Suggerimenti

Baobab, scopri le proprietà medicinali e gli usi di questo albero

Per la stanchezza e l’affaticamento muscolare, per la cura dei capelli, per le gengive infiammate, per le allergie, la febbre, l’ ipertensione …. Il Baobab è un albero meraviglioso le cui radici, corteccia, foglie, semi e olio servono per prendersi cura della salute in modo naturale contro una moltitudine di disturbi.

Le qualità nutritive e medicinali del Baobab ricordano la prodigiosa Moringa (conosciuta come l’albero della vita ).

Se vuoi sapere tutto ciò che è più importante su questo albero magico, in questo articolo sveleremo i fatti più straordinari che non puoi perderti senza sapere.

Cos’è il Baobab?

Il baobab ( Adanzonia digitata ) è una famosa, anche se poco diffusa, specie di alberi di grandi dimensioni e forma spettacolare, detto anche “Albero piantato capovolto”, per la sua forma, “elefante di legno” o “elefante vegetale”, per la sua di grandi dimensioni, o “Albero Magico”, per i suoi molteplici usi.

Si tratta di una specie autoctona delle regioni semiaride dell’Africa subsahariana, i cui esemplari sono generalmente isolati l’uno dall’altro, e può raggiungere i 30 metri di altezza.

Il suo caratteristico tronco può raggiungere i 20 metri di diametro e immagazzinare al suo interno dai 6.000 ai 100.000 litri d’acqua. Sia il suo tronco, che foglie e frutti, sono utilizzati per scopi nutrizionali e medicinali , oltre che per molteplici attività.

Esistono 8 specie di Adansonia , una di esse ( A. gibbosa ) si trova esclusivamente nel nord-ovest dell’Australia, e altre sei sono endemiche del Madagascar, ma la più numerosa e ampiamente distribuita è A. digitata , o baobab africano.

È un albero che vive normalmente per circa 500 anni e può vivere per più di 5.000 anni.

Le sue foglie sono grandi e palmate, e i suoi fiori biancastri si aprono solo di notte. Il suo frutto è una capsula ovale che misura tra 10 e 45 cm, con un guscio duro e legnoso che contiene molti semi incastonati in una polpa disidratata composta da piccoli agglomerati farinosi dal sapore leggermente agrumato.

Frutti e foglie sono le parti più comunemente utilizzate come alimento, ma la loro corteccia e le loro radici hanno anche importanti proprietà medicinali .

Le sue foglie vengono consumate cotte o in brodo, essendo un alimento base in molte popolazioni dell’Africa subsahariana. La polpa del frutto si consuma fresca, si estrae dalle fibre e dai semi impastandoli in acqua fredda, la cui emulsione viene setacciata, oppure mescolata in diverse preparazioni.

La produzione di polpa e foglie di baobab si basa quasi interamente su alberi che crescono naturalmente nelle foreste o nei campi degli agricoltori locali. Come con altre specie non addomesticate, c’è una grande variabilità nelle caratteristiche tra i singoli alberi selvatici in diverse regioni, compresi i tratti morfologici e il contenuto di nutrienti di polpa, semi e foglie.

Per questo motivo è importante conoscere l’origine dei prodotti Baobab che acquistiamo, assicurandoci che siano garantite le condizioni di sostenibilità nella produzione e comprendano le loro informazioni nutrizionali.

Composizione e valore nutritivo del Baobab

Varie parti della pianta hanno proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antimicrobiche, antivirali, antiepatotossiche, antidiarroiche e tripanocide (un gruppo di parassiti).

A seconda della composizione di ciascuna di queste parti del Baobab, vengono utilizzate in diversi usi tradizionali.

  • foglie di baobab

Contengono tra il 13 e il 15% di proteine, dal 60 al 70% di carboidrati, dal 4 al 10% di grassi e circa l’11% di fibre , fornendo un valore energetico di circa 450 chilocalorie di cui l’80% è energia metabolizzata.

Sono ricchi di provitamina A e vitamina C e contengono 5 degli 8 amminoacidi essenziali. Sono una fonte significativa di proteine ​​vegetali e minerali (soprattutto ferro ), oltre a conferire una consistenza viscida ai piatti della tradizione locale come zuppe e stufati.

  • Polpa di baobab

Contiene l’8,7% di umidità con il 2,7% di proteine ​​vegetali , lo 0,2% di grassi, il 73,7% di carboidrati e l’8,9% di fibre, con un valore energetico simile a quello delle foglie.

È noto per il suo altissimo contenuto di vitamina C , che può raggiungere fino a 10 volte quello dell’arancia .

La dolcezza è fornita dall’alto contenuto di fruttosio, saccarosio e glucosio, mentre il sapore acido è dovuto alla presenza di acidi organici che comprendono acido citrico, tartarico, malico, succinico e ascorbico (vitamina C), apportando anche minerali come il calcio , ferro e magnesio .

  • semi di baobab

Contengono il 33,7% di proteine, il 30,6% di grassi, il 4,8% di carboidrati e il 16,9% di fibre. Il valore energetico è di circa il 50% superiore a quello delle foglie.

Sono usati come addensanti nelle zuppe e sono fermentati come agenti aromatizzanti. Vengono anche tostate per essere utilizzate come surrogato del caffè o consumate nei panini.

  • Olio di semi di baobab

Contengono il 73,1% di acidi grassi insaturi e il 26,9% saturi, con elevate percentuali di acido linoleico (39,4%) e oleico (26,7%), nonché acido palmitico e alfa-linolenico.

Sono stati usati per secoli dalle comunità locali per applicazioni medicinali, alimentari e cosmetiche .

A cosa serve il Baobab?

Molti studi dimostrano che la polpa del frutto di Adansonia digitata è ricca di vitamine e minerali, oltre a contenere una grande quantità di fibra alimentare solubile e insolubile. Il contenuto di vitamina C contribuisce alla sua elevata capacità antiossidante , così come alcuni flavonoidi e tannini.

Nella medicina tradizionale, la polpa del frutto e i semi in polvere del baobab vengono utilizzati nei casi di dissenteria e per favorire la traspirazione.

La corteccia, dal canto suo, è considerata un tonico cardiaco che possiede anche proprietà diuretiche .

Gli oli dei semi sono utilizzati nella medicina tradizionale locale per il trattamento topico di spasmi muscolari , vene varicose e ferite , nonché per la cura dei capelli .

Le foglie e la polpa dei frutti sono usate come antipiretico. Le foglie in polvere sono preparate per trattamenti antistress e antifatica , oltre che per alleviare le punture di insetti e come tonico.

Anche nella medicina tradizionale i semi tostati e frantumati sono usati per lenire i denti malati e le gengive infiammate ; In alcune regioni, un decotto della corteccia viene utilizzato anche come risciacquo per pulire le gengive malate.

Gli studi hanno confermato che la corteccia ha proprietà antiemorragiche, diaforetiche, antipiretiche e antioftalmiche, verificando che un suo estratto etanolico ha migliorato le contrazioni dei muscoli cardiaci nei ratti e uno dei suoi componenti glicosidici è un antiossidante con proprietà antitumorali , anti-HIV e antibiotici.

Gli studi confermano che i preparati fogliari hanno anche effetti ipotensivi, antistaminici, lenitivi ed emollienti , mentre la polpa del frutto del baobab agisce come palliativo per febbri e dissenteria.

Alcuni esperimenti sui ratti hanno inoltre dimostrato che la polpa del frutto ha un marcato effetto antinfiammatorio e attività analgesica e antipiretica , per la presenza di steroli, saponine e triterpeni.

I test hanno anche dimostrato che la polpa del frutto potrebbe essere utilizzata per trattare l’ anemia falciforme . Grazie a tannini, mucillagini, acido citrico e cellulosa, può essere efficace contro la diarrea, e ha effetti prebiotici , dovuti alle fibre alimentari solubili, stimolando la crescita e l’attività metabolica degli organismi benefici nel nostro intestino.

Gli estratti di frutti, semi e foglie sono antimicrobici contro Bacillus subtilis, Escherichia coli, Mycobacterium leprae e antimicotici contro Penicillium crusto-sum, Candida albicans e Saccharomyces cervisiae.

Le vitamine essenziali (B1 e B2) presenti nella polpa del frutto sono importanti per l’integrità delle cellule, del sistema nervoso, degli occhi e della pelle. La vitamina B3 (niacina) è essenziale nelle funzioni metaboliche e la vitamina B6 (piridossina) è coinvolta nella produzione di sostanze che regolano l’umore.

La quantità di vitamina C nella polpa del frutto del baobab raggiunge i 300 mg per 100 g, quindi con soli 25-30 g raggiungerebbe la quantità giornaliera raccomandata (75 mg per le donne e 90 mg per gli uomini). L’ azione antiossidante della vitamina C protegge le cellule dai danni dei radicali liberi, oltre ad aiutare l’assorbimento di ferro e calcio. La carenza di vitamina C può causare lo scorbuto e indebolire il sistema immunitario favorendo la suscettibilità alle malattie.

Dal canto suo, la vitamina A è essenziale per il mantenimento dell’integrità cellulare e, insieme alle precedenti, favorisce la sintesi della melanina.

In sintesi….

In particolare, la polpa del frutto del baobab è studiata come alimento funzionale ed elemento importante per l’uso cosmetico per le sue proprietà:

  • Antiossidante : favorisce la rigenerazione cellulare, prevenendo l’invecchiamento e le malattie.
  • Antinfiammatorio : riduce l’inflazione muscolare dovuta a lesioni, artrite, artrosi, ecc.
  • Analgesico : riduce il dolore.
  • Antimicrobico : aiuta ad eliminare o inibire la crescita di microrganismi come batteri e parassiti.
  • Prebiotico : favorisce la crescita di batteri benefici per la protezione intestinale.
  • Fonte di vitamine e minerali : che contribuiscono al benessere generale e all’umore.

Possibili controindicazioni di Baobab

La quantità giornaliera consigliata è stabilita tra 5 e 30 grammi di polpa di frutto di baobab (un cucchiaino massimo a un cucchiaio), che può essere diluito in liquidi, come succhi, acqua, yogurt o altri preparati.

La polpa è negativa per gli allergeni più comuni e non ci sono stati studi conclusivi sulla sensibilità ai suoi componenti. Tuttavia, ci sono alcune preoccupazioni su alcuni acidi grassi, in particolare gli oli di semi di baobab, che potrebbero essere dannosi.

Si raccomanda di non superare le dosi indicate ed evitarne l’uso durante la gravidanza o l’allattamento, non essendoci evidenze scientifiche conclusive circa il suo utilizzo in queste situazioni o consumo eccessivo, nonché interazioni con farmaci specifici.

Bibliografia consultata

  • “Baobab Tree ( Adansonia digitata L) Parti: nutrizione, applicazioni negli alimenti e usi in etnomedicina – Una recensione”, Zahrau Bamalli, Abdulkarim Sabo Mohammed, Hasanah Mohd Ghazali e Roselina Karim. Dipartimento di Scienze dell’Alimentazione, Facoltà di Scienze e Tecnologie Alimentari, Universiti Putra, Malesia. Annals of Nutritional Disorders & Therapy, Vol 1, Issue 3. 2014
  • “Descrittori per Baobab ( Adansonia digitata )”, Kehlenbeck K., S. Padulosi e A. Alercia. Centro Internazionale per la Biodiversità e Mondiale Agroforestale. 2015.
  • “Baobab, il super frutto africano del benessere”, Todo Salud, Istituto Biologico della Salute. 2011
  • “Market Brief nell’Unione Europea per ingredienti naturali selezionati derivati ​​da specie autoctone. Adansonia digitata Baobab ”, Dr. Joerg Gruenwald e Dipl. Ing. Agr. Mathias Galizia. Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo. 2005

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *