Piante

Peri asiatici, Nashis.

Peri asiatici. Nashis. Incontrateli.

Sono mele o pere? Neanche le pere asiatiche, conosciute anche come Nashis. Come le mele, maturano sull’albero e hanno una consistenza croccante e soda, ma la loro polpa bianca e succosa ha il sapore e l’aroma della pera. Dalla loro introduzione in Europa più di un secolo fa, questi frutti, principalmente discendenti di due specie di pere asiatiche, Pyrus pyrifolia e Pyrus ussuriensis, sono stati comunemente conosciuti come pere asiatiche o Nashis (pere giapponesi).

Le pere asiatiche sono deliziosamente dolci e poco acide, e ogni varietà ha un bouquet unico. In Cina, Giappone e Corea vengono coltivate migliaia di varietà diverse, qui in Spagna solo poche varietà sono disponibili in commercio. Alcuni, come “Yoinashi”, sono dolci come il caramello, mentre altri, come “Seuri”, hanno la sottigliezza dell’albicocca. Alcuni sono speziati, come “Shin Li”, che ha un pizzico di cannella.

Il frutto può essere liscio e dalla buccia sottile, in colori che vanno dal giallo chiaro di luna e verde giallastro al caramello, oppure può essere di tonalità più scure.

A causa della crescente popolarità delle pere asiatiche, sono più che mai disponibili varietà per i produttori locali. E questa è una buona notizia, perché le pere asiatiche disponibili in commercio vengono spesso raccolte prima della maturazione. A differenza delle pere europee, le pere asiatiche devono essere completamente mature per ottenere il massimo del sapore e della dolcezza. Una volta raccolto, il frutto non è più maturo.

Considerazioni

Mentre il sapore della frutta è un fattore importante nella selezione delle varietà, anche la resistenza alle malattie e la resistenza alle malattie, che sono in gran parte determinate dal portainnesto, dovrebbero essere considerate. In generale, le pere asiatiche si comportano bene negli stessi luoghi delle pere europee. Sono molto resistenti al freddo, come le pere domestiche. Il fabbisogno di ore fredde varia da 300 a 600 ore (per una corretta produzione e crescita degli alberi è necessario un numero minimo di ore con temperature inferiori a 7°C. ma comunque al di sopra dello zero). Hosui”, “Shinseiki” e “Novecento” sono meno sensibili al freddo e si adattano meglio alle regioni più calde.

Anche se la maggior parte delle pere asiatiche sono parzialmente autofertili, produrranno più frutta e più grandi attraverso l’impollinazione incrociata. Piantare più di una varietà o, se lo spazio è limitato, scegliere un albero che includa diverse varietà innestate. Anche se è la pera europea, il “Bartlett” è un buon impollinatore.

Prima di prendere una decisione su una varietà, si dovrebbe considerare la sua suscettibilità alle malattie batteriche influenzate principalmente dal clima e prevalenti nelle zone con sorgenti umide ed estati umide.

Il sapore varia a seconda del clima (il calore dell’estate aiuta ad ammorbidire il sapore) e del momento della raccolta. Anche le condizioni dell’acqua e del suolo possono influenzare il gusto. Molti coltivatori concordano sul fatto che l’aggiunta di minerali, come la farina di roccia, al terreno conferisce al frutto un sapore migliore.

Analizzare le varietà.

Per aiutarvi ad iniziare, ecco un riassunto delle varietà popolari; tutte, tranne il “Chojuro”, sono ben adattate ai giardini di proprietà. Tutti producono frutta tonda e sono varietà giapponesi, salvo diversa indicazione. Le date di maturazione sono indicate per la regione della Valle dell’Ebro e sono sempre approssimative.

Nashi Hosui

“Hosui”, un grande frutto da rosa a giallo a rosa, con tenera polpa bianca dolce, vince molte indagini di gusto. Il suo gusto ricco, l’aroma di brandy e la bassa acidità sono le ragioni della sua popolarità. Il frutto matura a metà settembre e dura fino a due mesi. Sensibile al fuoco batterico e al cancro batterico.

“Kikusui” ha una delicata buccia giallo-verde e una deliziosa polpa di torta bianca dolce, croccante e succosa. Gli alberi altamente produttivi producono frutti di medie dimensioni. Il frutto matura da inizio a metà settembre e si conserva molto bene fino a cinque mesi. Molto sensibile alla nebbia di peri e meli.

Il “Grande coreano” produce frutti enormi (fino a una libbra) con buccia di bronzo e polpa bianca, dolce e succosa, con un insolito sapore di terra. Il frutto, apprezzato sia per le dimensioni che per il gusto, è venduto anche con i nomi “Dan Beh”, “Korean Giant” e “Olympic”. Il frutto matura tardi, a metà ottobre, e dura fino a cinque mesi. Ottima resistenza all’appannamento di pere e mele.

Il “Seuri” ha una buccia di colore arancione scuro e una deliziosa polpa bianca, fresca e fine, con sentori di albicocca. I frutti di questa varietà cinese sono grandi, rotondi e dolci. Si tratta di una varietà a fioritura precoce, leggermente fresca, che dovrebbe essere impollinata da “Ya Li”, un altro pero a fioritura precoce. Il frutto matura da fine settembre a inizio ottobre e dura circa un mese. Gli alberi sono suscettibili all’attacco batterico di pere e mele con sfumature rossastre e una meravigliosa polpa bianco-giallastra, ricca di sapore e sottilmente fruttata. Il sapore del frutto è eccellente, soprattutto nei climi caldi. Questa varietà è molto produttiva e richiede un forte diradamento per produrre frutti di grandi dimensioni. Il frutto matura da fine settembre a inizio ottobre e dura dai due ai tre mesi. Ottima resistenza alle malattie batteriche.

Nashi Shinko

Lo “Shin Li” ha una pelle verde giallastra moderatamente liscia con macchie rossastre. La soda polpa bianca è estremamente saporita e ha un aroma dolce e speziato di cannella. Gli alberi altamente produttivi producono grandi frutti sotto forma di sfere leggermente appiattite. Il frutto matura da inizio a metà ottobre e dura dai tre ai quattro mesi. Molto sensibile alla nebbia di peri e meli.

Lo “Shinseiki” ha una buccia liscia, di colore giallo chiaro, e una succosa polpa bianca, delicatamente dolce e soda. Il frutto medio-grande, leggermente aromatico, viene venduto anche come “New Century”. Il frutto matura a fine agosto e vi rimane da tre a cinque mesi. Moderata resistenza alla nebbia di pera e mela.

Nashi Nijisseiki

Il “Novecento” , noto anche come “Nijisseiki”, ha una pelle sottile e lucida di colore giallo-verde e una succosa e croccante polpa bianca. Il frutto, leggermente aromatico e molto dolce con un tocco di acidità, è la varietà più coltivata al mondo. È vigorosa e produce frutti di medie dimensioni in modo affidabile. Il frutto matura a fine agosto e vi rimane da tre a cinque mesi. Sensibile alla nebbia del fuoco.

“Ya Li” è una varietà di pera cinese popolare con buccia verde tenera e polpa leggermente acida. Questa varietà a fioritura precoce richiede un altro fiore precoce (come il “Seuri”) per l’impollinazione. Gli alberi sono vigorosi, produttivi e resistenti. Il frutto matura all’inizio di settembre e dura fino a cinque mesi. Moderatamente sensibile alla nebbia di pere e mele.

Lo “Yoinashi” è una varietà con buccia dorata, polpa bianca e succosa e frutti medio-grandi. Il frutto matura da metà a fine settembre e dura fino a tre mesi. Gli alberi sembrano essere resistenti all’afta batterica, ma sono molto sensibili alla nebbia su pere e mele.

Portainnesti in pere asiatiche

Il portainnesto gioca un ruolo chiave nella produttività, nella longevità e nella forza del pero. L’incompatibilità tra portainnesto e varietà può portare a una crescita scarsa e a una riduzione dei raccolti. Il pirus betulifolia è il più utilizzato perché è durevole, versatile, vigoroso e tende a produrre colture abbondanti e frutti di grandi dimensioni, ed è resistente alle malattie batteriche. Tuttavia, è meno tollerante dei terreni alcalini e del freddo estremo.

Nelle zone con inverni freddi, scegliete P. ussuriensis, che è meno vigoroso ma può resistere al freddo intenso. Nella nostra regione, l’opzione migliore è P. calleryana, che è resistente al fuoco batterico, al fungo della radice di quercia e al marciume della corona, ma potrebbe darci frutti leggermente più piccoli

.

Piantumazione e cura

Il tardo inverno o l’inizio della primavera è il momento migliore per piantare alberi a radice nuda. Scegliete un sito in pieno sole e in un terreno ben drenato, idealmente con un pH compreso tra 6 e 6,5. Alla maturità, l’albero sarà alto circa 4-5 metri.

Il fabbisogno idrico varia a seconda delle condizioni del suolo e del clima, ma in tutti i casi gli alberi hanno bisogno di un’adeguata irrigazione per produrre frutti di buone dimensioni. In molte zone le precipitazioni estive sono sufficienti per gli alberi maturi, ma i giovani alberi hanno bisogno di un’irrigazione profonda una volta alla settimana. Gli alberi di 5 anni e più possono sopravvivere con innaffiature meno frequenti.

Non utilizzare eccessivamente fertilizzanti azotati. Ciò può comportare una riduzione del sapore di frutta, una minore sensibilità alle malattie batteriche nei giovani alberi e danni invernali dovuti alla crescita tenera.

Potatura e diradamento

Gli alberi producono generalmente frutti nel secondo o terzo anno dopo l’impianto. I frutti si presentano in gruppi, su rami nodosi di 10-12 cm su rami di 2-6 anni. Subito dopo l’impollinazione, gli alberi stabiliranno molti gruppi di frutti, a volte con cinque o otto frutti. La potatura e il diradamento sono essenziali per ottenere frutti più grandi e saporiti, ridurre i danni degli insetti (due frutti che toccano forniscono un’eccellente zona di deposizione delle uova per la coccolatura delle tarme) ed evitare che i rami si spezzino.

I peri asiatici possono essere potati con uno dei tre metodi seguenti: centro aperto (taglio), guida centrale modificata o traliccio. Potare leggermente nei primi anni, quel tanto che basta per formare l’albero. Potare più duramente quando gli alberi sono dormienti, ma dopo che il pericolo di gelate dure è passato. Rimuovere sempre i rami morti, rotti, malati o incrociati. Rimuovere tutti i germogli dai portainnesti o dai rami bassi e pizzicare gli steli principali per mantenere l’altezza gestibile. Alcuni coltivatori tolgono la testa a 3 metri; altri, che non esitano ad usare una scala, la limitano a 4 metri.

Malattie e parassiti

Diverse malattie batteriche possono colpire le pere asiatiche. I due più comuni sono il fuoco batterico (Erwinia amylovora) e il canker (Pseudomonas syringae). Le malattie sono simili e sono facili da individuare: il ramo o il ramoscello infetto sarà bruciato dalle foglie bruciate che rimangono attaccate.

Se vivete in una zona a rischio di malattia, selezionate le varietà resistenti. Si noti, tuttavia, che la resistenza alle malattie varia a seconda della regione, delle condizioni del suolo e del clima. Se il vostro albero è affetto, potare i rami infetti ad una profondità da 12 a 15 pollici sotto l’infezione e sterilizzare gli strumenti con alcool o candeggina tra un taglio e l’altro.

Un trattamento con olio invernale ucciderà molti insetti svernanti e anche alcune malattie, ma la falena codificante (Carpocapsa pomonella) ha bisogno di un miglior controllo.

Raccolta di pere asiatiche, Nashis.

Aspettate a raccogliere i frutti fino a quando il colore di fondo non cambia, ma il frutto è sodo, poi iniziate ad assaggiarlo per ottenere il massimo del sapore. Se il frutto viene raccolto troppo presto, gli zuccheri non si sviluppano completamente. Non aspettate però che il frutto sia morbido, altrimenti sarà troppo maturo e soffice. Non togliere mai i frutti dall’albero; aspettate che si alzi senza sforzo. Le bucce sensibili si ammaccano con altrettanta facilità, quindi maneggiate la frutta con delicatezza.

Le pere asiatiche possono essere conservate fino a due settimane a temperatura ambiente e molte varietà conservano la loro qualità fino a cinque mesi in un ambiente fresco e umido (circa 5°C). La frutta si congela e si asciuga, così come l’uva passa.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *