Suggerimenti

Anice: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

La Pimpinella anisum è una pianta medicinale appartenente alla famiglia delle Apiaceae. È originario del Medio Oriente ed è stato coltivato fin dall’antichità da Egizi, Greci e Romani.

Era così prezioso che fu chiamato “aniketon”, “l’invincibile”. L’ anice è coltivato nei paesi della regione mediterranea e si è diffuso in altri paesi come Argentina, India, Messico e altre regioni d’America.

Viene solitamente utilizzato come infuso, oltre che per esaltare il sapore di alcuni dolci. L’ anice usa anche medicinali . Può essere usato come diuretico, antivirale, analgesico, antispasmodico, miorilassante, afrodisiaco, digestivo, tra molte altre applicazioni.

Punti importanti quando si semina l’anice
  • Nome scientifico: Pimpinella anisum .
  • Nome comune: anice, anice verde, matalahúva, matalahúga , erba dolce.
  • Altezza: 60 centimetri.
  • Fabbisogno di luce: alto.
  • Temperatura: climi temperati e secchi (15ºC-22ºC).
  • Irrigazione: Bassa.
  • Fertilizzante: Fertilizzanti ricchi di zolfo .

Che caratteristiche ha l’anice?

L’ anice è una pianta erbacea, annuale e aromatica che cresce tra i 10 ei 60 centimetri di altezza. Ha una radice lunga e stretta da cui sgorga un fusto eretto, tondeggiante e ramificato alle estremità.

Le foglie di anice , che spuntano dai fusti, presentano polimorfismo fogliare, cioè foglie di forma diversa a livelli differenti della stessa pianta . Nella parte inferiore sono larghe e nella parte superiore sono più piccole e segmentate.

I fiori sono piccoli, larghi meno di 5 millimetri, bianchi. Questi fiori sono raggruppati in ombrelle, una primaria e da 7 a 15 secondarie, che sbocciano nei mesi di luglio e agosto.

Il frutto è un chicco piccolo, ovoidale, di colore bruno o grigio-verde, che non si apre quando raggiunge la maturità. Ha un sapore dolce e un odore molto gradevole.

Quando seminare l’anice?

La pianta dell’anice viene seminata durante la primavera , ad aprile e metà maggio, per essere raccolta a fine ottobre. È importante attenersi a questa stagione poiché ritardarla causerebbe una diminuzione dei raccolti.

Dove piantare l’anice?

Le aree adatte alla coltivazione dell’anice si trovano all’interno del clima da temperato caldo a secco, senza freddo eccessivo. Necessita di elevata luminosità, protezione da forti raffiche di vento, nonché scarse precipitazioni.

La temperatura media giornaliera ottimale per lo sviluppo deve essere uniformemente compresa tra 15ºC e 18ºC. L’ anice si adatta a diversi tipi di terreno.

Tuttavia, cresce meglio in terreni argillosi profondi, permeabili e sabbiosi. Si sconsiglia di coltivarlo in terreni argillosi, umidi, ombrosi e freddi, o con una grande quantità di materia organica nella sua composizione.

Come preparare il terreno?

La semina dell’anice può essere effettuata in vari modi. Generalmente si semina a file, meccanicamente o manualmente, a file su terreno umido. Il terreno deve essere lavorato dai primi giorni di marzo ai primi di aprile.

Si consiglia di lasciare una spaziatura da 50 a 70 centimetri, con minimo movimento a terra, rispettando le curve di livello e con semi di qualità. L’ anice , invece, è una coltura che a volte necessita di essere concimata, soprattutto quando si tratta di terreni poveri.

Se ciò accade, il terreno deve essere concimato organicamente con fosforo e azoto. Possono essere applicati anche fosfato di ammonio e solfato di ammonio.

Come innaffiamo l’anice?

Normalmente è irrigato da superficie, solchi o aiuole. L’irrigazione deve essere regolare e costante, soprattutto dopo la coltivazione. Si consiglia l’ irrigazione a goccia , in quanto in questo modo si inumidisce il substrato senza bagnare le piante.

Nelle aree più piccole va annaffiato 2 o 3 volte a settimana quando è ancora piccolo, ma la frequenza va ridotta man mano che la coltura cresce per sfruttare l’acqua della stagione delle piogge.

Come in molte altre colture, è importante non eccedere o saturare il terreno per non favorire malattie alle radici delle piante.

Ogni quanto annaffiamo l’anice?

Si possono effettuare 2 o più irrigazioni prima della semina. Il primo sarà di sede, un mese prima della semina. La seconda sarà la pre-semina, una settimana prima di iniziare la semina.

L’irrigazione durante il ciclo di impianto va effettuata con cadenza bisettimanale durante l’ estate , quando le temperature si alzano. Vanno invece ridotte durante l’ inverno , un’annaffiatura al mese.

Come seminare un anice passo dopo passo?

L’ impianto della anice si diffonde per seme. Di seguito sono riportati i passaggi per piantarlo a livello del suolo e in vaso.

Sul pavimento

  1. Metti i semi di anice a 2 o 4 centimetri di profondità in un luogo soleggiato senza correnti d’aria, a una temperatura compresa tra 15ºC e 22ºC. Nelle proprietà più piccole può essere trasmesso.
  2. Coprire i semi con un leggero strato di substrato .
  3. Innaffia abbondantemente e aspetta che germoglino per 12 e 15 giorni.
  4. Quando le piantine raggiungono i 10 centimetri di altezza, va applicata una riduzione di densità (rareficata), per preservare solo gli esemplari migliori.

in vaso

  1. Scegli un vaso profondo 50 centimetri, con fori di drenaggio.
  2. Riempire con substrato sterile per vasi lasciando un centimetro in alto.
  3. Metti i semi di anice a 2 centimetri di profondità in un luogo soleggiato e coprili con un sottile strato di substrato.
  4. Inumidisci l’area con un flacone spray e attendi che il seme germini.

Di che cure ha bisogno l’anice?

L’ anice è una pianta che può essere danneggiata dalla competizione nutritiva di altre specie. Per questo motivo, è fondamentale controllare le erbacce o le erbacce .

Per controllare la crescita delle erbacce, la tecnica della pacciamatura può essere applicata intorno alla base della pianta. Questa misura servirà anche a proteggere il suolo e la pianta stessa.

D’altra parte, si consiglia di evitare l’applicazione di fertilizzanti o compost durante il periodo di fioritura.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’anice?

I parassiti che colpiscono l’ anice sono generalmente vermi del suolo, afidi, formiche, tripidi, acari, tra gli altri insetti. Per quanto riguarda le malattie sono state segnalate l’ appassimento fungino, l’alternaria, la peronospora e l’oidio, e quelle prodotte dai funghi del suolo (Fusarium e Rhizoctonia).

Riferimenti

  • https://www.tuasaude.com/es/anis/
  • https://www.luontoportti.com/suomi/es/kukkakasvit/anis-verde
  • https://www.sinavimo.gob.ar/cultivo/pimpinella-anisum
  • https://inta.gob.ar/sites/default/files/script-tmp-inta-_sanchez_cultivo_de_anis.pdf
  • https://www.minsal.cl/portal/url/item/7d989fe7675e6fd2e04001011e011e12.pdf
  • http://www.herbotecnia.com.ar/exo-anis.html
  • http://www.agrobit.com/Documentos/I_1_4_Cultivos/308_mi000002ar[1íritu.htm
  • https://www.consejosparamihuerto.com/consejos/cultivo-de-anis-guia-para-principiantes-para-plantar-y-cuidar-el-anis/
  • http://repositorio.undac.edu.pe/bitstream/undac/854/1/D026_70806714_T.pdf
  • https://www.botanical-online.com/cultivo/anis-como-plantar-cuinados
  • https://www.dival.es/sites/default/files/medio-ambiente/Estudio3.pdf
  • https://www.planetahuerto.es/revista/que-es-un-acolchado_00152
  • https://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwju5cG0nsXvAhULLKwKHZ5kBqYQFjAIegQICRAD&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwju5cG0nsXvAhULLKwKHZ5kBqYQFjAIegQICRAD&url=https%3fu3A66%Fttps%2F3Cen% 2Fdownload %2F2F3Cen% 692F2F02CEN% 2FAn% 25C3% 25ADs% 2Bverde% 2B-Ficha.pdf & usg = AOvVaw307PoJLl4GUnrfGq04kpNz

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *