Suggerimenti

Germinazione dei semi: come preparare le piantine o piantine

Creare e mantenere un giardino richiede una buona pianificazione sin dall’inizio, qual è il primo passo da compiere se vogliamo allestire un giardino? Preparare le piantine o piantine. È un processo mediante il quale facciamo germogliare i semi che le piante del nostro giardino daranno. Come puoi immaginare, la germinazione e la preparazione del letto di semina sono un processo molto importante .

Per facilitare ulteriormente la preparazione e la manutenzione, proponiamo un passo passo per preparare semenzai e orti variati e adeguati allo spazio disponibile.

Cosa seminare e quando?

La prima cosa è definire quali verdure vogliamo e possiamo avere nel nostro orto. Sceglierai le verdure che più ti piacciono in famiglia, ma anche lo spazio e le condizioni del luogo saranno determinanti.

Puoi iniziare con un elenco di ciò che vuoi raccogliere e poi definire le varietà. In un orto urbano, il volume dei contenitori che possono essere installati determinerà, ad esempio, la varietà di verdure che puoi scegliere in base alle condizioni di cui hanno bisogno e alla produzione che ti aspetti.

Un’altra situazione da considerare è la disponibilità di risorse (acqua e sole), questa è importante anche nella coltivazione degli ortaggi ed è fondamentale per le piantine.

Inoltre, sarà necessario considerare la stagione di ciascuna delle verdure, per la quale è necessario rivedere il calendario della semina.

I semi

Vengono commercializzate diverse tipologie di sementi biologiche che hanno la certificazione dai regolamenti dell’Unione Europea: AB: Agricoltura Biologica; NT: non trattato; BIO: Biologico; ORG: Organico; ECO: ecologico.

Inoltre, il Ministero dell’agricoltura, dell’alimentazione e dell’ambiente della Spagna dispone di un database di semi di produzione biologica per tutte le richieste. In altri paesi ci sono anche banche dati in diverse agenzie e istituzioni di divulgazione.

Conviene invece selezionare quelle varietà autoctone, in quanto garantiscono un buon adattamento alle condizioni climatiche e ai terreni della regione.

È inoltre possibile ottenere e prenotare i propri semi, nonché partecipare allo scambio di semi con altri agricoltori per ampliare la varietà dell’orto.

I semenzai

Sebbene il semenzaio sia importante per alcune verdure, non tutte resistono al trapianto e vengono piantate direttamente nel terreno o nel contenitore finale (ad esempio carote, ravanelli, barbabietole, zucca, melone, cetriolo, anguria).

Tuttavia, per alcune piante, il semenzaio è il luogo più adatto per iniziare la vita produttiva e riproduttiva della pianta, quindi è una procedura di vitale importanza per la crescita dell’argento e la produzione del frutto, garantendo il successo della coltura .

I semenzai, invece, consentono una migliore gestione delle condizioni ambientali per le colture precoci; Mentre il seme nel terreno attenderà le condizioni favorevoli per crescere, nel semenzaio possiamo produrre o migliorare le condizioni perché si inneschi.

Per un semenzaio sono fondamentalmente necessari i seguenti elementi:

  • Vassoio con fori, o bicchieri, utili per posizionare il substrato e i semi, e che consentono di adattare le condizioni ottimali di luce, temperatura, umidità e fertilità alle prime fasi di sviluppo.
  • Semi di ortaggi diversi, quelli che hai ottenuto al mercato o in cambio.
  • Substrato e compost, in modo che abbia una buona ritenzione idrica e aerazione, viene solitamente preparata una miscela (50% compost, 40% fibra di cocco, 10% arlite o perlite)
  • Etichette per identificare ogni buca, vassoio o bicchiere dove verrà prodotta la piantina.

Il processo passo passo per la semina in semenzaio

  1. La vaschetta oi contenitori per semi vanno riempiti con uno strato di almeno 4 cm di substrato, quasi al bordo e che sta bene anche in tutti i contenitori, senza premere eccessivamente il substrato.
  2. Si fa un piccolo foro di circa 2 cm, solo un forellino con il dito. Il substrato dovrebbe avere un po’ di umidità, se pensi che manchi, puoi spruzzarlo con un po’ d’acqua.
  3. Nella buca mettete i semi, due o tre per buca se sono semi piccoli, fate del vostro meglio per non metterne altri. Puoi aiutarti con un morsetto o qualcosa di simile. Un trucco per i semi troppo piccoli. Non possono essere maneggiati singolarmente, è quello di mescolarli con un po’ di sabbia, per distribuire al meglio la miscela “ad occhio” tra i contenitori dei semi.
  4. Per coprire il seme potresti usare lo stesso substrato o anche solo compost. Questa copertura dovrebbe essere circa 2 volte il diametro del seme.

I semenzai necessitano di molta attenzione per l’irrigazione. Tutta l’irrigazione che viene loro fatta deve essere fatta sotto forma di rugiada o pioggia finissima, poiché sarà necessario evitare la formazione di pozzanghere e rimuovere il substrato nei contenitori.

Poiché in questi contenitori si svolge una grande attività fotosintetica, sono molto sensibili a qualsiasi cambiamento e potrebbero non sopravvivere a sbalzi di temperatura o umidità.

Per evitare qualsiasi disturbo e garantire il mantenimento delle condizioni, i semenzai sono spesso ricoperti di plastica trasparente come una serra, che a sua volta fornisce protezione da vento e pioggia.

Ricorda che le piantine vengono effettuate nelle ore mattutine e i trapianti nel pomeriggio per consentire alla pianta di adattarsi progressivamente al cambiamento.

Germinazione del seme

Ogni specie ha il suo tempo di germinazione e crescita, ma anche le condizioni influenzano questi processi.

In generale la temperatura ideale per la germinazione è compresa tra 16 e 28°C, temperature inferiori a 10°C e superiori a 35°C inibiscono la germinazione. Anche la luce e l’umidità giocano un ruolo importante e interagiscono con la temperatura.

Altri fattori che influenzano sono la maturità dei semi, la longevità e le condizioni di conservazione. Inoltre, per semi medi e grandi (come i semi di zucca) si consiglia di metterli in ammollo qualche ora prima della semina.

Il tempo del trapianto

Una volta che le piantine sono cresciute a sufficienza è possibile riporle nella loro collocazione definitiva, facendo attenzione a non rompere la radice. Quando succede? Ebbene, in genere si aspettano dai 30 ai 35 giorni circa, anche se questo dipende dalle dimensioni che la piantina ha raggiunto a seconda delle condizioni del semenzaio, della specie e della varietà.

Per non sbagliare bisogna considerare che le radici hanno occupato quasi tutto il contenitore del seme, contenente il substrato in modo che non si sbricioli al momento del trapianto.

Qualche giorno prima del trapianto, si consiglia di ridurre le annaffiature per indurire la pianta, generando condizioni più simili a quelle che avrà nel luogo definitivo.

Tuttavia, appena prima del trapianto, il letto di semina va spruzzato per inumidire il substrato ed evitare di danneggiare le radici al momento del trapianto.

Nel punto finale viene praticato un buco dove verrà messa la piantina. Una volta trapiantata la piantina, il terreno o il substrato vengono leggermente pressati e annaffiati.

Evita questi errori comuni di gestione del semenzaio

Finora il compito migliorerà con la pratica e, man mano che acquisirai esperienza e sicurezza, migliori saranno i risultati in giardino. Tuttavia, oltre a vari fattori che possono influenzare la germinazione, ci sono alcuni errori comuni nella gestione del letto di semina:

  • Substrato inadeguato, sebbene siano disponibili alcuni preparati commerciali, nel tempo sarai in grado di migliorare la composizione della miscela in base alle condizioni del giardino, dei semi, del clima, tra gli altri.
  • Il riempimento irregolare di vassoi, bicchieri o contenitori per semi, condizionerà la germinazione e la crescita.
  • Semina il seme molto superficiale o molto profondo.
  • Irrigazione in eccesso (lavaggi o pozzanghere) o insufficiente (perdita di umidità).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *