Suggerimenti

Tahini o Tahina: benefici del suo consumo e come farlo

Il tahini è diventato, a pieno titolo, un alimento molto apprezzato per le sue qualità nutrizionali e il suo effetto benefico sulla salute.

In questo post vi raccontiamo cos’è questo alimento, le sue proprietà, come si assume e vi diamo la ricetta per prepararlo in casa. Inoltre, alla fine dell’articolo, ti invito a guardare un video in cui riassumo le proprietà più notevoli del tahini.

Cos’è la tahina o la tahina?

Il tahini, tahina o tahini , una pasta a base di semi di sesamo o semi di sesamo ( Sesamum indicum L.) presente in varie preparazioni di cucina tradizionale araba, e oggi consumata in molti paesi del mondo.

Conosciuto anche come burro o sesamo o pasta di sesamo , viene venduto in vasetti pronti per il consumo diretto. Il suo sapore è simile al burro o alle creme di noci.

Il sesamo o sesamo è attualmente coltivato in molti paesi, richiede relativamente poca specializzazione per la sua coltivazione e in molti paesi viene prodotto quasi esclusivamente per l’esportazione.

Sebbene sia utilizzato principalmente nella cucina araba, ha una presenza crescente nella cucina occidentale. L’ olio di sesamo o semi di sesamo è composto per il 47% da acido oleico e per il 39% da acido linoleico, il che lo rende competitivo con altri oli vegetali. Da parte sua, i semi interi sono sempre più utilizzati nella produzione di prodotti da forno.

Il tahini, dal canto suo, sta prendendo sempre più piede nella gastronomia occidentale e può essere utilizzato sia in preparazioni e salse, sia direttamente come crema spalmabile.

Valore nutrizionale di tahini

Sebbene dipenderà dagli ingredienti e dalle proporzioni utilizzate nella sua preparazione, in generale è una preparazione molto nutriente che mantiene tutte le proprietà benefiche del sesamo o del sesamo.

Fornisce grassi insaturi (circa il 50%) come lecitina –ne ha più della soia-, ferro, calcio, zinco, fosforo, magnesio e contiene un’elevata quantità di proteine ​​vegetali , in particolare la metionina.

Il principale ingrediente attivo del sesamo è la sesamina . Ma in più, i semi di sesamo o di sesamo hanno un antiossidante naturale chiamato sesamolo (un lignano) che fornisce stabilità alla tahina e rimane naturalmente a lungo.

Fornisce un buon apporto calorico, circa 600 per 100 grammi, tuttavia, essendo componenti salutari realizzati a freddo e senza additivi, è ampiamente utilizzato come sostituto del burro o delle margarine.

Benefici del consumo di tahin

Questa pasta a base di semi di sesamo apporta grandi benefici alla nostra salute:

Esercita azione protettiva sul fegato e sui reni.

La sesamina ha dimostrato di avere un’azione antitumorale (grazie al suo effetto antiproliferativo, antinfiammatorio, antimetastatico e pro-apoptotico sulle cellule tumorali) e di essere un alimento coadiuvante nella prevenzione e nel trattamento.

Combatte la rottura del collagene e dell’elastina nei vasi sanguigni, essendo efficace nel combattere l’aneurisma dell’aorta addominale.

La capacità antinfiammatoria della tahina la rende particolarmente utile nei casi di artrite .

La tahini è un alimento che favorisce la digestione e stimola la combustione dei grassi . In particolare, stimola la combustione del tessuto adiposo bruno o tessuto adiposo bruno, che si trova principalmente nel torace e nell’addome.

Questa deliziosa crema aiuta a prevenire l’accumulo di colesterolo nelle arterie .

La sesamina è stata usata come agente per proteggere dalle lesioni cerebrali.

Tahina aiuta a proteggere le ossa dall’osteoporosi .

Ha antiossidanti, componenti molto importanti che partecipano a una moltitudine di funzioni che vengono svolte nel nostro corpo e proteggono la salute.

Il sesamolo ha capacità antinfiammatorie e regolatorie per il sistema immunitario .

Le fibre e gli oli essenziali aiutano a ripristinare la naturale motilità dell’intestino evitando stitichezza o stitichezza.

Il contenuto di ferro lo rende un prodotto consigliato per il recupero dall’anemia sideropenica e per le fasi chiave della gravidanza e della menopausa.

La lectina, dal canto suo, è riconosciuta utile per il controllo del colesterolo , anche se è importante conoscere gli ingredienti per realizzare l’emulsione, poiché può fornire anche grassi insaturi (se si utilizzano oli di semi di girasole, mais, soia o altri) o monoinsaturi (se si usa olio d’oliva).

Allo stesso modo, le preparazioni possono incorporare diverse proporzioni di sale e zucchero, quindi si consiglia di consultare il contenuto in base alla dieta specifica.

Qualcosa di particolare è che può causare allergia, ad esempio, a persone allergiche alle noci .

.

Come prendere tahin?

Il tahini o tahina viene utilizzato nelle preparazioni tradizionali della cucina araba come l’ hummus (purea di ceci) e il baba ganush (purea di melanzane), e viene utilizzato come salsa, diluito con succo di limone con l’aggiunta di aglio, ad esempio per i falafel (ceci o fagioli crocchette) , shawarma (arrosto di carne), pinchos morunos (spiedini di carne) o in insalata come parte del condimento.

Si consuma anche come una specie di paté, spalmandolo sul pane, sulle fette biscottate o sulla pita (tradizionale araba). In alcuni paesi viene mescolato a preparazioni dolci o sciroppate e viene utilizzato principalmente a colazione , poiché è un alimento molto energetico.

Si allinea molto bene con le preferenze della dieta vegetariana ed è stato rapidamente incorporato nelle diete occidentali grazie al fatto che è un alimento senza glutine, senza latticini che può anche essere privo di zucchero e sale, con alto valore energetico e che è facile da incorporare in diverse preparazioni, utilizzarlo come condimento per diverse pietanze o assumerlo direttamente come sostituto del burro o di altre creme spalmabili.

Fare il tahani in casa, una ricetta semplice

Per fare la pasta o il burro tahini, bisogna prima tostare i semi, puliti e privi di qualsiasi impurità, a fuoco basso per circa 5 minuti o fino a quando non saranno tostati. Idealmente, fallo in una padella e muovilo per evitare che si brucino (e perdano sostanze nutritive) e per tostarli su tutti i lati.

Una volta dorate, vengono immerse in acqua fino a quando il guscio non si sarà sciolto e, togliendo solo i semi, queste vengono messe in un mulino o frullatore. Ad esso viene aggiunto liquido, olio o acqua; Conviene farlo con l’olio se va tenuto per la spalmatura e con l’acqua per renderlo più leggero o se si vuole incorporare in un’altra preparazione.

Arrostirli è un passaggio importante, in quanto aiuta ad eliminare eventuali batteri. Tuttavia, i semi sono commercializzati: il sesamo nero potrebbe non impiegare troppo tempo per arrostire; sesamo dorato, generalmente intero o completo, se necessita di tostatura in quanto non raffinato; e il sesamo bianco, non avrebbe bisogno di tostatura poiché è già privo della parte esterna.

Una volta nel frullatore o nel macinino ci vuole un po’ di pazienza poiché la pasta si attaccherà alle pareti e bisognerà aiutarsi con una spatola in modo che la pasta sia ben schiacciata e omogenea. Più i semi sono schiacciati, meglio è, ma puoi interrompere il processo quando ottieni la consistenza piacevole che vuoi spalmare o aggiungere alla preparazione.

Un’altra opzione per fare il tahin in casa è acquistare un TAHINI ECOLOGICO , più comodo e semplice da usare.

Fonti bibliografiche:

  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29032105
  • “Standard regionale per Tahina”, Codex Stan 259-R – 2007. FAO
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29992108
  • “Produzione di tahini a base di sesamo (Sesamun indicum) della varietà Nicarao dell’azienda Juan Francisco Paz Silva situata nel comune di Achuapa”, Ericka María Juárez e Walquiria Vannesa López. Scuola di Ingegneria Alimentare, Facoltà di Scienze Chimiche, Università Nazionale Autonoma del Nicaragua. 2010.
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28784087
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30415772
  • “Badra: fast food libanese e bevande”, Javier Alejandro Farraye Masri e Valeria María Crespo Cuesta. College of Hospitality, Culinary Arts and Tourism, Universidad San Francisco de Quito. 2015.
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30606956
  • “Tahini, un alimento contenente sesamo poco conosciuto, come causa imprevista di grave reazione allergica”, L. Caminiti, D. Vita, G. Passalacqua, T. Arrigo, S. Barberi, F. Lombardo e GB. Paiano. Argomento di studio. Dipartimento di Pediatria, Unità di Allergologia, Università di Messina, Italia. J. Indagare su Allergol clin Immunol 2006.
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30788333

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *