Suggerimenti

Pianta di Dieffenbachia: cura

È molto probabile che tu abbia visto dieffenbachias più di una volta in qualsiasi casa come pianta d’appartamento. Queste piante tropicali sono molto apprezzate in quanto si adattano bene all’ombra e le loro foglie vistose hanno un grande valore decorativo.

Se vuoi saperne di più sulla pianta di dieffenbachia e sulla sua cura, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde, in cui puoi anche vedere alcune foto della pianta di dieffenbachia in modo da poter apprezzare i motivi per cui viene così spesso scelta come pianta da interno.

Cos’è la pianta di dieffenbachia: caratteristiche

Dieffenbachia sono un intero genere di piante della famiglia delle Araceae composto da quasi 30 specie diverse. Di tutte, solo alcune sono comunemente utilizzate come piante da interno, tra le quali spicca Dieffenbachia bowmanii. Sono originari dell’America centrale e meridionale e prendono il nome dal medico tedesco Ernst Dieffenbach.

Sono piante che possono raggiungere altezze di 20 metri, anche se altre non superano i 3 metri. Le sue foglie sono ovali o lanceolate, di un bel colore verde scuro con macchie chiare al centro.

A parte bowmanii, alcune delle specie conosciute di dieffenbachia sono le seguenti:

  • Dieffenbachia seguine.
  • Dieffenbachia amoena.
  • Barella Dieffenbachia.
  • Dieffenbachia maculata.

Pianta di Dieffenbachia: cura

Queste piante tropicali sono molto resistenti agli ambienti chiusi, da qui la loro popolarità come piante d’appartamento. Tuttavia, nonostante siano specie forti e adatte ai principianti, vale la pena rivedere le cure di base della pianta di dieffenbachia:

Luce e temperatura per dieffenbachia

Per quanto riguarda la luce, la dieffenbachia può tollerare di stare all’ombra, anche se è consigliabile posizionarla in ambienti luminosi. Se è esposto alla luce solare diretta, perderà le foglie inferiori, quindi è normale trovarlo in una zona semi-ombreggiata.

Inoltre, questa pianta non tollera bene gli sbalzi termici, motivo in più per cui tende a essere coltivata indoor, dove la temperatura di casa è più simile durante tutto l’anno. Anche le bozze non servono a niente.

Substrato

Con il substrato, la cosa più importante è che offra un buon drenaggio. I substrati contenenti cocco tendono ad offrire ottime qualità a questo riguardo e anche un letto di ghiaia o argilla espansa sul fondo del vaso potrebbe aiutare. Ovviamente è anche necessario che il vaso abbia dei fori di drenaggio.

Irrigazione dieffenbachia

Quando si tratta di annaffiare, trattandosi di una pianta tropicale, ha bisogno che il substrato rimanga umido, anche se sempre senza allagamenti, che danneggerebbero le sue radici. Questa pianta non tollera molto bene l’acqua molto dura, quindi se usi l’acqua del rubinetto, puoi ammorbidirla facendola bollire e lasciandola riposare, o semplicemente esponendola al sole diretto per un po’.

Passaggio

La pianta apprezza le dosi di concime ogni 15 giorni nei mesi caldi e, invece, paga al massimo una volta al mese nei mesi freddi. In questo altro post di EcologíaVerde ti diciamo come preparare un fertilizzante organico per piante fatto in casa.

Pulizia delle foglie di dieffenbachia

Inoltre, è importante pulire le foglie con un panno umido una volta ogni due settimane per liberarle dalla polvere accumulata. Ricorda che è sempre meglio pulire le foglie con i guanti. In questo altro articolo spieghiamo diversi trucchi per imparare a pulire le foglie delle piante in modo che brillino e siano sane.

La pianta di dieffenbachia è velenosa?

Le voci sulla tossicità della dieffenbachia affermano che è altamente mortale per le persone e gli animali domestici. Sebbene sia vero che si tratta di una pianta tossica, il suo grado di pericolosità è ben lontano da quello che alcuni le attribuiscono, e sebbene possa causare qualche disagio o sintomo, non è una pianta mortale, se non in casi molto rari ed estremi in cui è consumato in grande quantità o ha sofferto di una precedente grave condizione di salute.

La prima cosa da tenere a mente è che, ovviamente, le foglie della pianta non vanno mangiate. Se fatto per errore, potrebbe causare raucedine e infiammazione, bruciore e altri disturbi digestivi, portando a nausea, vomito o diarrea nei casi più gravi. Inoltre possono verificarsi dolore o danni agli occhi, quindi dovresti anche evitare di toccarti gli occhi dopo aver toccato le foglie della pianta, che sono quelle che contengono i cristalli del composto tossico. Allo stesso modo è preferibile maneggiarlo con i guanti, soprattutto se il contatto ci provoca qualche tipo di fastidio sulla pelle.

Tenendo conto di tutto ciò, la pianta è pericolosa solo per i bambini piccoli e gli animali domestici, che potrebbero ingerirla per errore, quindi se qualcuno di loro è in casa, è consigliabile tenere la dieffenbachia fuori dalla loro portata.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pianta di Dieffenbachia: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.