Suggerimenti

Parassiti e malattie del riso: [rilevamento, cause e soluzioni]

Il riso è uno dei cereali più consumati al mondo per la sua facilità di preparazione e per il fatto che è così fruttato.

Avere un raccolto di riso è direttamente proporzionale al godere di un raccolto abbondante con un buon valore nutritivo.

Ciò, purché non venga colpito da parassiti o malattie che finiscono per rovinarne lo sviluppo e persino uccidere la pianta. 

Quindi, se vuoi saperne di più su questo argomento per essere in allerta permanente, non perdere una sola riga di ciò di cui parleremo oggi.

Macchia circolare

È una malattia causata da funghi dove è evidente la presenza di macchie marroni sulle foglie e alcune più sul fusto .

Il contagio può essere prodotto dalle condizioni ambientali o anche da semi che sono stati precedentemente infettati.

Al momento della semina di un seme di queste condizioni, lo sviluppo della pianta è anormale, con deformazioni e molte strisce.

Per quanto riguarda le condizioni ambientali perché si verifichi, è normale che sia quando le giornate sono più soleggiate e l’umidità è alta.

Per evitare che si generi, è meglio lavorare i semi tramite disinfezione prima della semina. Quando le condizioni sono giuste per il loro aspetto, è utile anche l’uso di fungicidi .

Peronospora batterica

È un’altra malattia fungina che fa ingiallire le foglie, lo stelo e la punta.

Ha la particolarità, a differenza di altre malattie, di manifestarsi sia in climi temperati che tropicali , anche se necessita di molta umidità.

L’azione del fungo provoca macchie gialle sulle foglie che in seguito producono una secchezza in esse. A seguito di questa azione, la raccolta del riso non raggiunge i livelli di produzione previsti.

Le azioni preventive includono l’ eliminazione delle possibilità di solchi d’acqua da una pianta all’altra. Inoltre, è necessario applicare preventivamente il fungicida quando la spiga sta per nascere, circa 10 giorni prima.

Successivamente mantenere il ritmo nel caso si notino danni alla struttura della pianta , come azione correttiva.

erbacce

È uno dei problemi più frequenti nelle risaie e deriva da specie diverse.

Ciò è dovuto all’ambiente acquoso necessario allo sviluppo del cereale e che funge da ecosistema ideale per alcune erbe.

Possono avere comportamenti diversi tra una risaia e l’altra , quindi è molto importante conoscere nel dettaglio cosa sta succedendo per prendere gli opportuni provvedimenti. Il trattamento concordato per prevenire e controllare la sua comparsa è con l’uso di erbicidi.

Occorre però considerare che la pianta ha un adeguato sviluppo di almeno 3 foglie già pronte per evitare contaminazioni. È importante sapere che le erbacce non solo convivono con il riso, ma competono con esso , togliendo così l’opportunità di generare un buon raccolto.

Bug

È un parassita che si presenta sotto forma di insetto che si reca sulla pianta del riso in cerca del suo cibo, che ottiene dalla foglia, dal fusto e dal chicco.

La sua azione è in grado di fungere da via di ingresso per la comparsa di virus che si insinuano attraverso le ferite lasciate durante la suzione.

Poiché sono una varietà abbastanza grande in termini di tipi, è probabile che si presentino durante tutto il ciclo di crescita. Si ottiene insomma un chicco di bassissima qualità, di piccola pezzatura e leggero.

La cimice dei letti è una piaga visibile all’occhio umano e quindi è facile da rimuovere quando non c’è una popolazione così alta in attacco. Tuttavia, le uova vengono poste sul lato inferiore delle foglie ed è importante evitare che si schiudano.

L’ideale è rimuovere le foglie danneggiate e bruciarle, in modo da interrompere il ciclo vitale del parassita e, quindi, mantenere pulito il raccolto. Nel caso in cui la popolazione di parassiti sia molto abbondante, è meglio usare un insetticida appropriato per affrontarli.

baccello marciume

È un’altra malattia causata da un fungo che, come indica il nome, colpisce il baccello della pianta. Tuttavia, il suo danno opera in tutta la struttura, generando marciume dalle radici stesse.

Gli effetti sono evidenti perché la pianta inizia a ingiallire fino alla morte. Tra le cause che lo producono c’è la presenza di alti livelli di umidità e calore.

Un altro dettaglio importante è che non attacca le piante adulte, ma colpisce quelle che hanno germogliato solo di recente. È una delle malattie più complesse che esistono per il riso perché dopo la sua comparsa è quasi impossibile da debellare.

Si consiglia quindi di disinfettare e proteggere i semi con un adeguato fungicida prima di procedere alla semina.

Cavalletta

È un parassita che ha la proprietà di colpire le zone aeree della pianta per la sua facilità di movimento, saltando da una all’altra.

Si nutrono della linfa che estraggono dalle aree verdi delle foglie, facendole ingiallire.

In genere non producono una notevole quantità di danni se sono in piccole quantità, il problema è quando si riproducono troppo.

A causa dell’azione delle cavallette, è anche possibile che la pianta subisca l’azione di alcuni virus, che peggioreranno la situazione. Il più comune è che compaiono in periodi di grande quantità di pioggia , anche se non è una condizione imperativa per questo.

Per combattere la peste, la cosa più comune è installare trappole gialle con la colla a cui aderiscono facilmente attirando il colore. È anche un buon piano per mantenere le aree libere da erbacce di tipo erbaceo.

Se necessario, approfitta dell’azione degli insetticidi biologici per affrontarli. Il resto sarà solo quello di garantire le condizioni più ottimali affinché ogni piantagione di riso sia di alta qualità.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.