Suggerimenti

Ottieni frutta e verdura per ritardare la loro maturazione e durare più a lungo con questi suggerimenti

Vuoi che frutta e verdura fresche impieghino più tempo a maturare? Se ti sei mai chiesto cosa puoi fare per mantenere frutta e verdura fresche più a lungo, dopo aver letto questo articolo sarai un esperto.

Se riempi anche il tuo frigorifero e la tua ciotola di frutta con frutta e verdura biologica , oltre a sapere come maturano questi alimenti e come raggrupparli per conservarli più a lungo, ti diremo come conservarli ciascuno in modo che durino freschi per quanto più a lungo possibile.

Come matura il cibo?

Frutta e verdura sono alimenti che “respirano”, assorbendo ossigeno e rilasciando anidride carbonica, acqua, calore ed etilene, e subiscono anche un processo di maturazione a più stadi.

Le fasi di maturazione di frutta e verdura iniziano quando viene raggiunta la maturità fisiologica, a quel punto inizia la maturazione fino a raggiungere la maturità per il consumo e, infine, inizia il periodo di invecchiamento.

Questi processi non avvengono in modo omogeneo in tutti i tipi di frutta e verdura, quindi i tempi di manipolazione (per la commercializzazione) e di conservazione variano notevolmente a seconda di due tipologie di alimenti:

  • Climateric : quelli che possono essere raccolti quando hanno raggiunto la maturità fisiologica ma non hanno ancora raggiunto la maturità di consumo, poiché il processo di maturazione per il consumo inizia al momento del raccolto e, quindi, può essere riservato per un tempo più lungo. È il caso di pere, mele, kiwi, meloni, banane, ecc.
  • Non climaterici : quelli che, una volta raccolti, sono pronti per essere consumati, avendo raggiunto la maturità fisiologica e il consumo, quindi sono in fase di invecchiamento e hanno meno vita utile. È il caso di fragole, ciliegie, pesche, ananas, ecc.

Lo scopo di tutti i metodi di conservazione degli alimenti , come principio fondamentale, è prevenire la decomposizione che si verifica dopo la stagionatura.

Un alimento si decompone quando perde le sue normali caratteristiche, il più delle volte, modificando le sue proprietà organolettiche (odore, sapore, colore) e producendo una degradazione più profonda che porta ad una perdita di consistenza, e addirittura inizia la muffa.

Queste modificazioni sono prodotte dall’azione di microrganismi (funghi, batteri e lieviti) presenti nell’aria e nell’acqua. Quando le condizioni ambientali sono sfavorevoli, come temperature molto alte o estremamente basse, un’alta concentrazione di zucchero, sale o acido, i microrganismi interrompono la loro attività.

Il controllo di questa attività può essere effettuato a livello industriale o domestico attraverso una serie di metodi di conservazione degli alimenti e in tempi diversi, la maggior parte dei quali mediante una modificazione chimica del prodotto.

Suggerimenti per far durare più a lungo frutta e verdura

Tuttavia, quando si tratta di conservare frutta e verdura fresca più a lungo, una volta che li abbiamo in casa o al momento della raccolta, ma a breve termine – circa una settimana – ci sono alcune considerazioni importanti a seconda del tipo di prodotto. :

  • Mais : si conserva nel guscio fino a 2 giorni nel crisper o crisper del frigorifero o del frigorifero.
  • Pomodori : maturano meglio a temperatura ambiente, capovolti, al riparo dalla luce e non lavati. Refrigerare solo una volta maturi (sono climaterici) per circa 3-5 giorni nel cassetto dei prodotti.
  • Meloni e Angurie : conviene anche che maturino a temperatura ambiente e poi si possono conservare, non lavati, in frigorifero fino a 4 giorni.
  • Nettarine e Pesche o Pesche : vanno conservate non lavate e in sacchetti di plastica in frigorifero o frigorifero, dove possono stagionare fino a 5 giorni.
  • Broccoli : conservandoli in un sacchetto di plastica ermetico, eliminando quanta più aria possibile e senza lavarli preventivamente, possono durare circa 5 giorni in frigorifero senza appassire o diventare filamentosi.
  • Lattuga , spinaci e altre verdure a foglia verde – È importante rimuovere tutta l’umidità in eccesso prima di riporli, in sacchetti di plastica perforati nel cassetto della frutta e verdura del frigorifero o del frigorifero.
  • Fragole o Fragole , Lamponi e More : corrispondono a quelle non climateriche, quindi è importante scartare eventuali acini rovinati, schiacciati o passati troppo maturi, e poi, senza togliere i gambi verdi che possono avere, conservarli in contenitori per un massimo di a 5 giorni in frigorifero.
  • Banana : maturano meglio a temperatura ambiente e si conservano così per diversi giorni. Poi, nel cassetto dei prodotti del frigorifero, si possono conservare per diverse settimane.
  • Uva : il modo migliore per conservarle, non lavate e in sacchetti di plastica, è riporle nel cassetto frutta e verdura del frigorifero o del frigorifero.
  • Arance : maturano meglio in ambienti freschi e si conservano bene fuori dal frigo fino a 2 settimane.
  • Patate o Patate : si conservano, non lavate, in luogo fresco, ventilato e asciutto, al riparo dalla luce, fino a 2 settimane.
  • Cipolle : devono essere conservate asciutte e non lavate, da scartare e in un luogo fresco, asciutto e ventilato, lontano dalla luce del sole e da tutta l’umidità, permettendo loro di durare fino a 4 settimane appena raccolte.
  • Carote , Barbabietole , Ravanelli e Rape : possono essere conservate, dopo aver tolto le foglie e le radici, non lavate e in sacchetti a rete, sia fuori dal frigorifero che nel cassetto frutta e verdura fino a 2 settimane.
  • Mele : è conveniente che maturano a temperatura ambiente e conservarle, non lavate, nel cassetto frutta e verdura del frigorifero, dove si conservano bene fino a 4 settimane.

È importante considerare che, per la frutta e la verdura che possono essere conservate fuori dal frigorifero, o che vanno lasciate maturare a temperatura ambiente, è meglio utilizzare sacchetti a rete, realizzati con materiali naturali, come lino e cotone, permettendo loro di far circolare liberamente l’ossigeno tra di loro.

Per quanto riguarda le temperature, nessuna frutta o verdura può tollerare temperature inferiori a 4°C o superiori a 10°C, quindi è importante assicurarsi che il cassetto o il cassetto di frutta e verdura del frigorifero o del frigorifero non superi quei valori.

In che modo l’etilene influisce sulla conservazione di frutta e verdura?

Sicuramente avrete già sentito dire che alcuni frutti e ortaggi non vanno tenuti negli stessi spazi perché alcuni possono stimolare la maturazione di altri.

Il promotore di questa maturazione è il gas etilene che producono frutta e verdura e che è noto come ormone della crescita, essendo quello che può anche far deteriorare molto più velocemente altri prodotti.

Questo gas, insieme alla frequenza respiratoria, è quello che ha la maggiore influenza sulla differenza tra prodotti climaterici e non climaterici, motivo per cui viene solitamente utilizzato per rallentare il processo di maturazione dei frutti che vengono stoccati in celle.

Frutta e verdura che emettono etilene e quelle sensibili a questo gas

  • Frutta e verdura che emettono etilene e, quindi, che possono essere conservate insieme nel cassetto frutta e verdura del frigorifero una volta mature, sono: mele, pere, prugne, pomodori, pesche, albicocche, nettarine, kiwi, uva, avocado, banane, mirtilli, melone, fichi, erba cipollina, mango, papaia e frutto della passione.
  • Quelli sensibili all’etilene e, quindi, che non possono essere conservati insieme ai precedenti, a meno che non si voglia farli maturare più velocemente, sono: broccoli, cavoli, carote, bietole, lattuga, asparagi, melanzane, aglio, fagiolini o fagiolini , peperoni, piselli o piselli, patate dolci, angurie e fragole.

Raccolto da consumare, soprattutto foglie verdi

Il modo in cui vengono conservati, così come la maturazione di frutta e verdura al momento della raccolta, influenza fortemente il loro gusto e le qualità nutrizionali. E poiché ne siamo ben consapevoli, nel Negozio Ecologico di ECOagricultor siamo molto attenti affinché gli alimenti più freschi, più ricchi e più nutrienti arrivino a casa tua.

Il taglio di tutti i prodotti vegetali è un’operazione che riduce le possibilità di conservazione, rompendo ed esponendo i tessuti alla degradazione microbica, e aumentando la velocità di respirazione, la produzione di etilene e sudore, portando ad una rapida degradazione generale e soprattutto dei tessuti danneggiati .

Per le verdure a foglia verde e le verdure aromatiche esistono diverse raccomandazioni che permetterebbero di conservarle più a lungo in frigorifero, ma la verità è che, una volta tagliate, iniziano a perdere proprietà.

Pertanto, se si dispone di un giardino o di vasi con piante aromatiche, l’ideale è tagliarli al momento del consumo. Se li conservi per poche ore (o fino a qualche giorno), fallo nel cassetto o cassetto per frutta e verdura del frigorifero una volta che sono stati lavati (per togliere sporco e liquidi dal taglio) e ben asciugati per togliete la maggior parte dell’acqua di lavaggio e mettetele in un sacchetto ermetico eliminando quanta più aria possibile.

Nel caso di quelli aromatici è possibile conservarli anche essiccati, soprattutto quelli che non sopportano bene gli sbalzi di temperatura o sono stagionali. Se sei interessato a sapere come fare, ti lascio il link al mio post Come Essiccare le Piante Aromatiche Step by Step .

Al contrario, le verdure dell’orto che non utilizzate subito ma che dovete raccogliere fino al punto di maturazione, potete conservarle in freezer una volta sbollentate (bollite o al vapore per pochi minuti e passate subito in acqua fredda -con ghiaccio- per fermare la cottura).

Approfitta di tutte le Verdure e Frutta di Stagione al loro miglior punto di maturazione e, quelle che non puoi consumare subito, conservale correttamente in congelatore per dopo, così da sfruttare tutti i loro benefici ed evitare sprechi alimentari .

Bibliografia consultata

  • “Conservazione di frutta e verdura”, Zunilda Ibañez. AEA Colonia Benítez “Dott. Augusto G. Schulz ”dell’Istituto nazionale di tecnologia agraria.
  • “Conservazione sicura di frutta e verdura fresca”, Peggy Van Laanen e Amanda Scott. Cooperative di Textas Extension.
  • “Conservazione di frutta e verdura fresca per preservare il loro gusto”, Divisione di agricoltura e risorse naturali dell’Università della California. 2012
  • “ABC di Frutta e Verdura”, Gruppo PM
  • “Conservazione delle verdure pronte all’uso mediante tecnologia a fattori combinati”, Andrea Marcela Piagentini. Universidad Nacional del Litoral, Facoltà di Ingegneria Chimica. 1999

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *