Suggerimenti

Rosa di Gerico: cura

La cosiddetta rosa di Jericho è una delle piante più straordinarie e straordinarie che possiamo coltivare in casa. Questa felce è così adattata alla siccità che può seccarsi completamente e tornare in vita quando riceve di nuovo l’acqua. Se vuoi imparare a prenderti cura della rosa di Jericho in un vaso, continua a leggere in questo articolo di EcologíaVerde su una delle piante più singolari al mondo.

Caratteristiche della Rosa di Gerico

Detta anche pianta della resurrezione o doradilla, e sotto il nome scientifico Anastatica hierochuntica, questa pianta ha uno degli adattamenti più estremi alla siccità che si possano trovare. Grazie proprio alla sua enorme resistenza, è una coltura ideale per i giardinieri inesperti, che non devono lasciarsi impressionare dal suo esotismo.

Questa felce della famiglia delle Brassicaceae ha la sua origine nei deserti della Palestina, dell’Arabia e dell’Egitto, dove è stata tradizionalmente una pianta considerata dotata di proprietà magiche e sacre ed è stata utilizzata in tutti i tipi di rituali di purificazione o divinazione. È una specie piccola che raramente cresce oltre i 15 cm di altezza.

La sua più grande particolarità è la sua particolare strategia contro la siccità: quando la pianta è sottoposta a un clima secco, ritrae sia le sue piccole radici che la sua parte aerea, formando una palla che appare secca e morta. In questo stato, e per la sua forma e il suo peso ridotto, il vento può trasportarla facendola rotolare fino a portarla in una zona più umida, dove la pianta si rinascerà, rimettendo le radici e ritrovando colore e vitalità. Il fiore di Jericho è in grado di apportare questi cambiamenti di stato anche dopo anni nella fase secca, motivo per cui è così facile da curare.

Posizione e clima per la rosa di Gerico

Uno dei punti più importanti quando si tratta di sapere come prendersi cura della Rosa di Gerico è la sua posizione. Questa pianta rustica si è adattata ad alcuni dei deserti più caldi e aridi del mondo, rendendola in grado di resistere al sole diretto dei climi più caldi. Ha bisogno di luce per almeno 8 ore al giorno e, sebbene possa sopportare senza problemi l’incidenza diretta, può crescere e svilupparsi anche con luce indiretta purché abbondante.

Un’altra cura della rosa di Gerico riguarda la temperatura. Non sorprende che in una pianta così desertica sia intollerante al gelo. Infatti la rosa di Jericho deve trovarsi a temperature superiori ai 16ºC, quindi gelate o cali di temperatura drastici, anche se puntuali, possono fare molti danni o addirittura ucciderla.

Una curiosità sulla rosa di Jericho è che è possibile coltivare questa felce in un modo particolare: completamente immersa nell’acqua. Vediamo come farlo nella sezione seguente sulla cura del fiore di Gerico e la sua irrigazione.

Scopri 16 piante da giardino resistenti al sole o 10 tipi di felci in questi altri articoli di EcologíaVerde che ti consigliamo.

Irrigazione per la Rosa di Gerico

Una rosa di Jericho in vaso richiederà annaffiature diverse a seconda del tempo o della stagione in cui ci troviamo. Così:

  • Nei mesi più caldi: normalmente avrà bisogno di 2-3 annaffiature settimanali se vogliamo evitare che entri nella sua fase di siccità, in modo che appaia verde e con tutta la sua bellezza.
  • Nelle stagioni o nei climi più umidi: le irrigazioni possono essere più diradate. È anche comune posizionare un piattino sotto il vaso e riempirlo d’acqua, in modo che la pianta assorba l’umidità attraverso i fori di drenaggio.
  • In climi estremamente caldi o secchi: la pianta apprezzerà l’acqua spruzzata sulle sue foglie una o due volte al giorno, oltre all’irrigazione.

Tuttavia, come abbiamo accennato, c’è chi coltiva questa pianta in modo speciale, comprandola completamente secca per metterla in un acquario o in un laghetto e vedere quanto velocemente si ravviva. Quando si tratta di come prendersi cura della Rosa di Gerico in acqua, basta cambiare l’acqua dal luogo in cui si trova di solito, riuscendo a sopravvivere in questo modo sott’acqua. Fondamentalmente, è impossibile annaffiarlo troppo.

Scopri con le immagini più di 50 piante acquatiche: nomi e caratteristiche, in questo altro articolo che ti proponiamo.

Fertilizzante per la Rosa di Gerico

Come ultima cura della rosa di Jericho, possiamo parlare del fertilizzante. Sebbene la pianta non abbia strettamente bisogno di concimazioni frequenti, l’aggiunta di nutrienti aiuterà a garantire che rimanga forte e fiorisca quando arriva il momento. È meglio utilizzare concime organico come humus di lombrico o compost, che basterà ad aggiungere al substrato all’inizio della primavera, con l’arrivo delle alte temperature. Sarà sufficiente un contributo annuo, che non richiede richieste più regolari.

Spieghiamo come fare l’humus di lombrichi in questo articolo.

Substrato per la Rosa di Gerico

La pianta non è per nulla esigente in termini di tipologia di terreno, potendo crescere e svilupparsi praticamente in tutti i tipi di substrati e terreni comuni. Anche i terreni acidi o con un pH basso non saranno un grosso problema per lei.

Se quello che vuoi è fornirgli le condizioni ideali, puoi optare per un substrato sciolto, aerato e leggero, arricchito con materia organica come l’humus di lombrico. La miscela universale di torba, fibra di cocco e humus in parti uguali funzionerà perfettamente, arricchita come sempre con vermiculite e perlite.

Scopri di più sulla fibra di cocco per le piante: proprietà e come prepararla in questo altro post che ti consigliamo di EcologíaVerde.

Se desideri leggere altri articoli simili a Rosa di Gerico: cura, ti consigliamo di accedere alla nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.