Suggerimenti

Ruggine: [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è la ruggine?

La ruggine, con il nome scientifico Puccinia graminis, è uno dei funghi più aggressivi. C nown con il nome di ruggine nera, attacca le parti della pianta si trova al di sopra o al di sopra della terra.

Vale la pena chiarire che la ruggine, è del genere Puccinia e Melampsora, può colpire qualsiasi pianta, ma soprattutto quelle che hanno foglie, sebbene anche i cactus possano infettarsi.

Penetra attraverso radici e ferite di potatura, manifestandosi circa due o tre giorni dopo. Ma le varietà più colpite sono solitamente cultivar di cereali.

Come possiamo identificarlo?

Ha la particolarità che le spore del fungo si depositano, ad esempio, nelle piante di frumento verde, dove formano una pustola che invade gli strati esterni del fusto, rendendolo così identificabile.

Quindi si formano delle bolle o pustole ellittiche conosciute con il nome di uredias. È una malattia fungina che può causare la morte della pianta , perché i fusti secondari non si sviluppano quando la malattia avanza.

Né i semi vengono prodotti in quantità, tanto meno in qualità. In sintesi, i sintomi causati dalla malattia della ruggine nera sono, in linea di massima, i seguenti:

  1. Aspetto di protuberanze o vesciche rosse o marroni nella parte inferiore delle foglie. Queste sono le spore del fungo.
  2. Macchie giallastre, molto scolorite sulla parte superiore della foglia. E se il fungo non viene combattuto, rimarrà con le foglie secche appese, fino a quando non cadranno.

A seconda del tipo di ruggine, ci saranno alcune varianti nella manifestazione dei sintomi, in specie vegetali molto diverse. Questi tipi di ruggini e le loro caratteristiche, molto brevemente, sono:

Prugna ruggine

È prodotto dal fungo Tranzchelia pruni-spinosae var disc color. Le foglie svaniscono rapidamente per cadere.

Groserello ruggine

È causata da funghi del genere Puccinia . Macchie gialle compaiono sulle foglie, ma poi diventeranno completamente rosse, fino a quando la pianta non si indebolisce e si verificano malformazioni nelle sue foglie.

ruggine di lenticchie

La malattia è la causa del fungo Uromyces fabae. Danneggia tutti i legumi , come lenticchie e fagioli , che sono rachitici e mostrano foglie danneggiate.

ruggine di mele cotogne

Viene attaccata dal fungo Fabraea maculata , che si manifesta nel cotogno con macchie sulle foglie di colore rosso, fino a farle diventare nere , ammuffite.

Il pensiero arrugginisce

La pianta viene attaccata dal fungo Puccinia violae, che si presenta con rigonfiamenti nella pagina inferiore delle foglie, di colore giallo.

Ruggine di menta piperita

Il fungo Puccinia menthae è coinvolto. Ha un impatto molto negativo sugli steli di menta , dove compaiono protuberanze arancioni e deformità sui germogli malati.

ruggine rosa

Il fungo Phragmidium mucronatum fa il suo dovere con questa pianta. Macchie giallastre compaiono sulla parte superiore della foglia di rosa e molte protuberanze cariche di spore, anch’esse gialle, nella parte inferiore.

giacinto ruggine

Il giacinto risente fortemente dell’azione devastante del fungo Uromyces muscari, che produce protuberanze brune sulle foglie.

ruggine all’aglio

Il fungo Puccinia allii è la causa di piccole protuberanze giallo-arancio sulle foglie dell’aglio

Quali piante colpisce la ruggine?

È uno dei funghi più aggressivi che attacca le colture di cereali in tutto il pianeta, in particolare il grano.

Recentemente è stata rilevata un’epidemia causata da una razza chiamata Ug99, che si è diffusa in tutta l’Africa, in Asia e ha invaso anche il Medio Oriente.

Questa razza Ug99 è così potente che può causare la completa perdita del raccolto di grano, poiché le spore possono volare con grande facilità da un luogo all’altro, viaggiando ad esempio dall’Uganda, nel 1999, alle parti più alte dell’Africa orientale e da lì allo Yemen e al Nord Sudan. 

Più di recente, nel 2007, l’Iran ha annunciato che anche Black Rust stava distruggendo i suoi raccolti di grano. Colpisce anche le colture di caffè, che sono molto sensibili ai funghi.

Come combattere la ruggine?

Non appena si individua un’infezione fungina nella pianta, è fondamentale rimuovere tutte le foglie secche, con l’aiuto di forbici molto ben disinfettate, per evitare che il fungo continui ad avanzare.

Le foglie raccolte vanno riposte in un sacchetto, non lasciate per terra, per evitare ulteriori contagi.

Subito dopo va applicato un trattamento fungicida naturale, applicato con l’ausilio della cosiddetta poltiglia bordolese , che solitamente si applica in primavera

È un brodo dal colore blu intenso , che si prepara molto facilmente in casa. La poltiglia bordolese è una miscela di solfato di rame e idrossido di calcio o calce spenta, scoperta da esperti enologi di Bordeaux, in Francia. 

Preparato composto: Poltiglia bordolese

Si prepara come segue:

  1. Mescolare 10 grammi di solfato di rame e 20 grammi di idrossido di calcio, in un litro d’acqua.
  2. Mescolate fino a quando gli ingredienti non saranno ben sciolti. 
  3. Versare il prodotto in uno spruzzatore completamente disinfettato, se possibile senza previo utilizzo.

Questo prodotto può essere applicato su alberi da frutto, piante orticole come fragole, pomodori e patate , nonché piante ornamentali , ad eccezione delle piante acidofile e carnivore. Questa miscela non deve mai superare la concentrazione di 6 chilogrammi x ogni ettaro seminato all’anno.

Né questa miscela deve essere utilizzata nel periodo di fioritura, e tanto meno quando si avvicina il raccolto. In quantità esagerate, provoca danni alla salute degli animali e dell’uomo.

Quali sono i migliori prodotti per eliminare la ruggine?

I fungicidi Fosetil-Al  sono molto efficaci Ma le seguenti raccomandazioni aiutano notevolmente a prevenire la comparsa di funghi sulle piante.

Acquista piante sane

Sempre la cosa più prudente è acquistare piante in un vivaio di fiducia che siano in buona salute, prive di cattivo aspetto, perché, altrimenti, possiamo portare malattie e virus nel nostro giardino, con conseguenze disastrose.

Abbonamento continuo

La pianta va concimata regolarmente, soprattutto durante i mesi caldi dell’anno, quando hanno bisogno di più acqua, ma anche di ottimi nutrienti per crescere sana.

C’è una grande varietà di fertilizzanti sul mercato, i migliori sono di origine organica e quelli specifici. Guano e letame combinati alternativamente, non insieme, è l’ideale per la pianta.

Disinfettare attrezzature e forniture da giardino

La cosa più prudente è che lavoriamo sempre in giardinaggio, con materiali e attrezzature preventivamente disinfettati con una soluzione di alcol isopropilico e lavastoviglie, poiché le spore possono aderire senza che ce ne accorgiamo e contaminare molte più piante del nostro giardino o coltura.

Evita rischi inutili

Uno dei peggiori nemici delle piante è l’eccesso di acqua. L’eccesso fa marcire le radici e innesca la comparsa di funghi che si moltiplicheranno rapidamente in tutta la pianta.

È sempre bene controllare che il substrato sia stato asciugato utilizzando un bastoncino che ci permetta di scavare i terminali di terra e si sia asciugato prima di una nuova irrigazione, soprattutto nel caso di piante sensibili.

Un’altra raccomandazione importante è quella di sigillare le ferite che si generano dalla potatura, con l’aiuto di una pasta o unguento cicatrizzante, invece di lasciarle guarire al sole, soprattutto su piante legnose. Un rispettabile negozio di giardinaggio o vivaio può consigliare una buona marca.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.