Suggerimenti

Cos’è il compost e come farlo in casa

Cos’è il compost?

Il compost è un compost naturale creato dall’azione di batteri, funghi e vermi sui rifiuti organici o biologici della tua casa (scarti di cibo, piante secche, ecc.). Ha una triplice funzione : fungere da compost per migliorare le proprietà del terreno del nostro giardino, funge da alimento per le piante e, allo stesso tempo, ricicliamo i rifiuti domestici utilizzandolo come compost. Il beneficio del compost è scientificamente testato e, a differenza della semplice concimazione minerale, il compost aiuta a conservare e migliorare la fertilità del terreno. Il compost è una soluzione ambientale strategica per contrastare il problema dello smaltimento dei rifiuti solidi organici domestici che si presenta nelle grandi concentrazioni urbane.

.
Come compostare se vivi in ​​uno spazio ristretto?

Per fare il compost avremo bisogno di:

Materia verde o umida:

Fornisce azoto come: foglie fresche sane, erba, scarti di cucina (bucce e bucce di verdure crude, frutta, verdura e legumi, gusci d’uovo, fondi di caffè, bustine di tè usate)

Marrone o sostanza secca:

Fornisce carbonio come: lettiera e rami secchi, paglia, trucioli di legno, cartone o carta che non contenga inchiostro, tovaglioli, tubi di carta igienica.

Umidità:
E’ importante che abbia abbastanza umidità, che non faccia pozzanghere ma marcisca e se ha un cattivo odore, se succede c’è un rimedio , aggiungiamo altro materiale marrone per assorbire l’umidità in eccesso. Un mucchio di compost efficace dovrebbe avere un contenuto di umidità compreso tra il 40-60%. Quel grado di umidità è sufficiente per la vita nel cumulo di compost e per i batteri per svolgere la loro funzione. Il rapporto è di 3 parti di marrone per 1 parte di verde.

ATTENZIONE: Non mettere mai nel compost latticini, tuorli d’uovo, residui di carne e pesce (producono odori e attirano i roditori), piante malate, grasso, defecazione animale e carbone .

Dove compostare?

Puoi acquistare un bidone del compost commerciale, oppure puoi crearne uno tuo usando un contenitore di plastica con un coperchio che avrà molti piccoli fori nel coperchio e fori sul fondo e sui lati del contenitore per l’aerazione e il drenaggio. Coprire i fori con una rete metallica stretta per evitare che entrino animali che non vogliamo nel nostro compost. Puoi anche farlo in un grande vaso e nascondere il tuo compost mettendo delle foglie secche sulla superficie e mescolando questo vaso con il resto delle tue piante.

.
Passaggi da seguire

Si realizza una sorta di lasagna alternando gli strati di materiale bruno e verde e interponendo uno strato di terriccio di circa 3 cm tra ciascuno di essi per fornire i microrganismi necessari alla decomposizione

– Coprire il fondo del contenitore o vaso con un po’ del materiale marrone o secco

– 3 cm di terra.


– foglie verdi e detriti,


– 3 cm di terra,


– materiale marrone o secco,


– 3 cm di terra


– infine lettiera

Una volta alla settimana, rimuovi tutti gli ingredienti dal compost.

Integrare tutti gli elementi e aggiungere piccole porzioni di acqua per mantenerli umidi questo renderà la decomposizione efficace e veloce.


La cosa più importante in un buon compost non è la sua dimensione ma che sia ben bilanciato.

L’umidità o la secchezza sono essenziali per avere un buon compost.

Se è secco, lo vedrai perché riconoscerai i resti di cibo senza decomporsi.


Se è bagnato emetterà un
cattivo odore se lo tieni all’aperto, metti un vecchio panno sopra per coprirlo dalla pioggia.

Quando non riesci più a distinguere ciò che c’è dal suo stato di decomposizione, usalo come compost.


Metti tutti i rifiuti organici che generi giornalmente.
(Bucce di frutta, parti non commestibili di verdure, tovaglioli di carta, tra gli altri) Ricordati quindi di coprirli con un sottile strato di terra.

* Se le formiche compaiono nel tuo compost, significa che è molto secco. Devi aggiungere acqua.

* Per evitare mosche, zanzare e vermi, seppellire bene gli avanzi di cibo fresco.

Dati importanti da tenere sempre a mente:

Azoto (N): è essenziale per far crescere la pianta ed è solitamente quella che vogliamo predominare nelle sole piante verdi, poiché non ne abbiamo bisogno per attivare alcuna fioritura.

Fosforo (P): Favorisce la crescita delle radici e quindi influenza anche la produzione dei fiori e la crescita generale della pianta. Se le radici crescono e crescono bene, la pianta crescerà bene e i suoi fiori appariranno quando dovrebbero apparire .

Potassio (K): Influenza la fioritura e soprattutto il colore dei fiori.

Magnesio (Mg) : è essenziale per la formazione della clorofilla. È bene buttarlo in quei casi in cui abbiamo una chiara Clorosi (ingiallimento della foglia)

Sulla base di questa conoscenza possiamo creare la nostra formula di fertilizzante in base al tipo di pianta che vogliamo concimare. Ad esempio, possiamo includere la cenere di legna da ardere poiché forniscono potassio che favorisce la fioritura.Dobbiamo essere moderati nel suo utilizzo perché il potassio in eccesso blocca l’assorbimento del magnesio nelle verdure. Tieni inoltre presente che a seconda della quantità che utilizziamo possiamo modificare il pH del terreno.

Informazioni aggiuntive e complementari

Il compostaggio più rapido avviene quando c’è un rapporto carbonio-azoto (secco) tra 25/1 e 30/1, cioè c’è tra 25 e 30 volte più carbonio dell’azoto.
Per questo motivo, molte volte vengono mescolati componenti diversi di rapporti C/N diversi.

L’erba tagliata ha un rapporto 19/1 e le foglie secche 55/1. Mescolando entrambi in parti uguali si ottiene una materia prima ottimale. È necessaria anche la presenza di cellulosa (fonte di carbonio) che i batteri trasformano in zuccheri ed energia, nonché di proteine ​​(fonte di azoto) che permettono ai batteri di crescere.

Scarti di cibo grasso, carne, latticini e uova non dovrebbero essere usati per il compostaggio perché tendono ad attirare insetti e altri animali indesiderati. Il guscio d’uovo, invece, è una buona fonte di nutrienti inorganici (soprattutto carbonato di calcio) per il terreno anche se se non viene precedentemente cotto impiega più di un anno a decomporsi.

La temperatura ideale è intorno ai 60ºC. Pertanto, la maggior parte degli agenti patogeni e dei semi indesiderati muoiono mentre si crea un ambiente ideale per i batteri termofili, che sono gli agenti di decomposizione più rapidi. In effetti, il centro del mucchio dovrebbe essere caldo (abbastanza caldo da bruciare quando viene toccato con la mano). Se ciò non accade, potrebbe verificarsi una delle seguenti condizioni: C’è troppa umidità nella pila, riducendo la quantità di ossigeno disponibile per i batteri. Il pelo è molto secco e i batteri non hanno abbastanza umidità per vivere e riprodursi. Proteine ​​insufficienti (materiale ricco di azoto) La soluzione di solito passa attraverso l’aggiunta di materiale o la rotazione del mucchio per aerare.

molto facile
.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.