Suggerimenti

Portulacaria afra: magnifica succulenta per l’interno della casa

Scientificamente è conosciuta come Portulacaria afra  anche se in alcune regioni è chiamata con il suo nome comune, albero dell’abbondanza. Una pianta succulenta che può adattarsi a diversi ambienti (interni domestici o caldi giardini) e che può essere utilizzata anche nel mondo dei bonsai.

Pianta considerata abbastanza rustica, con basse esigenze di cura e manutenzione e con un’elevata predisposizione alla potatura, al trapianto o al taglio. In questo articolo vogliamo parlarti delle condizioni principali per coltivare Portulacaria afra  in modo da non perderti nulla.

Caratteristiche della Portulacaria afra 

Abbiamo davanti a noi una pianta succulenta di origine africana che ama gli ambienti caldi e la bassa umidità. Una pianta che si adatta sia alle zone fredde che all’interno, poiché cresce in modo ottimale e senza problemi in vaso.

Nei giardini caldi, può essere coltivata all’aperto, poiché supporta un’ampia gamma di temperature.

 tassonomia

  • Ordine: Caryophyllales
  • Famiglia: Didiereaceae
  • Genere: Portulacaria
  • Specie: Portulacaria afra

Il suo nome, albero dell’abbondanza, è legato anche a quello della pianta del denaro, dove il successo della sua coltivazione garantisce al custode una vita di abbondanza. Sebbene non sia realmente soddisfatto in nessuno dei casi, è un piacere prendersi cura di piante di questo tipo che sono molto grate per la loro cura.

Portulacaria afra cura

Conosceremo la cura principale della pianta indoor di Portulacaria afra. Davvero, avendo un ampio intervallo di temperature, a seconda della zona in cui ci troviamo, possiamo averlo anche in vaso coltivato all’aperto.

Climatologia

Temperatura

È noto che le piante grasse tollerano un’ampia gamma di temperature. E questo vale anche per Portulacaria afra. Tuttavia, avendo origini africane, è abituato ad ambienti secchi e caldi.

Ha bisogno di una temperatura ottimale tra 15 ºC e 25 ºC. Al di sotto dei 5 ºC interrompe la sua crescita, anche se il danno a livello cellulare non inizia fino a quando non raggiunge temperature gelide (-5 ºC o più).

illuminazione

Ha bisogno di grandi dosi di illuminazione, quindi la migliore sistemazione all’interno della casa è vicino a una finestra o a un’area in cui entra la luce.

Umidità

Portulacaria afra  non necessita di umidità o irrorazione, se non in zone particolarmente secche. La sua umidità ambientale ottimale è compresa tra il 65% e il 75%.

Terra

Al momento dell’acquisto della pianta o dell’esecuzione del trapianto, cercheremo un substrato con buona porosità e infiltrazione d’acqua. Queste caratteristiche sono attualmente offerte da qualsiasi substrato universale, ma possiamo migliorarlo ancora di più mescolandolo in parti uguali con substrati di torba o fibra di cocco.

Dobbiamo evitare ristagni d’acqua, quindi dovremo fare attenzione che la pentola abbia una buona uscita sul fondo, con diversi fori distribuiti uniformemente su tutta la base. Può anche aiutare a creare un fondo di ghiaia alto circa 3 cm, in quanto favorisce il drenaggio dell’acqua in eccesso e previene le pozzanghere.

Irrigazione

Le annaffiature di Portulacaria afra  dovrebbero essere poche e lontane tra loro. Le piante succulente tendono ad accumulare acqua nelle foglie e ad ottimizzarla nei periodi di siccità. Pertanto, non sviluppano un potente sistema di root.

Questo li rende abbastanza sensibili all’umidità in eccesso nel substrato. Questo eccesso riduce la percentuale di ossigeno nel mezzo e provoca la morte delle radici e il marciume radicale.

In estate e in condizioni calde, saranno sufficienti 2 irrigazioni di poca quantità in estate. In inverno, 1 annaffiatura ogni 7/15 giorni (a seconda della posizione vicino alla finestra, dell’umidità e della temperatura ambiente).

Per quanto riguarda l’importo, una raccomandazione sul volume è di utilizzare 1/4 del volume del piatto. In questo modo, e se il supporto fa il suo lavoro, si avrà un leggero drenaggio dell’acqua che garantisce l’uscita dei sali accumulati.

Fertilizzante  Portulacaria 

Con l’arrivo della primavera, Portulacaria afra  inizia a emettere nuovi germogli, foglie e aumenta lo sviluppo delle sue radici. In questa fase è consigliabile reintegrare a poco a poco i nutrienti che il substrato ha perso.

Per questa pianta viene solitamente applicato un cocktail completo di nutrienti di base (azoto, fosforo e potassio), con alcuni micronutrienti. Calcio e magnesio sono generalmente forniti in quantità sufficiente dall’acqua di irrigazione.

La scelta dei fertilizzanti può essere fatta con liquidi o solidi, a seconda del nostro comfort.

  • Vedi l’elenco dei fertilizzanti liquidi e solidi

Potatura

La Portulacaria afra  si adatta perfettamente alla potatura ed è un requisito necessario quando i germogli diventano troppo lunghi. Il processo di potatura consisterà nel ridurre la lunghezza dei germogli e rimuovere le parti interessate (secche, marce o danneggiate).

La potatura può essere suddivisa in 2 periodi: prima del germogliamento (inizio primavera) e fine estate. 

Useremo forbici affilate per tagliare i germogli che vogliamo eliminare. Non è necessario applicare alcuna pasta cicatrizzante o trattamenti al rame poiché in condizioni di bassa umidità chiude molto bene le ferite dei tagli.

Trapianto

All’aumentare del volume delle radici, la pianta avrà bisogno di trapianti periodici. Il processo è molto semplice e il cambiamento non comporta alcuna sofferenza per la pianta.

Con cura, rimuoveremo il vecchio contenitore e separeremo le radici danneggiate. Lasceremo una base di terriccio per favorire la crescita verticale delle sue radici e ricopriremo i buchi del nuovo vaso con la miscela di substrato e fibra di cocco.

Se vediamo radici eccessivamente lunghe, possiamo tagliarle con le forbici che abbiamo usato per la potatura. Daremo una generosa irrigazione iniziale per favorire il trapianto e la produzione di nuove radici bianche.

Moltiplicazione

La tecnica più semplice per moltiplicare la  Portulacaria afra  e molte altre succulente è il taglio. In questo video possiamo vedere come il processo di moltiplicazione è in modo semplice e chiaramente spiegato.

Parassiti e malattie di  Portulacaria afra 

parassiti

I parassiti più comuni delle piante succulente come la Portulacaria afra  sono le cocciniglie, essendo in grado di trovare diverse specie come la cocciniglia cotonosa o la cocciniglia a coste. Di solito si trovano sullo stelo e all’inizio delle foglie e si nutrono della pianta per aspirazione.

Per eliminarli, possiamo applicare una miscela di sapone (sapone per le mani o sapone di potassio) a 2 ml/L con acqua con uno spruzzatore. Possiamo anche usare alcol o aceto a 2 ml/l per ammorbidire il suo esoscheletro.

Faremo più applicazioni ogni 2 o 3 giorni e, successivamente, elimineremo i resti di cocciniglia con un panno leggermente umido.

Malattie

Per quanto riguarda le malattie, le più comuni sono i funghi legati all’eccesso di umidità nel substrato. Soprattutto le malattie del collo che producono macchie marroni e molli sulle foglie e sugli steli.

Queste malattie sono difficili da curare, poiché si muovono attraverso i canali di trasporto all’interno della pianta. Si consiglia l’applicazione tramite irrigazione di prodotti a base di rame, come l’ ossicloruro di rame, e, per ogni evenienza, tagliando le parti sane per ottenere nuove piante.

Prodotti consigliati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.