Suggerimenti

Pianta di Echeveria: cura

La pianta di echeveria, detta anche rosa d’alabastro, è in realtà un intero genere di piante succulente che fa parte della famiglia delle Crassulaceae. Quando però si parla di rosa d’alabastro o di pianta di echeveria, ci si riferisce solitamente all’Echeveria elegans, la più diffusa in giardinaggio sia per la sua bellezza che per la sua grande resistenza.

Se vuoi imparare qual è la cura della pianta di echeveria per averla a casa, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui troverai una guida molto pratica.

Caratteristiche della pianta e dei tipi di echeveria

Le caratteristiche principali della pianta di echeveria sono le seguenti:

  • È un genere di piante grasse, originario del Messico e del Brasile, con circa 400 specie.
  • Molto resistente alle condizioni di siccità.
  • Resiste molto bene anche a grandi variazioni termiche.
  • Le sue succulente foglie blu-verdi formano una rosetta di circa 8 cm di diametro, da cui prende il soprannome di rosa d’alabastro.
  • I suoi steli raggiungono altezze fino a 20 cm.
  • Produce fiori rosa o giallastri, dall’inverno alla primavera.

Alcuni dei principali tipi di pianta di echeveria sono:

  • Echeveria elegans
  • echeveria pilosa
  • echeveria glauca
  • Echeveria plvinata
  • Echeveria agavoides
  • Echeveria gibbiflora
  • Echeveria runyonii

La pianta di echeveria è una delle piante che può cambiare colore facilmente. Qui puoi scoprire come coltivare piante grasse colorate.

Pianta di Echeveria: cura – guida pratica

In breve, possiamo indicare che queste sono le principali cure della pianta di echeveria:

  • Luce: l’ideale è un luogo molto luminoso con qualche ora di luce soffusa diretta.
  • Ubicazione: possono essere collocati all’interno, ma l’ideale è all’aperto.
  • Clima: sopportano facilmente temperature fino a 27ºC e gelate miti.
  • Irrigazione: solo quando il supporto si asciuga, per immersione.
  • Substrato: specifico per succulente, con ottimo drenaggio.

luce e posizione

Le echeverie sono una pianta che necessita di essere in uno spazio con molta luce, ma potrebbero non tollerare l’esposizione diretta al sole in climi molto caldi o con luce ad alta intensità.

Per questo motivo è meglio collocarli all’aperto, in una zona con grande illuminazione e dove ricevano alcune ore di luce diretta, sia al mattino presto che al pomeriggio, al di fuori delle ore di maggiore insolazione a mezzogiorno. In giardino sono molto comunemente usati per riempire spazi complicati per altre piante, con poco terriccio o in zone rocciose. All’interno, è meglio posizionarli in una stanza molto ben illuminata, preferibilmente vicino a una finestra o a una fonte di luce che fornisca alcune ore di luce solare mite.

Tempo metereologico

In linea di principio, l’echeveria è una pianta a clima temperato. Ciò significa che l’ideale è che la temperatura rimanga tra i 21ºC ei 27ºC nei mesi caldi e non scenda molto al di sotto dei 15ºC in inverno, almeno per molto tempo. Occasionalmente, può resistere a temperature più elevate (anche se le sue foglie possono bruciare se ricevono troppo sole) o temperature molto più basse, anche gelate miti. Questi non saranno fatali o eccessivamente dannosi finché sono fugaci, ma esposizioni prolungate possono causare molti danni all’echeveria.

Irrigazione della pianta di echeveria

Come praticamente con tutte le piante grasse, l’eccesso di acqua può diventare una delle sue principali minacce. La procedura usuale è annaffiare una volta che lo strato superficiale del supporto è completamente asciutto. L’eccesso di acqua può far marcire le radici della tua pianta, causando la morte o danni ingenti. Una pratica molto comune in questo tipo di piante è l’irrigazione per immersione, cioè mettendo l’intero vaso in acqua per qualche minuto, in modo che la pianta prenda l’acqua di cui ha bisogno e il resto venga filtrato senza ulteriori indugi.

Inoltre, vi consigliamo di leggere questo altro post su Quando innaffiare le piante.

Substrato per la pianta succulenta echeveria

È fondamentale che il substrato di echeveria offra un ottimo drenaggio, soprattutto se lo innaffiamo per immersione, cosa altamente raccomandata. Usa un mix di piante succulente e aggiungi la perlite, oppure crea il tuo mix con sabbia e perlite. All’esterno, posizionarlo dove non si accumula l’acqua piovana, evitando sempre le pozzanghere.

Qui spieghiamo come realizzare un substrato per cactus e piante grasse.

Trapianto e manutenzione

Come la maggior parte delle piante, l’echeveria avrà bisogno di un trapianto occasionale. Un buon segno che questo momento è arrivato è quando le radici della pianta compaiono attraverso i fori del vaso per il drenaggio. Spieghiamo di più su quando e come trapiantare le piante grasse in questo altro articolo come guida pratica.

Per quanto riguarda la manutenzione, l’Echeveria non necessita di potature o cure particolari, poiché, come abbiamo detto, è una pianta abbastanza resistente. Assicurati semplicemente che i fori di drenaggio nella pentola non si ostruiscano in modo da poter rimuovere l’acqua in eccesso senza problemi e fai attenzione se le parti secche o malate sembrano rimuoverle immediatamente.

Per finire, puoi dare un’occhiata a questo altro post di EcologíaVerde in cui spieghiamo qualcosa in più sulla coltivazione di piante succulente o succulente e, inoltre, guarda questo video riepilogativo dal nostro canale YouTube sulla cura delle echeverie.

Se desideri leggere altri articoli simili a Echeveria plant: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.