Suggerimenti

Potare un pomodoro e rimuovere i polloni passo dopo passo: i migliori trucchi

Ciao a tutti agrohuerter! Nell’articolo di oggi andremo a spiegare come potare una pianta di pomodoro . Abbiamo già parlato in precedenti articoli di parassiti, malattie e altri problemi del pomodoro , come  asini marci o pomodoro spaccato , e di trucchi per coltivare pomodori biologici in giardino .

Come abbiamo visto, una delle raccomandazioni per la cura delle piante di pomodoro è la potatura e l’eliminazione dei polloni di pomodoro , uno dei compiti principali della coltivazione del pomodoro.

PERCHÉ DEVI POTARE UN POMODORO POMODORO?

L’obiettivo della potatura è diverso a seconda della specie di pomodoro che abbiamo. In alcune occasioni, come i pomodorini, ci interessa avere tanti pomodorini.

Tuttavia, altre volte vogliamo che i pomodori siano più grandi. Per fare ciò, taglieremo in alcune aree specifiche, che verranno spiegate di seguito, per reindirizzare i nutrienti assimilati dalla pianta verso i pomodori.

Potatura delle foglie e dei tralci

Le foglie potate o defogliate consistono nel prendere le foglie più vecchie o danneggiate nella parte inferiore. Grazie a questa pratica si ottiene una maggiore ventilazione, uniformità e colorazione dei frutti.

La potatura dei germogli o diserbo  si basa sulla rimozione dei germogli (solitamente chiamati polloni). I polloni compaiono nella parte ascellare dello stelo come mostrato nell’immagine seguente.

In entrambi i casi, la potatura deve essere eseguita al momento giusto con frequenza. Si consiglia di tagliare il germoglio quando è di circa 5 cm. Se si lascia che il germoglio cresca troppo a lungo, quando lo tagliamo aumenterà il rischio di soffrire di qualche malattia.

A volte possiamo sfruttare i polloni che abbiamo tagliato per ottenere una nuova pianta di pomodoro. Non ci resta che piantare il ciuccio e vedrai come in pochi giorni attecchisce.

COME POTARE UN POMODORO E TOGLIERE LE VENTOSE

Una pianta di pomodoro può essere potata meccanicamente (con forbici disinfettate) o manualmente. È fondamentale non potare quando le piante sono bagnate poiché c’è un rischio maggiore di introdurre una malattia. Se riusciamo a fare bene tutti questi passaggi, ci assicuriamo di avere dei buoni pomodori nell’insalata!

1. Una potatura diversa per ogni tipo di pomodoro

Il primo passo per potare le nostre piante di pomodoro è scoprire quale varietà stiamo coltivando. Come sapete esistono tantissime varietà di pomodoro, di varie dimensioni, colori e forme. Tuttavia, possiamo classificarli in due grandi gruppi: pomodori determinati e indeterminati.

Le taluni pomodori  tendono ad essere più compatto e tipo folta. Smettono di crescere quando raggiungono l’età adulta, cioè hanno un limite di crescita. Una caratteristica importante è che portano tutti i loro frutti in una volta (l’intero raccolto dovrà essere fatto in una o due settimane). Queste varietà sono consigliate quando abbiamo poco spazio o desideriamo il pomodoro per l’inscatolamento. Di solito non necessitano di potatura. Alcune delle varietà più conosciute sono: pomodoro marmande, pomodoro grande fiume, pomodoro roma, pepita d’oro ciliegia e altri.

I pomodori indeterminati  crescono senza limiti, quindi è necessario controllarli rimuovendo i ciucci e tagliando la parte superiore del gambo quando raggiunge un’altezza considerevole. Hanno bisogno di un paletto per sostenersi e i pomodori escono sfalsati per tutta la stagione. Sono altamente raccomandati se vogliamo pomodori per tutta la stagione. Alcune delle varietà più conosciute sono: pomodoro molto miele, pomodoro cuore di manzo, amarena e altre.

2. Trova e rimuovi i polloni dalla pianta di pomodoro (germogli ascellari) 

Come abbiamo visto in precedenza, in quei pomodori a crescita indeterminata sarà necessario liberarsi dei polloni. I polloni sono piccoli boccioli che compaiono proprio dove il ramo incontra lo stelo. Il motivo per rimuoverli è perché se vengono lasciati crescere, privano la pianta di energia, facendola produrre meno frutti.

Ti lascio un video dove puoi imparare a identificare i ciucci in un modo molto semplice:

3. Potare i rami della pianta di pomodoro per lasciare un’unica guida

L’obiettivo è quello di lasciare sempre, come si vede nell’immagine, un unico ramo o guida che cresca in verticale e da cui emergeranno i rami secondari con foglie e fiori. Per fare ciò, devi scegliere il ramo migliore del gambo principale (immagine 2) ed eliminare il resto. Quando questo ramo secondario (che ora è il fusto principale) sarà cresciuto a sufficienza, faremo di nuovo lo stesso: lo taglieremo e lasceremo che uno dei suoi rami più forti continui a crescere (immagine 3).

3. Rimuovere le foglie sotto il primo ramo fiorito

Questa pratica aiuterà la nostra pianta ad essere più forte e resistente. Inoltre, non sprecheremo i nutrienti delle piante in germogli non necessari.

Nel disegno seguente puoi vedere come dovrebbe essere fatto questo taglio delle foglie:

4. Strappa le foglie gialle del pomodoro

Quando vedi foglie gialle sulle tue piante di pomodoro , soprattutto nella parte inferiore, devi strapparle in modo che la tua pianta non sprechi energia e si protegga dalle malattie.

5. Taglia la parte superiore del gambo alla fine della stagione

Sarà necessario tagliare la parte superiore del fusto della pianta per ottenere il meglio dagli ultimi germogli della stagione. In questo modo faremo concentrare i nutrienti nei pomodori.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto e che ti aiuti a ottenere dei deliziosi pomodori ricchi! Come hai visto, potare una pianta di pomodoro è molto semplice. Inoltre, puoi scriverci le tue esperienze, dubbi o inviarci foto nei commenti. Saremo felici di risponderti.

Buona giornata

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.