Suggerimenti

Come coltivare il tartufo

Attualmente il tartufo è considerato da molti nel mondo della gastronomia l’equivalente dei diamanti nel mondo della gioielleria. Questi pregiati funghi sono stati apprezzati da ogni tipo di cultura fin dai tempi dei filosofi greci e sono stati consumati per il loro sapore squisito e per i loro effetti rivitalizzanti e afrodisiaci. Tuttavia, questa pregiata prelibatezza non è sempre facile da trovare e, a seconda della zona, potrebbe non essere facile da coltivare.

Se vuoi saperne di più e sapere come coltivare i tartufi, continua a leggerci in questo articolo di EcologíaVerde in cui spieghiamo tutto su questo fungo molto apprezzato.

Cosa sono i tartufi e cosa è la tartufaia

I tartufi sono un intero genere di funghi, in particolare della famiglia delle Tuberaceae. Sono funghi che non possono sopravvivere da soli e hanno bisogno di associarsi alle radici degli alberi in una relazione simbiotica. Esistono circa 40 specie di tartufi, ma solo quattro di esse sono apprezzate e apprezzate come ingredienti da cucina. Questi sono il Tuber magnatum o tartufo bianco piemontese, il Tuber melanosporum o tartufo nero, il Tuber brumale o tartufo invernale e il Tuber aestivum o tartufo estivo.

Di tutti questi, il più comunemente coltivato nelle tartufaie e negli allevamenti è il tartufo nero, molto apprezzato in Francia e Spagna, anche se il più pregiato economicamente è il bianco, che può avere un prezzo di diverse migliaia di euro al chilogrammo. La tartufaia, dal canto suo, è proprio l’insieme delle tecniche e delle conoscenze che vengono applicate alla coltivazione o alla messa a dimora del tartufo, trattandosi di una coltura altamente specializzata.

Come coltivare i tartufi – consigli di base

La coltivazione del tartufo richiede molte cure ed esigenze:

  • Pianta ospite: le più diffuse sono il leccio, la quercia, il nocciolo e la quercia di Kermes.
  • Clima: inverni ed estati marcati, senza precipitazioni eccessive.
  • Terreno: con ottimo drenaggio e, se possibile, in pendenza. Il pH dovrebbe essere compreso tra 7,5 e 8,5.

Come scegliere una pianta ospite per il tartufo

Essendo il fungo micorrizico che è, il tartufo ha bisogno di essere associato alle radici di alcuni alberi per svilupparsi. Scopri di più su cosa sono le micorrize e i loro tipi in questo altro post di EcologíaVerde.

Scegliere un albero per tartufi adatto alle nostre circostanze è fondamentale per ottenere un buon raccolto e non è molto complicato. Come accennato in precedenza, le specie più utilizzate sono il leccio, la quercia, il nocciolo e la quercia di Kermes. Tra tutti, il leccio è di gran lunga il più diffuso, poiché essendo un albero a crescita lenta, la pianta si sviluppa alla stessa velocità del fungo del tartufo nero, il più comune da coltivare. In passato le nocciole erano molto utilizzate, ma sono progressivamente cadute in disuso.

Clima per coltivare tartufi

Il tartufo nero cresce meglio in un clima di tipo mediterraneo o simile. Sono necessarie estati calde, nonché inverni marcati ma non estremi, senza gelate in autunno e con inverni senza lunghi periodi inferiori a -10 ºC. È anche importante che la primavera abbia una buona quantità di pioggia. Infatti i tartufi naturali hanno solitamente una piovosità compresa tra 425 e 900 mm.

I tartufi aumentano di pezzatura in estate, quindi questo periodo è fondamentale per il loro corretto sviluppo. Allo stesso modo, il freddo intenso di inizio autunno o le piogge eccessivamente abbondanti che rendono il terreno impregnato d’acqua possono essere particolarmente dannosi.

Terreno per coltivare tartufi

Le tartufaie presentano una grande varietà di terreni in cui possono essere sviluppate, ma tutte condividono alcuni punti generali. Queste sono le caratteristiche dei terreni per la coltivazione del tartufo:

  • Il drenaggio è fondamentale nei tartufi. Senza un buon drenaggio, il terreno si creerà a causa dell’irrigazione o della pioggia e i funghi non cresceranno, poiché hanno bisogno di umidità ma non di pozzanghere.
  • Anche alcune irregolarità aiuteranno. Ciò fa sì che l’acqua fornita dall’irrigazione o dalla pioggia inumidisca lo strato superiore di terra senza mai allagarlo, poiché la maggior parte di essa continua lungo il pendio.
  • Il pH deve essere compreso tra 7,5 e 8,5, a seconda della varietà di tartufo che si vuole coltivare.
  • È importante che il terreno abbia carbonati.

Come preparare il terreno per coltivare i tartufi

Una volta confermato che il nostro clima e terreno sono adatti alla coltivazione di questo fungo, possiamo procedere alla preparazione del terreno per la coltivazione del tartufo:

  1. Tra 2 e 6 mesi prima di piantare gli alberi micorrizici, la prima cosa da fare è arare o asportare il terreno ad una certa profondità per rompere lo strato superiore del terreno, lasciandolo più aerato, sciolto e migliorandone il drenaggio.
  2. Se stai piantando in un piccolo spazio e ti imbatti in grandi pietre, prova a rimuoverle o, se possibile, tagliale per renderle più piccole. Tieni presente che se raccogli con un cane, che è una pratica comune, puoi danneggiare le gambe con pietre aguzze durante lo scavo.
  3. Quindi, pianta gli alberi micorrizici. La tecnica di impianto sarà quella abituale per la specie ospite in questione. Qui puoi imparare in modo generico come piantare un albero passo dopo passo. Innaffia e prenditi cura degli alberi durante i primi anni, quando sono più vulnerabili.
  4. Dalla seconda stagione è necessario scavare un perimetro attorno a ciascun albero e riempirlo di ghiaia per evitare funghi dannosi.
  5. Dal quinto anno in poi aggiungere spore di tartufo intorno alle radici per emulare l’azione degli animali selvatici. Se ti trovi in ​​un ambiente naturale, proteggi i tuoi tartufi da cinghiali o altri predatori, che possono localizzarli a grande distanza.

Come trovare i tartufi per raccoglierli

L’essere umano non riesce a percepire l’odore del tartufo sepolto, ma questo non è il caso di molti animali. Per questo molte volte sono quelli utilizzati per permetterci di localizzarli e raccoglierli. Se ti chiedi come trovare i tartufi per raccoglierli, questi sono gli animali che possono aiutarci di più:

  • I cani addestrati sono un’ottima opzione e la loro elevata intelligenza rende facile insegnare loro a localizzarli.
  • I maiali sono stati tradizionalmente usati anche per questo, ma non possono essere istruiti così facilmente come i cani e cercano il tartufo per mangiare da soli, quindi diventa necessario mettergli la museruola per impedirlo. Per questo motivo è più consigliabile insegnare a un cane, poiché non sarà necessario mettergli la museruola.
  • C’è anche chi usa la Suilla gigantea, un tipo di mosca che depone le uova sui tartufi, ma localizzarli in questo modo è una procedura molto più complicata.

La stagione del raccolto sarà generalmente tra dicembre e l’inizio di marzo.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come coltivare i tartufi, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.