Piante

Tutto quello che c’è da sapere sulla pesca

Il pesco è di origine cinese, dove è stato chiamato “l’albero della vita” , perché proviene dalle regioni montuose del nord di questo paese. È stato quindi esportato in altre regioni, attraverso il Giappone e l’Afghanistan. Esistono numerose varietà che si differenziano per la consistenza della polpa e della buccia.

Caratteristiche del pesco

Il pesco è un albero a foglia caduca che può crescere fino a 6 m di altezza , con corteccia liscia che si frantuma in foglie verdi. Le foglie sono semplici, lanceolate, a lungo accumulate e con un margine seghettato. I fiori sono di solito solitari, a volte in coppia, quasi seduti, da rosa a rosso e di 2-3,5 cm di diametro.

La pesca è un frutto molto deperibile, per questo motivo viene solitamente conservata in sciroppo, marmellata, marmellata, liquore o secca. Ci sono molte varietà di frutta di pesca. Tra questi ci sono :

  • Nettarina (Prunus persica nucipersica)
  • Pescatore (Prunus persica)
  • Paraguaiani (Prunus persica platycarpa)

Le esigenze della cultura

I fattori climatici che influenzano gli alberi di pesco sono la temperatura. Il minimo dannoso per le gemme è tra i 15˚C sotto zero. Inoltre, richiedono un intenso periodo invernale chiamato “ore fredde”.

È sensibile all’asfissia delle radici, quindi evita i ristagni d’acqua e fa in modo che la profondità del terreno non sia inferiore a 1,5 m.

Richiede luce sui frutti, perché se il tronco e i rami sono troppo esposti, potrebbero soffrire di colpi di sole.

Le diverse varietà permettono di utilizzare qualsiasi tipo di terreno. Ma l’ideale è un terreno fresco, profondo e sabbioso. Anche se va considerato che è sensibile al calcare attivo.

Il pesco viene moltiplicato innestando le gemme sul portainnesto. A questo scopo vengono utilizzati diversi portainnesti che permettono di coltivare diversi tipi di terreno. I portinnesti principali sono i franchi, in quanto producono frutta di buona qualità.

Questi frutti sono sensibili alla clorosi e all’asfissia delle radici, che potrebbero danneggiare gravemente l’albero da frutto.

Per quanto riguarda la vita, i vasi di addestramento sono più o meno modificati e vengono utilizzati anche la palmetta, l’asse centrale e la colonna vertebrale.

Il frutto viene diradato manualmente per ottenere frutti più densi. Ed è meglio farlo un mese dopo la fioritura. I migliori vengono selezionati e i doppi vengono eliminati.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *