Suggerimenti

Seminare l’erba medica: [substrato, irrigazione, immagini + passo dopo passo]

L’erba medica è una pianta leguminosa , come piselli , fave , lenticchie e fagioli  provenienti dall’Asia , molto diffusa nei paesi a clima temperato.

Una delle sue caratteristiche principali è che  cresce rapidamente ed è abbastanza facile da coltivare. 

Riduce inoltre l’erosione del suolo , e riduce la presenza di parassiti e malattie delle colture che lo seguono nella rotazione.

Approfitta dei grandi benefici che questo legume ti porta, sia per il tuo orto che per il tuo organismo, e inizia subito a piantare erba medica. 

 

Punti importanti per la coltivazione dell’erba medica:
  • Quando? Solitamente semina dall’autunno nei climi temperati. In climi molto freddi in primavera .
  • Dove? Non resiste bene al calore estremo. Richiede molta luce solare (6-8h al giorno).
  • Tempo di raccolta? 3 mesi dopo la semina.
  • Come innaffiamo? Non tollera le pozzanghere. È in grado di resistere alla siccità. Possiamo annaffiare 1-2 volte a settimana. Gocciolamento ideale.
  • Come prepariamo il terreno? Richiede terreni molto profondi e ben drenati. Ilterrenodovrebbe anche essere pulito dalle erbacce e dalle erbacce .
  • Come seminare? Qui passo dopo passo.
  • Come raccogliamo?  Il momento della raccolta è quando l’erba medica ha foglie verdi e frondose, con fusti flessibili e sottili.
  • Associazioni favorevoli? Avena , mais , fagioli e zucca.
  • Piaghe e malattie? Afidi , verme grigio, mosca dell’erba medica, peronospora, oidio, punteruoli, tripidi e nematodi.

 

Di cosa abbiamo bisogno per coltivare l’erba medica?

Quando dovrebbe essere seminato?

Nelle zone molto fredde si può seminare in primavera, dopo il gelo, mentre nelle zone con clima meno estremo si può piantare a partire dall’autunno.

Dove piantare l’erba medica?

Richiede di essere  piantato in aree a luce diretta , perché da esso dipende la sua crescita. La temperatura ottimale di sviluppo oscilla tra i 18 e i 28°C.

I semi di erba medica possono germogliare a temperature di 2°C , sebbene l’aumento della temperatura acceleri la germinazione.

Temperature superiori ai 35 °C sono dannose per la pianta.

Sebbene esistano varietà di erba medica in grado di tollerare temperature di -10ºC , la maggior parte delle colture smette di crescere fino alla primavera.

 

Ogni quanto va annaffiato?

Grazie al suo apparato radicale, l’erba medica è in grado di resistere moderatamente alla siccità.

Tuttavia, il suo fabbisogno idrico dipende molto dalle condizioni climatiche in cui è piantato.

In generale richiede poca acqua durante la primavera e in estate i suoi fabbisogni idrici sono maggiori.

Non tollera l’acqua stagnante , in quanto le radici marciscono facilmente , quindi dobbiamo assicurarci di avere un terreno ben drenato.

In questo senso, la quantità di acqua dipende dalla capacità di ritenzione del suolo.

Si consiglia di mantenere gli strati superficiali del terreno sempre umidi, evitando ristagni d’acqua. Allo stesso modo, è conveniente un sistema di irrigazione a goccia .

Come prepariamo il terreno?

Sebbene si adatti a un’ampia varietà di substrati , l’erba medica richiede suoli molto profondi e ben drenati.

I terreni profondi meno di un metro non sono consigliabili per piantare erba medica.

 Il pH ottimale del raccolto è 7,2  e la calcinazione dovrebbe essere eseguita se il pH scende a 6,8.

Questo aiuta anche a ridurre l’ alluminio e il manganese nel terreno, che sono molto dannosi per l’erba medica.

Lo sviluppo dell’erba medica è limitato dall’acidità , anche se durante la germinazione resiste molto bene a pH fino a 4.0.

Allo stesso modo, l’ erba medica è molto sensibile alla salinità , che produce squilibri tra la radice e la parte aerea.

Associazioni favorevoli

L’erba medica può essere coltivata in associazione con avena, mais, fagioli e zucca.

Come piantare l’erba medica passo dopo passo

Pulisci il terreno

Rimuove erbacce e detriti dalle colture precedenti e ogni tipo di residuo per garantire che l’erba medica riceva la giusta quantità di nutrienti.

Tutte le piante devono essere estratte dalle radici per evitare che ricrescano.

Preparare il terreno

Inumidisci il terreno prima della semina. Ciò impedirà al seme di muoversi facilmente.

Molto probabilmente dovrai fare un aratro del sottosuolo per rimuovere gli strati superiori senza girarli o mescolarli.

Ciò migliorerà le condizioni di drenaggio e aumenterà la capacità di stoccaggio dell’acqua del suolo.

Il sottosuolo è molto importante nella coltivazione dell’erba medica, poiché le sue radici sono molto profonde.

Quindi, esegui 2 o 3 livellamenti per livellare il terreno e ridurre il rischio di ristagni d’acqua.

Fertilizzare il terreno

Ammendante calcare broadcast per promuovere l’ arricchimento di calcio nel suolo

Preferibilmente, controlla i livelli di manganese e alluminio e cerca di ridurli il più possibile.

Controlla i livelli di fosforo e potassio . Applica un compost ricco di questi minerali per nutrire il terreno.

Metti i semi nel terreno

La profondità dipende dal tipo di terreno. Su terreni pesanti la profondità è di 1,25 cm, mentre su terreni leggeri o sabbiosi la profondità può arrivare fino a 3 cm.

Il metodo di semina è a spaglio, il che significa che i semi vengono distribuiti regolarmente in tutto il campo.

Creare solchi sul terreno, lasciando mezzo metro di distanza tra ogni fila

Quindi distribuire uniformemente i semi sul terreno e coprirli leggermente di terra.

Inumidisci la terra

Pota le tue piante regolarmente.

I semi germoglieranno dopo 7 giorni.

Il primo raccolto può essere effettuato 70 giorni dopo la semina. Successivamente i tagli possono essere effettuati ogni 30 giorni, anche se la frequenza del taglio varia a seconda della vendemmia.

Per sfruttare al massimo le prestazioni, si consiglia di tagliare ogni 28 giorni in primavera ed estate; ogni 30 in autunno e in inverno ogni 45 giorni.

Tieni presente che tagli molto frequenti impoveriscono rapidamente l’erba medica, provocando una riduzione della sua resa e densità.[/Su_note]

Come raccogliere l’erba medica

Il momento della raccolta è quando l’erba medica ha foglie verdi e frondose , con fusti flessibili e sottili. Inoltre sprigiona un aroma fresco e gradevole.

Il momento ideale per il taglio è quando la pianta ha più fiori , in questo modo garantiamo un sano germoglio successivo.

L’erba medica non dovrebbe essere tagliata in periodi di pioggia , poiché può danneggiare il raccolto e persino portare a problemi di muffa.

La massima produzione si ottiene con altezze di taglio inferiori e tagli a lunghi intervalli.

Parassiti e malattie comuni

afidi

Per combatterli, il sapone di potassio può essere applicato alla parte inferiore delle piante.

Se la peste persiste o è molto abbondante, applicheremo anche l’ estratto di neem .

verme grigio

Le larve producono gallerie nelle foglie, danneggiando la pianta.

Per il suo controllo, il trattamento ecologico più efficace è il bacillus thuringiensis.

Mosca dell’erba medica

Le larve attaccano i fiori formando galle di colore rosa , finendo per essiccare il fiore.

Per prevenirli, si consiglia di spruzzare la parte inferiore delle foglie con sapone di potassio all’1% con pioggia o acqua distillata.

punteruoli

Sono larve di coleotteri marroni che compaiono in primavera e si nascondono nelle fessure del terreno . Divorano le foglie e i semi.

Le larve si nutrono anche delle piccole radici delle piante appena germinate.

Per controllarli , si consiglia la rotazione delle colture . Preferibilmente coltivare l’anno precedente con cereali invernali o piselli.

viaggi

Per combatterli si consiglia un’applicazione combinata di estratto di neem e sapone di potassio.

Nematodi

Per controllarli, possiamo piantare spicchi d’aglio come repellente.

Possono essere trattati anche con sterilizzazione a vapore e solarizzazione.

Verticillosi

È un fungo che vive nel terreno e può rimanere dormiente da quattro a nove anni.

Per il suo controllo si consiglia di alternare l’erba medica con erbe resistenti e un rigoroso controllo delle infestanti.

Ruggine e muffa

Per combatterla si consiglia di eliminare erbacce e residui colturali.

Allo stesso modo, va evitata l’umidità in eccesso, ventilando la coltura.

Si può anche applicare l’estratto di equiseto o lo zolfo spruzzato.

oidio

È meglio installare un sistema di irrigazione a goccia e applicare l’ equiseto per la prevenzione.

Funziona anche per eliminare erbacce e detriti colturali, nonché per favorire la ventilazione del raccolto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.