Suggerimenti

Muffa bianca nel tuo giardino: [Identifica, previeni e cura]

La muffa bianca, nota anche come sclerotinia , è una malattia fungina che colpisce più di 360 piante diverse, tra cui fagioli, piselli, lattuga e membri della famiglia dei cavoli.

La muffa bianca è talvolta chiamata marciume del legno quando colpisce i pomodori.

I sintomi della muffa compaiono su fiori, steli, foglie e baccelli macchiati d’acqua. Le foglie appassiscono, ingialliscono e muoiono; i baccelli possono marcire.

Le colture ospiti sono più sensibili durante la fioritura, ma anche le giovani piantine sono molto vulnerabili. La muffa bianca di solito infetta le piante all’inizio della primavera o dell’estate e poi si sviluppa senza essere notata per un po’.

Il fungo della muffa bianca rilascia spore quando il clima è fresco e queste spore possono essere trasportate dal vento e infettare altre piante.

Ecco perché è così importante identificare la muffa bianca e distruggere rapidamente le piante infette.

  

Cos’è la muffa bianca e come si riproduce?

La muffa bianca è causata dal fungo Sclerotinia sclerotiorum.

  • Il fungo della muffa bianca forma strutture dure, nere , a riposo chiamate sclerozi. Queste strutture hanno circa le dimensioni della punta di una matita rotta.
  • La sclerotia consente al fungo di sopravvivere nel suolo e nei detriti vegetali per 5 o più anni.
  • In primavera e in estate, quando le temperature sono fredde e il terreno è umido, gli sclerozi producono alcuni piccoli funghi. Questi funghi rilasciano spore che possono viaggiare fino a un miglio o più nel vento.
  • Le spore che si depositano su tessuti vegetali danneggiati o invecchiati, come vecchi petali o foglie, germineranno e inizieranno un’infezione.
  • Le infezioni si spostano allo stelo principale e alla fine lo cingono. Quando ciò accade, le foglie che si trovano sull’infezione dello stelo appassiscono e muoiono improvvisamente.
  • Una nuova sclera inizierà a formarsi sopra e nel tessuto vegetale morto.

Come identificare la muffa bianca?

I sintomi della muffa bianca variano a seconda dell’ambiente e del tipo di pianta , ma eccone alcuni:

  1. Lo stelo potrebbe avere una parte imbevuta d’acqua. A questo punto dell’infezione, la pianta sembrerà non avere sintomi.
  2. Appassimento dei singoli steli, soprattutto alla base con colorazione bruna.
  3. Gli steli infetti possono sembrare avere lesioni marrone scuro. Da queste lesioni, si formerà una crescita densa e cotonosa in condizioni di elevata umidità.

  

Qual è il ciclo di vita della muffa bianca?

Il ciclo vitale del fungo bianco inizia con strutture nere chiamate sclerozi, che vengono prodotte durante una precedente infezione e sopravvivono nel terreno da tre a otto anni.

Sembrano semi o grani di pepe.

Quando si pianta un giardino, il terreno deve essere mantenuto umido mentre i semi germinano o si stabiliscono i trapianti. Dopo 10-14 giorni, se le temperature sono inferiori a 85 gradi Fahrenheit, piccoli funghi chiamati apoteci si sviluppano dagli sclerozi e rilasciano spore nell’aria.

Queste spore infettano piante e fiori vicini. L’infezione si diffonde attraverso gli steli, di solito vicino alla linea di fondo o a un fiore infetto. Gli steli diventano marroni e si sviluppa un soffice fungo bianco.

Nuovi sclerozi si sviluppano lungo o all’interno degli steli e cadono a terra per continuare il ciclo vitale.

  

Quali colture e piante colpisce la muffa bianca?

Piante da fiore annuali comunemente colpite Verdure Piante con sempreverde
Petunia Pomodori Crisantemo
Zinnia Zucca , lattuga Peonia
Nicotiana Fagioli, piselli Colombina
Girasole Carota Delphinium
saggio Zucchine

Come possiamo prevenire la muffa bianca?

  1. Assicurati di utilizzare un terreno ben drenato e distanzia correttamente le piante per evitare l’affollamento. Inoltre, ricorda di evitare le aree con scarsa circolazione dell’aria.
  2. Quando innaffi le tue piante, cerca di non innaffiare le cime. Oppure innaffia le piante per prima cosa durante il giorno in modo che abbiano la possibilità di asciugarsi prima del buio. Per evitare ciò si consiglia sempre l’irrigazione a goccia .
  3. Puoi anche spruzzare le tue piante con un fungicida approvato per aiutare a prevenire l’infezione. Spruzza le piante appena prima che germoglino, quindi spruzzale di nuovo una settimana dopo.
  4. Controlla le erbacce e le erbacce . Le erbacce possono ospitare questa malattia e diffonderla alle tue piante.
  5. Se possibile, rimuovere tutti i residui del raccolto dopo il raccolto. Se rimangono residui, questa malattia può svilupparsi in essi. Le spore della muffa bianca sono resistenti, quindi sopravviveranno all’inverno se ne avranno la possibilità.
  6. Anche la rotazione delle colture è molto importante.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.