessità, frequenza e procedura]
  • Tipi di orchidee: [Caratteristiche e classificazione]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.