Suggerimenti

La coltivazione e la semina dei semi di soia: [Guida completa passo passo]

Sapevi che la soia è il legume più utilizzato al mondo per nutrire il bestiame? Inoltre, la percentuale di proteine che possiede è davvero elevata.  È stato scoperto circa 3000 anni fa in Cina. In questo articolo ti rispondiamo le domande più comuni su questa pianta e la sua coltivazione. 

Punti importanti quando si piantano i semi di soia:
  • Quando? In Europa si coltiva tra giugno e luglio, in estate , a temperature di 20ºC e 30ºC, anche se nell’emisfero sud va da settembre a gennaio.
  • Dove? In terreni neutri o acidi e con un pH di 6 si ottengono rese elevate.
  • Esigere cure? Bisogna fare attenzione con i parassiti che attaccano le colture, che sono funghi, vermi e larve.
  • Come preparare il terreno? Il terreno adatto è quello non sabbioso, fino a raggiungere la pozzanghera o l’argilla; i terreni ideali sono quelli neutri, preparati con solchi di 40 cm.
  • Come innaffiamo? I semi di soia hanno bisogno di molta acqua per germogliare.
  • Quando viene raccolto? Con il cambio di colore dei baccelli.
  • Associazioni favorevoli? Mais , fagioli , riso , ceci e fagioli di Lima
  • Associazioni sfavorevoli? Spinaci , erba medica , chochos e piselli.
  • Piaghe e malattie? Vermi , larve e funghi.
Altri legumi:
  • erba medica
  • Arachidi
  • Garbanzo
  • Fagioli
  • Piselli verdi. 
  • Fagioli .
  • lenticchie

Quando piantare la soia?

Il periodo ideale per piantare la soia in Spagna va da maggio a luglio, poiché è in estate quando le condizioni del terreno sono ottimali per piantare questo legume.

Questo, perché la soia  necessita di condizioni climatiche calde e umide, con temperature comprese tra 20º e 30º Celsius , ma può resistere a gelate comprese tra –2 o -4°C. Nell’emisfero australe, invece, i mesi ideali sono quelli che vanno da settembre a gennaio. Lì, la semina di dicembre è conosciuta come semina di soia di secondo dattero. L’obiettivo di questo tipo di impianto è l’opportunità di ottenere due raccolti nello stesso campo in un solo anno.

Dove piantare i semi di soia?

In generale la soia è una coltura che viene utilizzata come alternativa in terreni scarsamente fertilizzati e non adatti ad altre colture. Si svolge in suoli neutri o acidi e con un PH di 6 si ottengono rese elevate. Si sconsiglia di coltivare su suoli tendenzialmente impregnati d’acqua o argillosi. Se il terreno è pianeggiante, deve essere ben livellato in modo che l’ acqua non ristagni nelle tribune. Che cosa è una pianta che richiede molta acqua, su suoli sabbiosi va annaffiata frequentemente. La soia è resistente alla salinità.

Come prepariamo il terreno per la coltivazione della soia?

Il terreno va scelto correttamente, questo è fondamentale, perché deve essere un terreno senza erbacce, senza erosioni, per mantenere un equilibrio tra la quantità di nutrienti e il PH, perché così la soia sarà più sana e di conseguenza potremo per raccoglierlo meglio.

I semi di soia hanno bisogno di un terreno con molti nutrienti per avere un corretto sviluppo. Se il terreno prescelto ha un eccesso di nutrienti o, al contrario, se è molto povero, i semi di soia non avranno un buon sviluppo. Nel caso in cui il terreno sia affamato di sostanze nutritive, è necessario l’uso di fertilizzanti. Puoi usare compost , humus o letame .

Come innaffiamo?

I semi di soia hanno bisogno di una grande quantità di umidità per la germinazione. Si stima che per le colture di soia piantate in buone condizioni per ottenere i massimi rendimenti, necessitino una porzione di acqua di 500 mm. In estate il produttore deve essere più vigile , perché le alte temperature , accompagnate da un’eccessiva mancanza di precipitazioni , possono influenzare le colture.

Una volta che i semi sono germinati, i semi di soia sono resistenti alla siccità. Si dovrebbe cercare di mantenere l’umidità, ma senza allagare le radici e il loro conseguente marciume. Per questo a Sembrar100 consigliamo l’irrigazione a goccia . In estate più spesso (ogni due giorni), e in inverno molto più distanziato e dipendente dalle precipitazioni.

Quindi la quantità di acqua dipende dallo stato o momento fenologico del processo di sviluppo in cui si trova la coltura. In questo senso, si consiglia di disporre di un’irrigazione complementare strategica , perché può essere essenziale in un buon raccolto.

Come seminare la soia passo dopo passo?

  1. I semi dovrebbero essere posti nel terreno a circa quattro centimetri (4 cm) di profondità, con le piante a circa sette centimetri (7 cm) di distanza. I semi verranno posti in fila, i solchi dovrebbero essere di 40 o 50 cm.
  2. Una volta seminati, i semi vanno solo annaffiati nel terreno in modo che rimanga umido, perché se si annaffia con troppa acqua, i semi potrebbero rompersi.
  3. L’agricoltore deve stabilire le condizioni per la semina al fine di ottimizzare il raccolto, quindi deve stabilire un’adeguata distanza tra i filari e densità di popolazione delle piante.
  4. Se la popolazione è molto alta, le piante competono tra loro, ma se è troppo bassa, il produttore perderebbe prestazioni.
  5. Pertanto, per stabilire la distanza tra i filari, si deve considerare il portamento di crescita, la precocità della pianta, la disponibilità di acqua e dei nutrienti.

Raccolta e raccolta dei semi di soia

Inizieremo a raccogliere i semi di soia quando  i baccelli di questo legume cambiano colore.   Specifica,  cambieranno dal verde brunastro al verde scuro. In questo momento li raccoglieremo. È conveniente essere attenti a questo momento perché si verifica in breve tempo. I baccelli inferiori iniziano a cambiare colore ea poco a poco cambiano quelli superiori. La raccolta può essere effettuata con una macchina specializzata nella raccolta di colture, come grano o mais .

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture diverse nello stesso terreno può comportare un miglioramento nell’utilizzo dei nutrienti provenienti dal suolo, dalla luce solare e dall’aria ambiente, una minore comparsa di parassiti e, di conseguenza, una maggiore salute delle piante.
Associazioni NON favorevoli:
Pertanto, la corretta associazione deve essere scelta per la nostra pianta in crescita, per prevenire i virus; Ad esempio, alcune piante come spinaci, erba medica, fagioli di Lima, lupini e piselli sono portatrici di molti virus, quindi bisogna fare attenzione con loro.

Nel caso della soia, Emerson Morais, esperto brasiliano (il paese che produce la maggior quantità di soia al mondo),  considera che mais e riso integrano la soia e rafforzano la pratica della rotazione delle colture . Altre colture che hanno associazioni favorevoli con la soia sono fagioli, ceci e fagioli di Lima.

Quali parassiti e malattie ha?

La coltura della soia viene attaccata durante tutto il suo ciclo vegetativo da parassiti che si manifestano in diverse fasi. Ma non tutti gli insetti considerati parassiti provocano danni significativi dal punto di vista economico. Pertanto, l’uso di insetticidi deve essere finalizzato alla riduzione dei principali parassiti e deve essere applicato al momento giusto.  Vermi, larve e funghi attaccano i campi di soia. Può essere attaccato da un’invasione di erbe infestanti che competono con la soia per acqua, luce e nutrienti, causando difficoltà per la raccolta meccanica del grano.  

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.