Suggerimenti

Punteruolo (Otiorhynchus spp.): [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cosa sono i punteruoli (Otiorhynchus spp.)?

Nella famiglia allargata dei Curculionidae sono presenti molti punteruoli appartenenti al genere Otiorhynchus , che possono diventare un vero e proprio flagello di molte colture, sia allo stadio larvale che adulto. 

Sebbene siano state completamente identificate circa 1.500 specie di questi insetti coleotteri molto piccoli ma ripugnanti, Otiorhynchus sulcatus e O. ovatus sono pericolosi per molte colture in tutto il mondo quando le larve si scatenano in un parassita che si nutre di foglie con grande appetito, così come gli esemplari adulti.

Questo genere sembra originario della regione paleartica del globo, ma alcune specie sono arrivate in modo non pianificato nel continente americano, dove sono stati ottenuti solo esemplari femminili grazie alla capacità partenogenetica di questi punteruoli , ad eccezione di specie introdotte dall’uomo come il O. meridionalis, O. porcatus.23 e O.ligneus, e il più noto di tutti: l’ Otiorhynchus sulcatus.

Alcune specie notturne hanno un’eccellente resistenza ai pesticidi biologici e chimici, comprese le loro larve, motivo per cui i danni che provocano alle colture orticole in tutto il mondo sono in aumento.

Ci sono alcune indicazioni che il cambiamento climatico, insieme alla crescita del commercio mondiale, abbia aiutato la crescita di questo parassita, che ha una capacità di mobilitazione crescente, perché molte sono specie polifaghe, cioè hanno la capacità di nutrirsi di vari ospiti, mangiano cibo da varie fonti.

Ciò favorisce la rapida riproduzione per partenogenesi delle specie sempre più in accrescimento, perché si basa anche sullo sviluppo di cellule sessuali femminili non fecondate. La razza O. scaber è stata oggetto di numerosi studi per comprendere meglio il funzionamento della partenogenesi.

Come possiamo identificarli?

Questo coleottero è facilmente identificabile quando invade le colture in cerca di cibo. Vediamo le caratteristiche più notevoli di questi punteruoli diffusi in tutto il mondo.

  1. Il coleottero adulto è lungo almeno 1 cm. Mangia di notte e si nasconde al meglio durante il giorno.
  2. È nero, con alcune macchie abbastanza visibili ad occhio nudo.
  3. Hanno elitre o ali fuse e non volano.
  4. Le larve sono bianche e hanno la testa marrone. Non hanno le gambe. Mangiano dalle radici delle piante.
  5. Le larve, nel loro primo stadio, mineranno le foglie e gli steli della pianta , ma si nutrono di radici nella loro seconda età o di prole.
  6. Quando queste larve della seconda frizione attaccano le radici, raggiungono la zona della corona o del collo della pianta, per farsi strada attraverso gallerie aperte che sono piene di escrementi che attirano la proliferazione di funghi, che porta la pianta a morire in seguito a causa marcire. . 
  7. Gli esemplari adulti depongono le uova appena arriva la primavera , attività che si protrae fino all’estate , quindi i danni che provocano alle colture a scopo alimentare si manifestano tra l’ autunno e la nuova primavera.
  8. Gli adulti mangiano il bordo delle foglie, ma non provocano danni significativi alla pianta. D’altra parte, le larve sono molto pericolose.
  9. In molte specie di questo genere esistono razze poliploidi e partenogenetiche, ma esistono anche razze diploidi e sessualmente riproduttive. mentre il resto delle razze è diploide e di riproduzione sessuale. 

Quali piante colpiscono i punteruoli (Otiorhynchus spp.)?

Sono molte le specie vegetali che soccombono all’attacco di questi punteruoli. Arbusti vari come azalee, ortensie, camelie, rododendri, ciclamini, tra gli altri, possono essere colpiti da questi punteruoli che possono facilmente diventare un parassita.

In generale, le varietà di piante perenni , bulbose e molte piante da appartamento, come Sedum, Primule, Impatiens, Fuchsia, Begonie, sono suscettibili di ammalarsi di punteruolo.

Ma attaccano anche Vigneti, Tasso e molte altre piante che comunemente crescono nei giardini. Inoltre, se attaccano esemplari di bonsai li uccideranno in breve tempo. 

Lo stesso accade con alberi da frutto come fragole   e fragole, che vengono invasi da attacchi strategici del punteruolo sulla chioma e sulle radici della pianta.

Come combattere i punteruoli (Otiorhynchus spp.)?

Alcune azioni mitigano l’invasione di questi tonchi. Vediamo.

Controlli regolari delle piante coltivate sono molto importanti per effettuare una precoce individuazione degli esemplari adulti che arrivano in primavera.

Questo dovrebbe essere fatto di notte perché hanno abitudini alimentari notturne. L’uso di una torcia per questo monitoraggio sarà essenziale.

Questi tonchi possono essere rimossi manualmente dalla pianta e se vengono catturati in anticipo, allora eviteremo la pericolosa deposizione delle uova.

Tuttavia, quando le larve sono già apparse e riescono a infettare le radici della pianta, sarà molto più difficile rimuoverle o eliminarle, quindi le applicazioni di un prodotto sistemico possono aiutare, perché le larve si intossicano quando mangiano dall’avvelenato apparato radicale.

 Una buona formula preventiva consiste nell’utilizzare il principio attivo Metil-pirimifos in piena estate o Permetrina.

Controlli biologici

Nel caso della specie O. sulcatus , il controllo biologico delle larve è una pratica comune. 

Un’opzione è quella di utilizzare nematodi entomopatogeni e funghi entomopatogeni sono ugualmente efficienti nell’eliminazione dei punteruoli, così come di altre specie di Otiorhynchus.

I funghi entomopatogeni, in particolare il tipo B. bassiana, sono utilizzati in tutto il mondo per il controllo biologico degli insetti nocivi.

Il substrato di coltivazione può essere miscelato con funghi entomopatogeni quando si piantano piante, i funghi entomopatogeni sono direttamente sulla pianta o nel terreno applicato.

Mentre l’effetto dei funghi entomopatogeni sugli insetti è buono, finora si sa poco sulla loro persistenza, distribuzione e influenza. PreFeRal® WG e GranMet-P®, così come bassiana, Isaria fumosorosea contenente Naturalis®, possono essere utilizzati quando si tratta di controllare il parassita con metodo biologico.

Quali sono i migliori prodotti per eliminare i punteruoli (Otiorhynchus spp.)?

NEMATOP, prodotto con il componente attivo Heterorhabditis bacteriophora, molto efficace nell’eliminazione di larve e pupe.

Deve essere applicato con l’ausilio di attrezzature a spruzzo, sia per iniezione che con il metodo dell’irrigazione a goccia .

È conveniente gettarlo tra la fine di marzo e la fine di maggio, in modo che le larve vengano sterminate, poiché si riproducono durante l’ invernoL’irrorazione va effettuata anche tra i mesi di agosto e ottobre, per eliminare le larve che si sono formate durante l’allegagione primaverile.

Tuttavia, va tenuto presente che la specie Otiorhynchus può reagire in modo diverso ai pesticidi e ha una propria fenologia. Ecco perché è di vitale importanza identificare la specie che attacca la coltura, affinché le strategie di controllo siano efficaci.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.