Suggerimenti

Malattie e parassiti dell’olivo: rimedi ecologici

Ciao Agroguerters, qualche settimana fa abbiamo parlato di come mettere un ulivo nel tuo giardino . Come già saprai, per coltivare qualsiasi pianta è necessario conoscere i parassiti e le malattie che più comunemente le colpiscono. In questo caso vedremo le malattie e i parassiti negli ulivi e alcuni rimedi ecologici per combatterli.

Successivamente vedremo come combattere i parassiti e le malattie più comuni dell’olivo in modo ecologico :

Mosca dell’olivo: Bractocera oleae

Il danno a prima vista è causato nelle olive dove possiamo vedere aree scure. All’interno dell’olivo sono presenti delle gallerie formate dalle larve, ei frutti si staccano facilmente dall’albero.

I danni secondari dovuti alla ferita nella buccia dell’olivo sono la colonizzazione dello stesso da parte di funghi o virus ed infine il raggiungimento della putrefazione. È molto importante prevenire questo parassita perché provoca molte perdite.

Per questo è conveniente lasciare la flora selvatiche nelle vicinanze, soprattutto se si tratta di cardo, lentisco uliveto, etc.), evitare la presenza di letame se si tratta di una fattoria, non fare una eccessiva concimazione azotata, far avanzare il raccolto tanto possibile e posizionare trappole   adesive gialle o impregnate di feromoni.

Se il parassita è già nel nostro olivo, dobbiamo trattarlo, ad esempio, con i suoi nemici naturali come il Pnigallo mediterraneus o i funghi come la Beauveria bassiana .

Un’altra opzione è usare argilla caolino 2-4% che ricopre i frutti, questo può essere trovato nei negozi di giardinaggio specializzati.

Falena dell’olivo o prega: prega oleae

Il parassita può essere monitorato in ogni momento dell’anno, perché durante la vita dell’insetto durante la sua permanenza nell’olivo provoca in ogni momento danni visibili.

Pertanto in autunno inverno si possono vedere piccoli buchi nelle foglie ; in primavera i fiori vengono attaccati e alla fine di quest’ultimo penetra nel frutto e nel seme, così che durante l’autunno successivo i frutti colpiti cadono senza essere maturi.

Se l’estate è molto calda saremo fortunati, poiché le alte temperature influiscono negativamente su questi insetti provocando la morte delle larve.

Per prevenire la tignola dell’olivo , si consiglia di utilizzare piatti impregnati di feromoni e lasciare una copertura vegetale soprattutto quando è in fiore, poiché attira le tarme.

Per curare la peste si possono usare nemici naturali come merletti o uccelli che si nutrono di questo tipo di insetti, pipistrelli, ecc.

I trattamenti vanno usati solo nella generazione di insetti che colpisce in tarda primavera quando l’insetto entra all’interno del frutto, si può usare come nel caso precedente dell’argilla caolino 2-4%.

Piralide dell’olivo : Phloeotribus scarabaeoides

È un piccolo coleottero marrone scuro che si annida tra i rami dell’albero. La sua presenza si nota dai piccoli resti di segatura che lascia quando fa i buchi verso l’interno del ramo , dove lasciano le uova, che si schiudono circa 2 mesi dopo.

I danni, quindi, sono i rami secchi e il progressivo indebolimento dell’intero albero , che porta alla sua morte a medio-lungo termine.

Come prevenzione si consiglia di potare a fine inverno (si possono consultare i calendari lunari); Sbarazzati dei detriti di potatura senza aggiungerli al compost , puoi fare un’esca nel mese di marzo aprile, lasciando mucchietti di bastoncini per terra e smaltirli a fine primavera.

Per curare la piralide il più efficace è usare nemici naturali come Eurytoma morio o fare trattamenti con insetticidi naturali .

Crosta dell’olivo o tubercolosi: Pseudomonas savastanoi

È un batterio che provoca la formazione di piccoli grumi sui rami e sui germogli, quindi può perdere le foglie in quella zona.

Le olive colpite, al massimo, potrebbero essere utilizzate per fare l’olio, e questo sarebbe piuttosto dannoso, rendendolo una malattia abbastanza grave .

Ambienti molto umidi favoriscono notevolmente la comparsa della crosta. Per evitarlo devono essere utilizzate varietà resistenti, per quanto possibile non potare o raccogliere nei giorni di pioggia.

Per curare la ticchiolatura, il migliore è il brodo bordolese o composti organici che hanno sali di rame, questo dovrebbe essere usato dopo la potatura e la raccolta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.