Suggerimenti

Rebolones o Níscalos: [Cura, coltivazione, irrigazione, substrato e parassiti]

I rebolones sono funghi arancioni che hanno un alto valore gastronomico. In Spagna sono molto frequenti in alcune aree come le foreste .

Ma se vivi in ​​una zona dove hai le condizioni climatiche e pedologiche necessarie per la sua crescita, puoi averle.

Bisogna anche considerare che è una specie che lavora in simbiosi, quindi ha bisogno del pino gallinaccio.

Come puoi ottenere il raccolto dei rebolones? Bene, seguendo i passaggi che ti diamo di seguito

Punti importanti quando si seminano rebolones
  • Quando? In primavera o in autunno.
  • Dove? In un terreno non molto umido, sotto un pino gallinaccio.
  • Come prepariamo il terreno? Con abbastanza materia organica.
  • Come dovremmo annaffiare? irrigazione a goccia .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? In estate molto, nelle altre stagioni sarà poco o quasi nulla.
  • Quali parassiti e malattie hanno? Non hanno registrazioni su questo argomento. Per simbiosi, entrambe le specie si proteggono a vicenda.

Cosa sono i reboloni?

I rebolones sono funghi a cappello e piede, di altezza bassa e con colori che variano tra l’ arancione e il bianco in tutta la loro struttura.

Possono anche essere chiamati finferli.

A volte presenta colorazioni verdastre che possono avere origine in due situazioni:

  1. Quando l’uomo mette le mani su di loro.
  2. La presenza di un lattice arancione che asciugandosi genera la colorazione.

Sebbene di solito compaiano in altri periodi dell’anno, la loro stagione preferita per moltiplicarsi è durante l’autunno. Sono funghi commestibili che sono stati incorporati nelle ricette di molte famose preparazioni spagnole.

Hanno infatti un alto valore gastronomico dovuto alla quantità di nutrienti che hanno e alle loro poche calorie. Hanno un’alta densità nutritiva.

Tuttavia, le raccomandazioni sono mirate a consumarli quando sono ancora giovani poiché in questo modo mantengono tutte le loro proprietà nutritive.

Dove dovremmo coltivare i rebolones?

La semina dei rebollones va fatta ai piedi di un pino che offre protezione.

In realtà è una specie molto esigente per quanto riguarda le caratteristiche del terreno e le cure di cui necessita. Non ama i terreni molto umidi o facili da produrre pozzanghere.

Ma sono in grado di adattarsi senza problemi a terreni che hanno caratteristiche sabbiose o argillose.

Quando possiamo piantare rebolones o finferli?

Il momento migliore per iniziare a piantare è durante la primavera e l’autunno in quanto offrono le migliori condizioni climatiche.

Dei due, è preferibile l’ autunno .

Ora, in alcune zone possono essere seminate in estate, ma qui sarà necessario lavorare con molta attenzione l’irrigazione.

Poiché se non hanno abbastanza umidità, non prospereranno correttamente.

Come prepariamo il terreno?

La preparazione del terreno andrà fatta bene prima di procedere con la semina dei rebolones.

Idealmente, il terreno scelto è ricco di humus o materia organica ( compost o letame ) e lo otterremo facendo applicazioni di compost fatto in casa, ad esempio.

In questo modo, si otterrà che il terreno abbia le sostanze nutritive necessarie affinché il pino si sviluppi in modo sano e possa aiutare la crescita dei funghi.

Come seminare rebolones passo dopo passo?

Per la semina si possono seguire due percorsi con possibilità di prosperare: attraverso il pino nespolo o con i semi .

Attraverso il Pino Niscalero

  1. Nel primo caso si tratta di inglobare le spore dei rebolones alle radici di un giovane pino che si può conservare in vaso.
  2. Man mano che questo pino cresce un po’ di più, verrà trapiantato, mantenendo così il rapporto simbiotico con il fungo.
  3. È un processo che richiede tempo, ma nel giro di 5 anni potrebbe dare i suoi primi frutti.

Attraverso i semi

  1. Nel caso dei semi si tratta in realtà di frammenti di micelio che aderiscono alle radici di un giovane pino nespolo già interrato.
  2. L’ideale è lavorare con specie di circa 15 anni.
  3. La semina in questo caso verrà effettuata stabilendo un fosso orientato in base alla larghezza della chioma di pino.
  4. Ad ogni inserimento verranno sparsi i semi che generalmente si presentano in forma liquida.
  5. È importante che negli inserti si vedano le radici del pino, in modo da garantire che il micelio aderisca ad esse.
  6. Se lo facciamo direttamente sul terreno, gli strati di terreno non gli permetteranno di prosperare.
  7. Inoltre, è necessario tenere conto che le radici sono il più superficiali possibile per consentire ai funghi di crescere senza battute d’arresto.

Di che cure hanno bisogno i rebolones?

La cura di cui hanno bisogno i rebollones è lontana da ciò che lavoriamo con altre specie.

Non necessitano di fertilizzante

La prima cosa è che non hanno bisogno di alcun tipo di compost o fertilizzante poiché la loro principale fonte di sostanze nutritive è il pino gallinaccio.

L’uso di fertilizzanti potrebbe mettere a rischio la vita delle micorrize e ucciderle.

Attenzione: non avvicinarti!

Un’altra cura molto importante è evitare di camminare nella zona in cui il fungo si è diffuso per evitare di schiacciarli.

Quando si verifica la crescita delle infestanti, l’unica tecnica di rimozione favorevole è quella manuale. Non vanno applicati prodotti chimici , nemmeno per evitare parassiti, come insetticidi o fungicidi .

Se la terra ha molti di questi prodotti, la crescita dei rebollones potrebbe essere compromessa.

Quali parassiti e malattie ha?

Uno degli aspetti principali che sono favorevoli quando si lavora con questo tipo di relazioni simbiotiche è che si rafforzano a vicenda.

Ciò impedisce che parassiti o malattie si verifichino in uno di essi e causino problemi di sviluppo reali o morte.

Il motivo è che il fungo non ha bisogno della clorofilla per la sua crescita, il che aiuta l’albero a concentrarsi sui suoi processi aiutandolo con i nutrienti.

Allo stesso modo, le radici degli alberi supportano e proteggono i funghi.

In sintesi, è una delle migliori opzioni esistenti in termini di piantagione di funghi perché è una specie ampiamente consumata in Spagna.

D’altra parte, se vengono utilizzati su pini di quattro anni, le capacità produttive dureranno fino a 15 anni in più, il che è molto interessante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.