Suggerimenti

Parassiti e malattie del garofano: [rilevamento, cause e soluzioni]

Il garofano è una specie che produce i fiori più utilizzati a scopo ornamentale al mondo.

Questa esigenza di elevata produzione richiede che la loro cura sia la più determinata per ottenere buoni risultati al momento del raccolto.

Sebbene in effetti la pianta non sia molto esigente, occorre prestare sufficiente attenzione nei casi in cui siano presenti parassiti e malattie che la colpiscono. E da quel punto è che siamo ansiosi di parlare con te oggi, con l’idea che ti piaccia piantare e fiorire abbondantemente in ogni stagione. 

Ruggine

La ruggine è una malattia fungina che sviluppa garofani a livello fogliare , producendo una serie di pustole sulla struttura foglie e fusti.

Sebbene non sia frequente che attacchi i fiori in quanto tali, è in grado di generare malformazioni nella pianta che finiscono per intaccare la qualità dei petali.

È comune che i suoi effetti si inneschino quando le piante sono sottoposte a un’umidità costante nell’ambiente. Inoltre, è necessario che l’intervallo di temperatura vada da 5 a 28ºC . Cioè, occupano entrambe le condizioni contemporaneamente.

Ha una resistenza piuttosto sorprendente , poiché il fungo è in grado di vivere fino a 6 mesi senza avere alcun ospite , il che lo rende più pericoloso. Attualmente sono stati effettuati numerosi studi che hanno permesso di creare specie di garofani molto più resistenti.

Quindi, è così essenziale utilizzare esemplari sani per piantare e disinfettare il terreno, così come tutti gli strumenti utilizzati. Tuttavia, quando si intraprende una lotta chimica, è consigliabile applicare principi attivi come l’azoxystrobin.

Afide

L’ afide ha preferenze alimentari per gli zuccheri e la linfa delle piante, motivo per cui li succhia da foglie e fiori.

È un parassita che è diventato molto ricorrente nelle colture di garofani, soprattutto quando vengono allevati durante le stagioni fredde.

Oltre a succhiare la vitalità della pianta, sono anche noti per secernere una melassa che facilita l’installazione del fungo audaceUn attacco di afidi a bassa quantità può essere controllato facendo uso di elementi biologici.

Cioè, incorporando predatori naturali come adalia bipuntacta Nel caso in cui sia evidente una popolazione molto più numerosa, è necessario passare all’azione chimica.

Bisogna però tener conto che la loro azione non è dannosa per la fioritura, né per gli altri rappresentanti della fauna caratteristica del luogo.

Alternaria

È una malattia in grado di colpire sia le foglie che gli steli dei fiori, riempiendoli di macchie nella loro struttura.

Queste macchie differiscono da quelle prodotte da altre malattie perché di solito sono di colore viola.

Il suo raggio d’azione è specifico all’inizio, ma il più comune è che le macchie avanzino fino a coprire l’intera superficie.

Esistono diversi tipi di funghi che causano la comparsa dell’alternaria, alcuni di essi operano durante il periodo della semina, mentre altri lo fanno dopo la raccolta. L’umidità è una causa determinante del suo aspetto, così come il vapore che produce quando le temperature sono molto alte.

Per quanto riguarda il tema della prevenzione, sarà determinante l’utilizzo di talee resistenti e sane. Tuttavia, è anche necessario tenere presente che l’uso di fungicidi sarà fondamentale quando non c’è altra soluzione. Tra quelli accettati a questo scopo ci sono maneb e dodina .

lumache

Sono parassiti che si avvicinano alle piante in modo strisciante, hanno similitudini nel comportamento con le lumache, ma senza guscio.

La sua comparsa è frequente quando il tasso di umidità nell’ambiente è molto elevato, magari dopo un prolungato periodo di pioggia.

Nel caso dei garofani, le lumache sono molto dannose perché sono in grado di nutrirsi di ciascuna delle parti della pianta .

Le lumache possono essere trattate con estratti di aglio e cipolla , quindi diventano abbastanza facili da rimuovere se catturate in anticipo. In ogni caso in commercio è possibile trovare anche prodotti molluschicidi che faranno un ottimo lavoro verso questo obiettivo.

ragno rosso

Gli effetti del ragnetto rosso , a differenza delle lumache, iniziano a farsi notare quando l’umidità relativa inizia a diminuire.

Il loro attacco, invece, si manifesta direttamente sulle foglie, in quanto sono responsabili di succhiare la linfa di cui si nutrono.

Questa azione genera come conseguenza la comparsa di piccole macchie gialle sulle foglie che indeboliscono le foglie e possono farle cadere.

D’altra parte, il ragno rosso produce anche una ragnatela che si trova nella parte inferiore delle foglie, dove è normale che passino. La buona notizia è che gli acari possono essere curati grazie all’utilizzo di prodotti agricoli a base di zolfo , quindi la pianta può essere spruzzata.

È anche possibile aumentare l’umidità nell’area in cui si stabilisce il garofano, soprattutto quando viene piantato in aree chiuse.

Fusariosi

Di tutte le malattie che potrebbero attaccare il garofano, questa è una delle più preoccupanti.

Il motivo è che il fungo che causa la malattia penetra dalle radici , interessando progressivamente l’intera struttura della pianta.

Sebbene all’inizio le radici possano sembrare sane, dopo che l’infezione si è depositata, finiscono per marcire in breve tempo, ponendo fine alla vita del garofano.

Il problema è che si tratta di una malattia che non si noterà fino a quando il danno non sarà considerevole. Inoltre, non esistono misure correttive efficaci per combatterne l’aspetto perché si verifica a livello del suolo.

In ogni caso esistono misure preventive che potrebbero migliorare le prospettive, come l’ utilizzo di piante resistenti, acqua di irrigazione di qualità, disinfezione del substrato , ecc. Che una pianta di garofano presenti dei danni dovuti all’azione di parassiti o malattie è una vera tragedia.

Ecco perché avere le informazioni rilevanti nelle nostre mani sarà il nostro unico modo per evitare che si presentino situazioni sfavorevoli.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.