Suggerimenti

Grano, cibo sano o dannoso?

Il grano ( Triticum sativum ) è un cereale appartenente alla famiglia delle graminacee. Si ritiene che la sua coltivazione possa essere iniziata circa 10.000 anni fa nell’Asia meridionale.

Attualmente si potrebbe dire che è una delle piante più coltivate al mondo.

Proprietà nutrizionali del frumento (Triticum sativum)

Un chicco di grano maturo contiene carboidrati, proteine ​​(incluso il glutine), acidi grassi, minerali come zinco, calcio, ferro, magnesio, selenio, potassio, fosforo, iodio, zolfo e cloro, fibre, enzimi e vitamine A, E e del gruppo B (B1 o Tiamina, B2 o Riboflavina, B3 o Niacina, B5 o acido pantotenico e B7 o Biotina).

Ma il grano, oltre ad essere l’alimento più ricco di glutine, contiene anche exitotossine, che generano una reazione narcotica e possono contribuire allo sviluppo di malattie degenerative come l’Alzheimer, la sclerosi multipla e altri disturbi come l’emicrania o l’epilessia. *

Il glutine fa male alla salute?

Cos’è il glutine? Il glutine è una proteina che si trova in misura maggiore o minore nei cereali come frumento, orzo, farro o segale.

Il glutine, una volta ingerito, diventa una sostanza appiccicosa che aderisce alle pareti dell’intestino, rendendo difficile l’assorbimento dei nutrienti e producendo muco intestinale.

Il grano contiene mucina, un composto che favorisce la formazione di muco, che aggraverebbe le malattie respiratorie (asma, bronchite, influenza, ecc.).

La gliadina, che fa parte del glutine, ha dimostrato in diversi studi di promuovere la permeabilità intestinale , che è associata a malattie cardiovascolari, malattie del fegato, disturbi neurologici e, naturalmente, malattie autoimmuni (come il diabete o la celiachia)

Le persone celiache, allergiche e intolleranti dovrebbero eliminare il glutine dalla loro dieta, ma come puoi vedere, il glutine è dannoso per tutti i tipi di persone e dovresti, almeno, ridurne l’assunzione.

Allergia, celiachia e intolleranza al glutine

L’ intolleranza al glutine non colpisce il sistema immunitario, ma solo il tratto gastrointestinale. Quando mangiamo un alimento con glutine, il nostro apparato digerente reagisce immediatamente

I sintomi più comuni dell’intolleranza al glutine sono gas, gonfiore e disturbi addominali. Questi sintomi durano per un determinato periodo di tempo e sono transitori, non permanenti.

L’ allergia al glutine è una risposta immediata del sistema immunitario dopo aver ingerito prodotti con questa proteina. Quando ingerito, si verificano rapidamente una serie di sintomi che potrebbero essere facilmente scambiati per altre condizioni. Quindi, molte persone con allergia al glutine non sono ancora diagnosticate.

Alcuni dei sintomi più comuni di allergia al glutine sono quelli che colpiscono il tratto respiratorio, la pelle e il gonfiore del tratto digestivo. È comune soffrire di dolore e/o disagio nella zona addominale, gas, digestione lenta e pesante, diarrea o stitichezza e affaticamento. A lungo andare, un’allergia al glutine può causare danni permanenti al nostro corpo, in particolare all’intestino tenue.

La celiachia è una condizione che colpisce l’intestino tenue, causata da un’alterazione del sistema immunitario che lo induce ad attaccare i villi sia nell’intestino tenue provocando infiammazione dello stesso, sia provocando danni alle mucose e malassorbimento dei nutrienti. Potrebbero esserci danni permanenti oa lungo termine all’intestino se non vengono diagnosticati precocemente.

I sintomi più comuni della celiachia sono: affaticamento, diarrea, stitichezza, ritardo della crescita nei bambini, anemia sideropenica, dolori addominali, irritabilità, ansia, insonnia e apatia, gas, perdita di massa muscolare, dermatiti, cefalee (emicranie ed emicranie) , malnutrizione. osteoporosi, alterazione dello smalto dei denti, ulcere della bocca, diabete, problemi alla tiroide o intestino irritabile, tra gli altri.

Sono stati identificati circa 300 sintomi derivati ​​dall’ingestione di glutine

Si stima che 6 celiaci su 7 non vengano diagnosticati.

Dieta senza glutine

Sia la celiachia che l’allergia e l’intolleranza al glutine possono essere evitate e curate rimuovendo dalla dieta gli alimenti contenenti glutine , che comprende non solo i cereali che lo contengono ma anche tutti i prodotti trasformati o trasformati che possono contenerlo. È importante abituarsi a leggere le etichette dei prodotti alimentari.

È fondamentale eliminare dalla dieta i cereali con glutine come frumento, kamut, orzo, farro e segale e i derivati ​​da questi derivati, come farine, pasta, biscotti, pane o che lo contengono come ingrediente, come è il caso di prodotti trasformati come salumi, formaggi, gelati, bevande, coloranti, additivi, ecc. E aggiungi altri cereali senza glutine come l’avena (non contiene glutine ma è solitamente indicato come cereale senza glutine perché ha tracce in quanto è stato lavorato insieme ai cereali che lo contengono), riso, mais, quinoa , amaranto , miglio, sorgo, teff e saraceno .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.